in ,

Kidding 1×03 – “Every Pain Needs a Name” è sofferenza e sollievo

kidding

Il terzo episodio di Kidding si incentra sulle conseguenze delle azioni, che siano proprie o compiute da altri.

Le conseguenze delle parole di Mr. Pickles per la sua fan Shaina sono così positive e d’ispirazione che decide di smettere di fare uso di droghe, di frequentare spacciatori e inizia una nuova vita. Le conseguenze del comportamento strano di Jeff portano Seb a trovare un’alternativa. Svela infatti alla figlia di avere già un piano per sostituire Jeff senza eliminare Mr. Pickles, attraverso la creazione di un pupazzo con le sue sembianze e trasformandolo in cartone animato.

Maddy, la figlia di Deirdre, inizia a mostrare segni di instabilità emotiva dovuti alla preoccupazione che i genitori divorzino a causa della “stretta di mano segreta” che ha visto tra il padre e il vicino di casa. È ironico come Seb, alle urla fuori controllo della nipote Maddy, consigli a Deirdre di abbracciare sua figlia, mentre lui non ha lo stesso riguardo per Jeff che, come Maddy prova un dolore che non riesce a gestire.

Come dice il titolo di questo episodio di Kidding, ogni dolore ha bisogno di un nome, per essere identificato, spiegato e capito.

Il dolore di Jeff ha più nomi: Phil, Jill, Will. Il dolore della ragazza in ospedale è il cancro, il dolore di Deirdre è il tradimento. E se non c’è una cura per certi mali, si può però almeno alleviare la sofferenza. E Seb spinge Jeff a cercare qualcuno che allievi il suo. Ci sono infatti diverse donne che uscirebbero con lui, ma lui insiste nel non voler vedere nessuno. È l’apparenza che preoccupa Jeff, il fatto che la gente possa vederlo senza la moglie e capire la sua situazione complicata. Forse il fatto che la gente lo sappia renderebbe il tutto più reale, e lui non è ancora pronto ad accettarlo.

Decide comunque di provare a uscire con una delle spasimanti, ed è proprio Shaina la fortunata. A fine serata però, Jeff cambia umore e va via frettolosamente dopo che la ragazza gli confessa che lui le ha salvato la vita. Ma la verità è che è stato Mr. Pickles a salvarla, non l’uomo con cui è andata a cena. Il fatto che non ci sia distinzione per le persone tra i due mette a disagio Jeff, che in una lettera a Shaina spiega perché non vuole rivederla.

È un’enorme responsabilità salvare le persone. Forse imparare cosa non voglio è il primo passo della scalata per imparare cosa voglio.

Eppure, non riesce proprio a smettere di aiutare le persone. Jeff infatti “salva” anche la ragazza del pianerottolo, la quale non perde tempo nel provare a baciare Jeff, che prontamente rifiuta.

“Non sei stanco di fare sempre la cosa giusta?”

Alla fine, Jeff va a letto con la ragazza che ha conosciuto in ospedale. Anche in una cosa frivola come il sesso occasionale, Jeff vuole trovare un senso. Avrebbe potuto scegliere di stare con Shaina, o di avere un’avventura con la giovane donna del pianerottolo, ma ha scelto la donna con una malattia terminale. Non per compassione o per qualche voglia perversa, ma probabilmente per farle capire che è ancora viva, e deve sentirsi viva.

Ma il motivo principale probabilmente è che questa donna non è stata salvata da Mr. Pickles. È stata l’unica a non voler assecondare le azioni di Mr. Pickles in ospedale. Lei ha parlato con Jeff, e lui non vuole stare con qualcuno che lo consideri un eroe. Il suo personaggio lo è, ma non lui. Jeff è triste, ma nonostante questo è chiaro che vuole risalire dal fondo. La speranza è ancora viva in lui. Vuole scalare la montagna per arrivare in cima. Senza salvare nessuno, tranne se stesso. Le prossime puntate di Kidding ci diranno se ce l’avrà fatta.

Leggi anche: Kidding 1×02 – “Pusillanimous” ci fa dubitare di Jeff

Game of Thrones

Il commovente addio di Peter Dinklage a Tyrion Lannister

Netflix

Baby, ecco il teaser della serie Netflix sullo scandalo del quartiere Parioli