Vai al contenuto
Home » SERIE TV » Le 15 Serie TV che purtroppo non riusciremo mai a vedere

Le 15 Serie TV che purtroppo non riusciremo mai a vedere

Alcune volte cominciamo una serie tv appena uscita, e scopriamo che questa ha un grandissimo successo ed è destinata a durare anni; altre volte ci appassioniamo a una serie tv che, per quanto sia appena uscita, viene cancellata dopo solo una stagione, e se poi ha un finale aperto noi siamo lì a mangiarci le mani, perchè non sapremo mai come sarebbe potuta finire.
E poi ci sono quelle volte, quelle rare volte, in cui viene ordinato un pilot per una nuova serie tv, ma la produzione decide di cassarlo da subito, perciò nessuno conoscerà mai la storia che il regista o lo sceneggiatore volevano raccontare.

Stiamo vivendo in un periodo floridissimo per le serie tv, e forse alcuni di questi pilot uccisi ancora prima di nascere potevano davvero diventare dei cult. Quindi, senza altri indugi, andiamo a vedere quali sono le 15 serie tv che non vederemo mai sui nostri schermi. 

1. Jake’s Journey (CBS, 1988)

https://www.youtube.com/watch?v=C8BxIoUo2Ag

Partiamo dalla fine degli anni ’80, quindi da oltre 30 anni fa! Questo telefilm è stato scritto e recitato da un vecchio membro dei Monthy Python, Graham Chapman, ormai purtroppo passato a miglior vita. La serie tv si proponeva di raccontare le vicende di un ragazzo sbalzato nel Medioevo, andando a riprendere le fila di Monthy Python e il Sacro Graal. Purtroppo però la CBS rifiutò il pilot, giudicando l’humor inglese non comprensibile al pubblico americano. A noi non resta altro che goderci il trailer, e immaginare cosa sarebbe successo se questa serie fosse stata davvero prodotta.

2. Poochinski (ABC, 1990)

Una storia divertente quanto commovente, risalente agli anni ’90, quando buona parte delle serie tv erano poliziesche ed erano caratterizzate dalla perfetta coppia formata da due poliziotti. La storia è quella di Peter Boyl, poliziotto che si trova a morire in un incidente d’auto. Solo che, invece di morire, si reincarna in un cane, e comincia un’indagine con il suo partner per scoprire chi l’ha ucciso. Insomma, il suo non è stato affatto un incidente! Anche questo pilot fu buttato nella spazzatura dalla ABC, ma per chi fosse davvero curioso, vi annuncio che su Youtube si può trovare il pilot completo in lingua originale!

3. Lookwell (NBC, 1991)

Serie tv che avrebbe dovuto essere prodotta da Conan O’Brien, va a richiamare un po’ la trama di Birdman, film del 2014 che ha avuto un enorme successo. Protagonista della storia è Adam West, noto per essere il Batman televisivo, che avrebbe interpretato la parte di una stella decaduta proprio della televisione. Avendo recitato più volte nei ruoli di un poliziotto, il protagonista si convincerà ben presto di poter essere in grado di svolgere questo lavoro anche nella vita reale… Secondo voi, era possibile? Nel dubbio, qui sopra potete trovare il pilot completo!

4. Doorways (ABC, 1993)

Ovvero, quando George R. R. Martin non era ancora diventato famoso per Game of Thrones. Lo scrittore più famoso e sadico degli ultimi anni aveva già provato nel 1993 a far breccia nel mondo delle serie tv, con la storia di un gruppo di persone che potevano attraversare le porte di altri mondi paralleli. Sarebbe stato un colpo da maestro, se solo la serie tv fosse effettivamente riuscita a partire. C’è da dire che poi Martin è stato in grado di rifarsi, o no?
Piccola nota: non sono riuscita a trovare il trailer del telefilm, ma solo questa clip, per altro in russo. Se non altro però potete farvi un’idea.

5. Heat vision and Jack (FOX, 1999)

Quello che avrebbe potuto essere un colpo da maestro per la FOX è stato cancellato ancora prima di cominciare. Questa serie TV, dai tratti assurdi e con la tendenza a richiamare il più ben noto Supercar, sarebbe stata scritta dall’ideatore di Community Dan Harmon e avrebbe dovuto essere diretta da Ben Stiller. A dare corpo a questa storia sarebbero stati Jack Black e Owen Wilson, che sarebbe stata la moto parlante. Insomma, nomi noti e altisonanti, ma zero futuro. Noi vogliamo comunque ricordarla nel nostro elenco, e sappiate che anche per lei su Youtube si può trovare almeno la prima parte della prima puntata.

6. North Hollywood (ABC, 2001)

serie tv

Questa serie tv, in pieno stile dramedy, avrebbe dovuto essere diretta da Judd Apatow, di recente noto per Love, telefilm che gli sta procurando forse uno dei suoi primi successi in campo televisivo. Nei primi anni 2000, infatti, Apatow aveva già provato a produrre diverse altre serie tv, e pare che questa fosse una delle  più promettenti. North Hollywood sarebbe stata ambientata ad Hollywood, e avrebbe trattato la giovinezza del regista stesso con toni satirici. Tra gli altri attori presenti nel cast si ricordano Adam Sandler e Jason Segel. In pieno contrasto con questa produzione, però, la ABC preferì Entourage.

