in ,

Il boss della HBO difende Westworld dalle critiche: «Non è per spettatori distratti»

Westworld

La seconda stagione di Westworld si è guadagnata molte critiche positive e ben ventun nomination agli Emmy Awards del 2018, inclusa quella per ‘Miglior Serie Tv Drama’.

Eppure non è stata risparmiata dalle critiche negative, molte che riguardano la complessità della narrazione. Inoltre, a livello di ascolti, la seconda stagione è calata rispetto alla precedente.

Al presidente della HBO Casey Bloys è stato chiesto nel corso dei Television Critics Association  di Beverly Hills questa settimana cosa ne pensasse delle critiche negative. La sua risposta è stata: “Westworld non è per gli spettatori distratti”.

“Non credo ci siano state così tante critiche negative. Siamo felicissimi per le nomination agli Emmy.

Ciò che amo di Westworld è che le persone che amano la Serie Tv la amano davvero. E anche le persone a cui non piace sentono il bisogno di parlarne e di avviare discussioni in proposito e di farti sapere che la Serie Tv non piace loro. Ed è importante, è ciò che noi vogliamo.”


Molte persone hanno criticato la seconda stagione di Westworld affermando che è troppa confusionaria. A loro Bloys risponde:

“Abbiamo inviato i nostri primi cinque episodi ai critici e da tutte le recensioni emergeva che la narrazione era comprensibile. Sentite, Westworld non è per spettatori casuali e distratti. Richiede la tua attenzione. Gli sceneggiatori Jonathan Nolan e Lisa Joy amano sfidare i loro spettatori e molti si sentono ripagati da questa sfida. Westworld è una Serie Tv unica ed è ciò che noi cerchiamo.”

E infatti la bellezza di questa Serie Tv sta proprio nel suo essere una serie complessa che invita lo spettatore a prestare attenzione ad ogni minimo dettaglio e a interrogarsi sui suoi misteri.

In merito alla sua futura fine, Jonathan Nolan e Lisa Joy hanno rivelato di sapere già da ora come concludere l’intera serie.

Westworld ha ottenuto il rinnovo per la terza stagione, ma dovremo aspettare il 2020 per vederla.

Leggi anche – Westworld: Che senso ha la seconda stagione?

Written by Debora Bolis

La mia carriera da telefilm addicted è iniziata quando mi sono unita al Glee club; da lì in poi ho iniziato a seguire con costanza le serie TV, non importa il genere. Nella vita reale cerco di trovare il mio posto nel mondo, ma principalmente viaggio con il Dottore per tutto il tempo e lo spazio. Lui è il mio hobby preferito.

Sharp Objects

Sharp Objects: la soffocante quotidianità del Missouri

the handmaid's tale

The Handmaid’s Tale – Joseph Fiennes ci lascia a bocca aperta: «C’è una scena che mi sono rifiutato di fare»