in

5 motivi per votare Frank Underwood alle prossime elezioni

#5. FRANK UNDERWOOD NON È MATTEO RENZI – Underwood non esiste, Renzi sì. Underwood vive una vita da serie tv perché è il protagonista di una serie tv, Renzi vive una vita da serie tv anche se vive nella realtà. Confondere realtà e fantasia è un pericolo. Ironizzare su uno dei personaggi più affascinanti della storia delle serie tv è lecito, emularlo può rilevarsi deleterio. “Caro Renzi, House of Cards non è un manuale di istruzioni”. L’ha detto Michael Dobbs, autore dei romanzi dai quali ha tratto ispirazione la serie, non un passante qualunque. A buon intenditor poche parole. Finché si scherza, e solo se si scherza, un voto per Underwood è sacrosanto. No?

Antonio Casu

@antoniocasu_

Written by Antonio Casu

Divulgatore seriale serio, serioso e ironico, ma senza il sex appeal di Alberto Angela.

The Walking Dead

The Walking Dead, i 7 personaggi peggio sfruttati della serie

Netflix

5 motivi per investire 3 euro al mese su Netflix