7. Black Market Music (HBO, 2003)

serie tv

Sempre per la regia di Apatow, ecco un altro pilot che forse avrebbe meritato di diventare una serie TV di successo. Con protagonisti Seth Rogen e il già citato Jason Segel, la storia avrebbe narrato le vicende dei due proprietari di un negozio di dischi. Il telefilm si proponeva di avere cameo di vari musicisti e di diversi attori, tra cui Jack Black. Anche questo, però, è stata una serie TV senza speranze.

8. The corrections (HBO, 2012)

Arriviamo ad anni ben più recenti, con una serie TV che a molti sarebbe piaciuto vedere. Tratta dall’omonimo libro di Johnatan Fanzer, di cui qui sopra ho riportato una parte in pieno stile audio-libro, il telefilm si proponeva di seguire pedissequamente le vicende del libro, affidando il tutto ad un cast stellare, tra cui spiccano i nomi di Ewan McGregor, Maggie Gyllenhaal e Chris Cooper. Seguire alla lettera le vicende del libro, però, voleva anche dire portare sul piccolo schermo tutti i movimenti avanti e indietro nel tempo. Data la difficoltà di comprensione che ne sarebbe risultata, quindi, la HBO cassò la serie, affidando la produzione del poi pluripremiato True Detective.

9. Susan 313 (NBC, 2012)

Detta anche l’antenata di Amy Schumer, Sarah Silverman  ha avuto un discreto momento di gloria diversi anni fa, ma ora sembra essere totalmente scomparsa dalla circolazione. Si pensa che la sua sparizione sia anche dovuta al rifiuto della serie TV da lei scritta, che fu appunto Susan 313, in cui l’attrice interpretava se stessa. Qui sopra possiamo assistere a qualche scena del pilot commentata da una youtuber. Confesso che ero alla ricerca del pilot intero, che a quanto pare la stessa Sarah aveva caricato sul suo canale Youtube. Purtroppo però, niente da fare: il pilot risulta introvabile. 

10. The farm (NBC, 2013)

Questa è una di quelle serie TV che avrebbe dovuto, almeno secondo i calcoli della NBC, andare in onda con una discreta certezza, in quanto si poneva come parte della versione americana di The Office. Più nello specifico, la serie sarebbe stata uno spin-off dell’originale serie con Steve Carrell, e si sarebbe concentrata sull’impiegato Dwight Shrute, alle prese con il lavoro in una fabbrica di barbabietole. Nonostante il test effettuato su un largo audience, la serie non riuscì a decollare, e, a giudicare da questi pochi minuti di intro che ho trovato, forse è stato meglio così.

11. Zombieland (Amazon, 2013)

Serie TV che avrebbe dovuto basarsi sull’omonimo film, Zombieland prevedeva, tra le altre cose, un cast stellare, con nomi come Emma Stone, Jesse Eisenberg e Woody Harrelson. Il pilot però non è mai partito perchè non è mai stato approvato dai fan. La formula delle serie TV prodotte da Amazon, infatti, prevede che siano i clienti Prime a scegliere quale serie verrà prodotta, in base alla visione online del pilot. Quindi, voti bassi e cancellazione assicurata per Zombieland.

12. How I met your dad (CBS, 2014)

In molti avevano parlato di questo spin-off dopo la conclusione di How I met your mother, ed anche in questo caso sembrava ormai cosa fatta. L’idea era quella di riprendere la serie TV madre nelle premesse, e di assistere alle vicende di un gruppo di amici al bar, solo che la storia sarebbe stata narrata da una donna. Tutti erano pronti, inclusa Greta Gerwig nel ruolo della protagonista, quando però, prima ancora che si potesse vedere la prima puntata, venne annunciato che la serie TV non si sarebbe più fatta.

13. Delirium (FOX, 2014)

https://www.youtube.com/watch?v=j51FvUbid_w

A ben guardare, questa serie TV aveva tutte le premesse per avere successo: da un’attrice come Emma Roberts, a una casa di produzione come la FOX, ad una trama interessante, poichè tratta da una trilogia di libri scritti da Lauren Oliver. La saga narrava di un mondo alternativo, in cui l’amore veniva considerato una malattia, e, come tale, doveva essere debellato e vietato. Insomma, le premesse per il successo c’erano già tutte. Peccato che la FOX non ci abbia creduto poi così tanto.

14. Strange calls (NBC, 2015)

serie tv

Questa sarebbe stata una serie TV perfetta per tutti gli amanti di Community. Il protagonista della storia, infatti, avrebbe dovuto essere Abed, all’anagrafe conosciuto come Danny Pudi, che si trovava qui a recitare la parte di un giovane detective che si trasferiva in un piccolo paesino di campagna. Una volta qui, però, si sarebbe reso conto di quanto questo posto fosse legato ad eventi sovrannaturali. Per quanto si potessero trovare diversi lati comici d’insieme, non sapremo mai come avrebbe potuto svilupparsi la vicenda, visto che il pilot non è mai andato in onda. 

15. Cheerleader death squad (The CW, 2015)

serie tvQuesta si che è una serie TV che ci avrebbe tenuti con gli occhi incollati allo schermo! Almeno, dato l’argomento trattato e l’ambientazione, avrebbe di certo tenuto incollata me. Prodotto dallo stesso creatore di Desperate Housewives, il telefilm avrebbe narrato le vicende di un gruppo di cheerleader, reclutate da un agente della CIA per diventare delle spie. Non vi suona come un’idea intrigante solo leggendola?