Vai al contenuto
Serie TV - Hall of Series » News » The Crown 6 – Il team contro le critiche sulle inesattezze: «Il pubblico è più intelligente di così»

The Crown 6 – Il team contro le critiche sulle inesattezze: «Il pubblico è più intelligente di così»

L’articolo potrebbe contenere alcuni spoiler sulla prima parte di The Crown 6. Non procedete nella lettura, se non avete ancora visto gli episodi.

La serie tv storica di Netflix, che è incentrata sulla monarchia della defunta regina Elisabetta II, è tornata con l’ultima stagione. Dopo che le prime puntate hanno posto l’accento sulla prematura scomparsa di Lady Diana, l’ultima parte concluderà il racconto arrivando fino al 2005. L’attesa sta per finire: il gran finale di The Crown 6 sarà caricato su Netflix il prossimo 14 dicembre e per il colosso dello streaming sarà la fine di un’era. Intanto non si arrestano le polemiche riguardo le inesattezze storiche del racconto, che da diversi anni a questa parte colpiscono la serie tv originale Netflix. Le persone vicine ai reali inglesi hanno accusato Peter Morgan di aver raccontato delle falsità solo per rendere più tragica la storia e di aver inserito delle sequenze “non necessarie e irrispettose” nei confronti dei soggetti coinvolti.

Una delle addette al team di ricerca di The Crown 6 è intervenuta, rimandando al mittente le critiche e difendendo lo show.

Non è bastato il disclaimer inserito lo scorso anno in occasione del lancio della quinta stagione, che specificava che si trattava di un’opera di finzione basata su eventi reali. Ogni volta che la serie porta sullo schermo degli avvenimenti, che sono ancora vividi nella memoria collettiva, la polemica è dietro l’angolo. Annie Sulzberger a The Hollywood Reporter ha ricordato però che The Crown non è documentario e può quindi prendersi delle libertà nel rievocare gli eventi:


Segui il canale di Hall of Series su WhatsApp: https://whatsapp.com/channel/0029VaGBD713mFXxAEHUv509


Penso semplicemente che il pubblico sia più intelligente di così. Non abbiamo mai pensato alla serie come a un documentario. Stiamo cercando di dare un’immagine di questo paese, queste istituzioni, queste persone in un modo che li umanizzi e che ci dia una piccola visione della nostra cultura. Non penso che il racconto sia stato minimamente fuorviante.”

Inoltre la donna ha commentato uno degli aspetti più discussi di The Crown 6: il ritratto della relazione di Lady Diana e Dodi Al-Fayed, che hanno entrambi perso la vita nell’incidente stradale del 1997. Non avendo potuto ascoltare la loro versione, Annie Sulzberger e il resto del team ha fatto delle attente ricerche e ha letto le testimonianze rilasciate da coloro che li conoscevano molto da vicino. Ecco cosa ha detto nell’intervista alla testata:

Non sono mai riusciti a trovare il tempo per parlare pubblicamente della loro relazione. Quindi ci siamo basati non sui media dell’epoca nel 1997, ma sulle testimonianze nell’Operazione Paget e nell’inchiesta del coroner che sono emerse molto più tardi, perché in quelle testimonianze sentivi le sue migliori amiche appena terminavano una telefonata con lei. Siamo stati in grado di entrare facilmente nel suo stato mentale, e penso anche con molta precisione attraverso tutte quelle testimonianze che sono state approvate dalla polizia britannica e successivamente ritenute accurate. […] Siamo piuttosto orgogliosi di tutti questi dettagli che siamo riusciti a raccogliere da ricerche molto accurate. E poi, quando li presentiamo, è un po’ considerato come blasfemia.”

La nostra guida informativa su tutto ciò che c’è da sapere di The Crown 6 (data, trama, cast e news)