in

10 videogiochi che dovrebbero diventare Serie Tv

Non dovete essere necessariamente amanti dei videogiochi per capire che sta cambiando la concezione delle realtà virtuali. La modalità di gioco è sempre più vicina ad una percezione cinematografica: le trame sono sempre più contorte, più studiate e più coinvolgenti. La storia si plasma in base alle scelte che prendiamo durante il gioco, il destino non è necessariamente scritto in alcuni di essi. Il piccolo schermo è un mondo a parte, siamo d’accordo su questo; le tempistiche di un film, di un libro, di una serie tv e di un videogioco sono completamente diverse. Le trasposizioni cinematografiche dei videogiochi non sono state quasi mai molto fortunate. Resident Evil, Silent Hill, Tomb Raider e così via, hanno innescato pareri discordanti. In trepidante attesa sono i fans di World of Warcraft, il cui trailer dell’imminente film danno vive speranze.
Intanto, mi è venuta la folle idea di pensare a qualche videogioco con una trama coinvolgente da cui poter realizzare una serie tv.

 

Beyond: Two Souls

Jodie è la protagonista del fantastico videogioco Beyond: Two Souls, con cui voglio iniziare questo bizzarro viaggio alla ricerca di un punto di incontro tra la narrazione virtuale e quella telefilmica. L’interprete è Ellen Page, e tanti altri sono gli attori, come Willem Dafoe, ad aver “prestato” il loro volto alla magia della motion capture. Ma iniziamo ad analizzare l’interessante storia. Conosciamo la protagonista fin dai suoi primi anni di vita. E’ legata ad un’entità che le permette di stare sempre un passo avanti a chiunque le intralci la strada, un’entità che attraversa i muri e le amplifica i sensi. Ci affezioniamo a Jodie, l’amiamo e disprezziamo chi invece la mette in un angolo per via del suo segreto paranormale. L’ideale per una trama del genere sarebbe una serie tv strutturata come quelle inglesi: tre episodi a stagione lunghi un’oretta e passa. Crescere con lei, con le sue paure, le sue incertezze e al fianco dell’entità che la protegge, ci terrà incollati allo schermo.

Written by Giuseppina Cataldo

Amo i viaggi (anche quelli mentali), i supereroi, i concerti, i colpi di scena, i tramonti, il mio letto, la pizza. Sono una Bridget Jones amante di apocalissi e fantascienza, per cui non ho paura di sognare in grande.
Sono ubriaca di mio, nonostante sia astemia.
Cambio look spesso, voglio captare ogni sfumatura prima di scegliere quella giusta.
In testa ho la mia isola di Lost personale.
Sono onnivora, nel senso più ampio del termine.
Odio l'ansia.

2 Broke Girls 5×16 – Un ritorno a casa con il cuore spezzato

Shadowhunters

L’incredibile rinnovo di Shadowhunters