Vai al contenuto
Home » News » The Truman Show: la storia del film è ispirata all’ossessione dei media per Lady Diana

The Truman Show: la storia del film è ispirata all’ossessione dei media per Lady Diana

The Truman Show è uno dei film più apprezzati dal pubblico tra quelli che vede come protagonista Jim Carrey.

Nel 1998 l’attore aveva già mostrato il suo grande talento comico, recitando in commedie di grande successo come Ace Ventura – L’acchiappanimali, The Mask, Scemo & più scemo e Bugiardo bugiardo. Tuttavia Jim Carrey intendeva portare sullo schermo un personaggio più drammatico e impegnato. Ha scelto quindi di interpretare Truman Burbank, un ragazzo che si ritrovava ad essere il protagonista involontario di uno spettacolo televisivo incentrato sulla sua vita. The Truman Show ha ottenuto un grande successo e ha conquistato anche la critica statunitense. Il film, infatti, è stato candidato a tre Premi Oscar nel 1999 e ha permesso a Jim Carrey di vincere il suo primo Golden Globe Award. Si tratta, secondo noi, di uno dei 5 migliori film con Jim Carrey che è possibile trovare su Netflix. Noi di Hall of Series abbiamo parlato di questa pellicola nella nostra rubrica Il film del mese.

Ma sapevate che la trama di The Truman Show è ispirata alla storia della principessa di Lady Diana e all’ossessione dei media per la sua vita?

A rivelarlo è stato lo stesso regista dell’opera nel corso di una lunga intervista rilasciata al The Independent nella quale ha parlato dei segreti del film. In questa occasione ha raccontato che con The Truman Show intendeva denunciare come i canali di informazioni si fossero trasformati in una sorta di reality show. L’attenzione però era soprattutto sulla reazione del pubblico rispetto agli eventi che accadevano a Truman Burbank. Peter Weir voleva far capire come gli spettatori fossero diventati totalmente indifferenti alla sofferenza del protagonista, dopo che avevano perso la capacità di distinguere la realtà dalla finzione. Ecco cosa ha detto:

I notiziari serali, a mio avviso, alcuni decenni fa si trasformarono in una sorta di intrattenimento. C’è un piccolo montaggio di apertura con musica di tromba: vedi un incidente aereo, un incendio, una donna che piange. […] Non provi davvero alcun sentimento per queste persone nello schianto o nell’incendio. Allo stesso modo, mentre guardano The Truman Show, gli spettatori nel mio film sono parte del mostruoso sfruttamento di una persona, al punto da perdere la ragione e la capacità di distinguere tra reale e irreale.

Per la scrittura del film fu naturale ispirarsi a un evento di cronaca che era avvenuto proprio l’anno precedente: la morte di Lady Diana.

L’ossessione del pubblico (e dei media) per ogni dettaglio dell’esistenza della principessa lo ha inevitabilmente influenzato nel narrare la storia di Truman Burbank. Ecco cosa ha spiegato:

Era difficile non fare paragoni [con la situazione di Lady Diana]. Se ci fossero state telecamere puntate su di lei quell’ultima notte, la gente avrebbe continuato a guardare. L’incontro romantico in hotel… lei sta uscendo dal Ritz… e poi – oh , mio Dio! – sta per morire. Per me era affascinante l’agonia che provava il pubblico mentre i paparazzi stavano lavorando per loro.”

A proposito di The Truman Show avevate notato che Bojack Horseman aveva omaggiato il film?. Inoltre la pellicola con Jim Carrey ha ispirato anche uno dei più grandi successi dello scorso anno. In un’intervista Greta Gerwig ha svelato, infatti, come il film ha influenzato Barbie.