in

5 Serie Tv da guardare se non sei stupido

Dark
#
#

Le serie tv sono uno dei modi più semplici e belli per distrarsi dalla propria quotidianità, per svagarsi e rilassarsi. Le comedy – in questo senso – sono le favorite, così come le serie che cercano di creare un intrattenimento degno di nota. Ma non per tutte funziona così: alcuni prodotti non riescono a rilassare lo spettatore perché sono dotati di elementi cervellotici non indifferenti, trame non poco complicate e la consapevolezza che distrarsi dallo schermo significa ricominciare da capo la puntata perché ogni cosa è collegata e fondamentale ai sensi della comprensione, proprio come accade in Dark (abbiamo affrontato il tema della sua difficoltà proprio qui).

#
#

Premettiamo che ovviamente il titolo è estremo e ironico, volto a intensificare il concetto di difficoltà di questi prodotti che più e più volte ci fanno impazzire. Non c’è l’intenzione di offendere nessuno, bensì quella di estremizzare un dato di fatto: le serie tv sotto riportate sono davvero difficili, e richiedono un livello di attenzione, riflessione e ragionamento che va molto, molto oltre il mero intrattenimento che spesso ci aspettiamo da una serie televisiva.

E stiamo parlando proprio di loro!

#
#

1) Dark

Come dicevamo, Dark è una serie difficile. La sua difficoltà è dovuta a una trama che si interseca con tutte le vicende, motivo per cui perdersi anche solo un minuto di una puntata può rivelarsi deleterio per lo spettatore.

I viaggi nel tempo, le varie ambientazioni ed epoche, i personaggi nel presente che tornano dal futuro e che al tempo stesso fanno un salto nel passato, i vari collegamenti tra i protagonisti e le assurde parentele: tutto questo accade in sole tre stagioni. C’è da ammettere che gli autori sono stati davvero bravi a saper spiegare tutto questo puzzle, ma a volte non è bastato. Tante sono state le persone che sono state costrette a farsi uno schema per fare il punto della situazione con maggiore chiarezza.

Pochi sono i prodotti che possono vantare di tale complessità che presenta un’organizzazione così perfetta. Perfetta, proprio come Dark.

2) The Leftovers

Dark

The Leftovers è uno dei prodotti più belli ed enigmatici degli ultimi anni che – proprio come Dark – non mette al centro una scarica di eventi razionali e meccanici, ma accende un faro sull’emotività delle persone e sul loro modo di affrontare i tragici eventi.

In questa serie viene raccontata la storia di una popolazione che si ritrova, senza alcun tipo di spiegazione, con il 2% in meno di essa. La narrazione parte tre anni dopo dal tragico evento, questo ci catapulta fin da subito nella realtà della popolazione rimasta intenta a cercare di mandare avanti in qualche modo la propria vita.

Distorsione della realtà da parte di ogni personaggio, illusioni sul controllo di una vita che è stata messa sottosopra da qualcosa che non è chiaro e individuabile. Un finale che sconvolge tutto e che conferma questo prodotto come uno dei migliori degli ultimi tempi nonostante la sua complessità.

3) True Detective (seconda stagione)

Dark

La seconda stagione di True Detective inizia con un omicidio: Ben Caspere, un politico corrotto di una cittadina in California. Il cadavere presenta – tra i tanti segni fisici inquietanti – gli occhi bruciati, i genitali amputati e simboli satanici sulla pelle. L’omicidio dietro di sé nasconde importanti rivelazioni più macabre e agghiaccianti di quanto si potesse immaginare, arrivando a toccare perfino le pratiche dell’occultismo.

Una seconda stagione affascinante e senza dubbio cervellotica che ha diviso i fan: chi da una parte non riesce a comprenderla e se ne distacca, e chi invece apprezza la sua parte complessa e ne fa comunque tesoro ritenendola all’altezza del suo nome.

4) Legion

Flashback, realtà e poi finzione, verità che si tramutano in viaggi mentali: stare dietro a una serie come Legion è qualcosa di assurdo.

Una serie che va complicandosi passo dopo passo, episodio dopo episodio e che rende la visione accattivante ma estremamente difficile. Sottovalutarla è un grosso errore vista la vastità che presenta questo prodotto: tanti elementi uniti perfettamente tra di loro che lasciano spazio a una visione mai distaccata che ti lascia immergere in una realtà contorta.

Se cercate qualcosa di ben costruito e complesso adesso che Dark è giunta definitivamente a termine, questa è la serie che fa per voi.

5) Twin Peaks

Stranezze, piani temporali che s’intersecano tra di loro e intrecci che si susseguono, una serie che negli anni ribadisce la sua forza.

Un omicidio, quello di Laura Palmer, una foresta oscura e tanti segreti. Proprio in questo delirio l’agente speciale Cooper dovrà operare nella cittadina con istinto e immaginazione, cosa che porterà la trama a un livello di complessità molto elevato. Un prodotto che necessita di grande dedizione dallo spettatore.

Una serie da non sottovalutare che lascia non poco spazio alla sua complessità.

LEGGI ANCHE: Dark – Anche Stephen King in estasi: «Allora c’è speranza!»

Scritto da Annalisa Gabriele

Le serie di Netflix sono contemporaneamente le peggiori e le migliori. Pro: tutti gli episodi vengono rilasciati lo stesso giorno. Contro: tutti gli episodi vengono rilasciati lo stesso giorno.

Cinque in Famiglia

#VenerdìVintage – Che fine hanno fatto gli attori di Cinque in Famiglia, la sit-com con Matthew Fox?

Serie Tv comedy sottovalutate

Le 5 Serie Tv comedy più sottovalutate presenti su Netflix