in

10 villain delle Serie Tv che è letteralmente impossibile odiare

Se da bambini tendevamo a preferire gli eroi ai villain, oggi la situazione si ribalta. Film, libri, serie tv alla Breaking Bad hanno contribuito a creare una figura del cattivo affascinante, oscuro, irresistibile. Sono personaggi complessi che nascondono fragilità, sofferenze e dolori. Ed è proprio da quelli che nasce la loro storia. Certo, le loro azioni non sono scusabili, ma capiamo perché si comportano in quel modo. E poi sono loro il motore della storia.

Come dice Moriarty a Sherlock:

In tutte le fiabe c’è bisogno di un cattivo vecchio stampo. Tu hai bisogno di me altrimenti non sei nulla.

Ci sono alcuni villain costruiti così bene, interpretati in maniera impeccabile, così profondi e misteriosi di cui condanniamo le azioni, ma che in fondo non riusciamo mai a odiare davvero.

In questo pezzo sono riportati 10 esempi, compreso uno da Breaking Bad. Andiamo a vederli insieme.

1) Jim Moriarty (Sherlock)

Breaking Bad

Arthur Conan Doyle lo ha creato, Andrew Scott gli ha dato vita. Quello che l’attore irlandese fa in Sherlock è impressionante.

Il Moriarty del piccolo schermo fa paura. Mette i brividi, ci terrorizza. E lo fa perché è uno psicopatico e sa di esserlo. È perfettamente conscio di chi sia, lo esibisce con orgoglio. Non è un caso che il suo soprannome è “Napoleone del Crimine”. Sintetizza perfettamente la sua essenza: una mente geniale e criminale, l’unica in grado di rivaleggiare con quella di Sherlock (infatti sono tra quei protagonisti e antagonisti che hanno un rapporto di ambigua interdipendenza).

Brillante, malvagio, ironico, senza morale. Desidera solo una cosa: portare il suo rivale a vedere il mondo sotto una luce nuova, la sua. Per riuscirci è disposto a tutto, anche ai gesti più estremi. E noi semplicemente lo amiamo, anche se non dovremmo.

Perché senza Moriarty, Sherlock non sarebbe lo stesso.

Written by Chiara Manetti

Amo scrivere; è la mia passione più grande. Datemi due personaggi e vi monto una storia in un baleno. Mi considero da sempre una scrittrice, anche se non ho mai pubblicato niente.
Amo le serie TV. Le ho scoperte quasi per caso ma, da quando l'ho fatto, non le ho più abbandonate. Ne divoro non so quante a settimana, al mese, all'anno.
Quindi che fare con due passioni come queste? La risposta è semplice: le ho unite. Ho fatto bene? Ovviamente. Il risultato? Beh, quello me lo dovete dire voi.

naruto

La classifica delle 10 Serie Tv più viste secondo TvTime la scorsa settimana (8-14 giugno)

the big bang theory

7 pessime notizie sulle Serie Tv