in ,

The Defenders: Charlie Cox spiega il ruolo di Matt Murdoch nel crossover

Charlie Cox racconta Matt Murdoch

Charlie Cox ha recentemente lasciato alcune dichiarazioni su quello che è stato secondo lui il ruolo di Matt Murdoch nel crossover Netflix/Marvel dei Defenders.

Ebbene si, dopo un’attesa che è parsa ai fan quasi infinita la serie è stata finalmente rilasciata. Abbiamo parlato qui di quello che è stato uno dei crossover più attesi dell’anno.

A detta di Charlie Cox, tra i quattro protagonisti della serie evento, sarebbe proprio il suo Matt Murdoch quello ad avere maggiore importanza per lo sviluppo della serie stessa.

Di seguito le parole dell’interprete di Daredevil:

“Sapete, Matt ha già avuto due stagioni dedicate al proprio personaggio, quindi ci sono state già altre 13 ore da investire su di lui, in cui lo l’abbiamo conosciuto ancora meglio. Abbiamo imparato nuove cose su di lui, l’abbiamo visto in diverse situazioni. Penso che ciò significhi che egli porterà a The Defenders un bagaglio più sostanzioso di quanto possano fare gli altri personaggi.”

Certamente, aver avuto più spazio nel panorama Netflix ha aiutato Matt Murdoch ad avere più spazio e ad essere uno dei personaggi con più sfaccettature della serie.

Come poi abbiamo visto in Defenders la trama della serie stessa era piuttosto legata al personaggio di Matt Murdoch. Daredevil si è infatti trovato ad affrontare vecchi fantasmi del passato (Elektra per citarne uno) oltre che un nemico non certo sconosciuto (La mano).

morti

Proprio in merito a questo noto antagonista si è espresso Charlie Cox:

“Anche per come le varie storie arrivano a intrecciarsi, questa vicenda è molto personale per Matt. Inizialmente, non è personale per Jessica e Luke. Non sanno chi sia La Mano. Non si sono mai trovati davanti a un’organizzazione come questa. Matt e Danny devono spiegare loro ogni cosa, coinvolgerli e aiutarli a capire con cosa hanno a che fare. Per Matt e Danny, la storia è personale; da un punto di vista del personaggio, credo che questo possa essere a volte più avvincente.”

Charlie Cox ha inoltre aggiunto di essere stato messo al corrente ancor prima di tutti gli altri protagonisti del crossover di quella che sarebbe stata la vicenda narrata in The Defenders. Di seguito le sue parole mentre racconta come è stato seguire le serie singole dei suoi compagni di squadra:

“È stato davvero entusiasmante: mentre le altre serie venivano prodotte, io le seguivo con grande passione e iniziavo a conoscere gli altri ragazzi semplicemente incrociandoli nei corridoi, nei teatri di posa e cose simili, senza passarci mai davvero del tempo insieme. Poi siamo stati tutti riuniti in questo show, ed è stato splendido lavorare con un gruppo di persone così meravigliose e simpatiche. Anche quelli, tra noi, che non sono cresciuti leggendo i fumetti, sono ora diventati dei fan, perché siamo profondamente coinvolti da questi personaggi. In quest’ottica, The Defenders è stato particolarmente gradevole, perché siamo riusciti a goderci tutti i momenti da veri appassionati e le easter egg.”

Daredevil

Insomma se ancora non avete visto The Defenders è il caso di guardarlo per decidere se Charlie Cox dice tutte la verità nient’altro che la verità.

LEGGI ANCHE: Daredevil – Trapelate indiscrezioni sul nuovo villain della terza stagione: ecco i dettagli!

Scritto da Jessica Vergani

Le mie mille Je sono mille fatte di mille colori, mille
universi che si intrecciano ma non mi definiscono.
Ogni serie TV è una sfumatura di quello che sono o che mi piacerebbe essere.
Non mi piacciono le etichette, altrimenti lavorerei in cartoleria. ?

Defenders

Quale sarà il futuro dei Defenders? Ce lo dice lo showrunner della Serie

Game of Thrones

Game of Thrones – Ecco perché Bran potrebbe essere il Re della Notte