in

The Handmaid’s Tale 4: arriva un nuovo trailer e l data UFFICIALE [VIDEO]

The Handmaid's Tale
The Handmaid's Tale

The Handmaid’s Tale sta per tornare, più presto di quanto ci aspettassimo: in questo articolo vi avevamo anticipato che la quarta stagione sarebbe uscita in primavera e qui vi avevamo riportato le interessanti indiscrezioni del creatore Bruce Miller. Hulu nelle scorse ore ha rilasciato un nuovo trailer in cui compare la data precisa di rilascio della quarta stagione di The Handmaid’s Tale: il prossimo 28 aprile. Un’ottima notizia per i fan della serie, che si chiedono da un anno se June riuscirà mai a fuggire da Gilead e che fine faranno i coniugi Waterford, ora che finalmente sono stati raggiunti dalla giustizia.

Il nuovo trailer della quarta stagione farebbe pensare che June finalmente riuscirà ad attraversare il confine e trovare riparo in Canada: ma andiamo con ordine. Nel trailer vediamo molto chiaramente che la situazione a Gilead, rispetto a come l’avevamo lasciata alla fine della terza stagione, è nettamente peggiorata. June compare in abiti civili, aggirandosi per una città di Chicago deserta che sembra proprio essere sotto assedio.

E in effetti, la guerra pare essere definitivamente esplosa: rivediamo June insieme alle sue compagne, questa volta vestita da ancella, mentre viene portata via a bordo di una camionetta e attorniata da militari. Probabilmente le autorità di Gilead stanno evacuando le preziose (e ribelli) ancelle dalla città per farle sopravvivere alla guerra che si avvicina.

Siete seduti? Avete una bombola dell’ossigeno a portata di mano? Bene, allora siete pronti per vedere il trailer della quarta stagione di The Handmaid’s Tale, sulle note di You should see me in a crown di Billie Eilish.

Ci sono altri personaggi che ritroviamo nel trailer: alcuni sono una gioia, altri meno. Cominciamo dai ritorni che ci fanno piacere: l’ultimo Comandante di June, Joseph Lawrence, che l’aveva aiutata a organizzare la fuga di massa dei bambini da Gilead, sembra essere ancora vivo e in buona salute dal trailer. Questo ci rassicura (momentaneamente: le cose potrebbero ribaltarsi da un momento all’altro), perché dopo la conclusione rocambolesca del piano di June e delle altre ancelle ci aspettavamo di vederlo appeso al Muro.

L’altro ritorno che invece ci entusiasma decisamente meno è quello di Nick: nella scorsa stagione di The Handmaid’s Tale June aveva avuto la prova definitiva che il suo amante (e padre della sua figlia più piccola, Nicole, ora al sicuro in Canada) era un membro a tutti gli effetti del direttorio di Gilead e di non potersi fidare di lui. Ora lo vediamo insieme a Lawrence mentre parlano di lei, e in un’altra scena lampo mentre si bacia appassionatamente con June.

Una delle cose che ci gasa di più di questo trailer è il fatto di vedere finalmente June riappropriarsi dei propri abiti (che non è poco: come abbiamo imparato in The Handmaid’s Tale, gli abiti sono l’identità), ricongiungersi con sua figlia maggiore e, apparentemente, imbracciare le armi per combattere. Lo sentiamo dire anche a Fred Waterford: “lei comincerà una guerra”. Non stiamo nella pelle!

Rivediamo anche Zia Lydia, uno dei personaggi più controversi di The Handmaid’s Tale: chi ha letto I Testamenti, il seguito uscito nel 2019 de Il racconto dell’ancella, sa che [SPOILER]

…………………………………………………………………………………………………………………………….

Zia Lydia in realtà ha sempre lavorato per la resistenza. Quindi, quando nel trailer la sentiamo dire “portatela da me”, riferendosi a June, chi altro ha pensato che finalmente la copertura di Zia Lydia stesse per saltare? A supporto di questa teoria c’è l’ultima scena, letteralmente da cardiopalma, del nuovo trailer: June che si dichiara cittadina degli Stati Uniti, facendo presumere che sia finalmente riuscita ad attraversare il confine con il Canada. La scena che intravediamo ricorda molto quella descritta ne I Testamenti: siamo curiosissimi di vedere come questa storia si incrocerà con quella di The Handmaid’s Tale.

Written by Giulia Vanda Zennaro

In un mondo popolato da Khaleesi, osa essere una Cersei Lannister.

Snowpiercer

Snowpiercer 2×05, la Recensione – Tenere viva la speranza

Hugo Reyes e Sawyer: è bello essere amici senza chiedersi perché