in

The Haunting of Bly Manor – Amelia Eve parla dell’esperienza con Mike Flanagan e Carla Gugino

Dopo il grande successo di The Haunting of Hill House, Mike Flanagan è tornato con il secondo attesissimo capitolo della serie tv antologica che si propone di riadattare al piccolo schermo celebri romanzi dell’orrore. In questo caso, con The Haunting of Bly Manor, Flanagan ha tratto ispirazione da Giro di Vite di Hanry James, raccontandoci la romantica e terrificante storia dei fantasmi che popolano il maniero di Bly (qui trovate la nostra recensione della serie).

The Haunting of Bly Manor, come prevedibile, ha diviso il pubblico in chi l’ha amata e chi l’ha odiata.

the haunting of bly manor

D’altronde, per quanto sbagliato, è difficile non mettere a paragone The Haunting of Hill House con The Haunting of Bly Manor, tenendo anche in considerazione che in Bly Manor ritroviamo gran parte del cast di Hill House. Tuttavia, una delle più grandi scoperte di questa stagione è indubbiamente Amelia Eve, che ha prestato il volto alla spavalda giardiniera Jamie.

Proprio Amelia Eve si è recentemente esposta raccontando la sua esperienza sul set con Mike Flanagan

La Eve ha dichiarato di essere una grande fan del lavoro di Mike Flanagan e non vedeva l’ora di mettersi alla prova vestendo i panni di Jamie. Ovviamente si trattava di un personaggio complesso e l’attrice non ha certo negato che, per portare in scena il bagaglio emotivo e il passato di un personaggio così delicato, si è dovuta impegnare e non poco.

A differenza che in Hill House, Mike Flanagan non ha diretto personalmente tutti gli episodi della serie ma, nonostante questo, a detta della Eve è stato sempre molto disponibile nei confronti di tutti.

All’inizio ho avuto più incontri con lui, durante i quali abbiamo pianificato come sarebbero andate le cose. Poi, su base quotidiana, quando hanno iniziato a intervenire gli altri registi gli ha lasciato molto spazio, permettendogli di apportare tutte le modifiche che ritenevano necessarie. Non era molto spesso sul set quando giravamo, ma è stato bello sapere che avremmo potuto spedirgli un’e-mail e lui ci sarebbe stato. Era in contatto con noi anche se non era presente fisicamente.

Amelia Eve si è detta entusiasta anche e soprattutto della collaborazione con Carla Gugino, la cui partecipazione alla serie è stata tenuta segreta fino alla fine, come sorpresa per i fan.

the haunting of bly manor

La Eve aveva apprezzato molto la Gugino già in Hill House ed è stato un vero e proprio sogno poter dividere il set con lei in The Haunting of Bly Manor, dicendosi anche incredibilmente sorpresa di come l’attrice americana avesse imparato in pochissimo tempo a recitare in un perfetto accento british.

Oh mio Dio, è stato un sogno. Sul serio, ho realizzato il mio sogno. Era una delle persone con cui volevo lavorare di più, perché quando ho visto il primo Haunting, sono rimasta estasiata dalla sua interpretazione. É una donna divina. La mia gioia è indescrivibile. Sono stata davvero molto fortunata ad avere la possibilità di lavorare con lei”

LEGGI ANCHE – The Haunting of Bly Manor – Sapevate che la bimba protagonista è la voce di Peppa Pig?

Scritto da Clotilde Formica

Scrivo, mi piace farlo.

Mi piace scivolare via veloce sulla cresta dei pensieri che si affollano, si inseguono, si punzecchiano e a volte mi scappano.

how i met your mother

Come è nato il tormentone “leggendario” di Barney Stinson

Game of Thrones

Game of Thrones, Emilia Clarke: «Mi sono ribellata con gli autori sulla gestione di Daenerys»