in

Stranger Things 4 – David Harbour ha spiegato la ragione chiave dietro al look di Hopper

Circa un mese fa ha debuttato online il primo teaser trailer di Stranger Things, una delle serie televisive di punta della piattaforma streaming Netflix (potete trovare le nostre pagelle sui protagonisti in questo articolo). Creato dai fratelli Duffer, il dramma horror fantascientifico dello streamer è incentrato su un gruppo di adolescenti in una piccola città dell’Indiana mentre affrontano minacce soprannaturali dal misterioso regno del Sottosopra, con l’aiuto dell’adolescente telecinetica Eleven (Millie Bobby Brown). L’attore David Harbour aveva dato delle risposte criptiche riguardo al teaser trailer pubblicato, concedendo ai fan pochi indizi su cui lavorare.

In questi giorni Harbour è tornato a parlare di Stranger Things e del nuovo look che il suo personaggio, lo sceriffo Hopper, mostrerà al pubblico nel corso della prossima stagione.

David Harbour di Stranger Things ha parlato del suo look nella prossima stagione

In un’intervista al programma Jimmy Kimmel Live, Harbour ha parlato del suo lavoro sui prossimi attesissimi capitoli sia per l’universo cinematico della Marvel che per la serie di successo di Netflix. Riflettendo sul tempo trascorso nelle vesti di entrambi i personaggi in una prigione russa, la star ha discusso del loro aspetto diverso e ha rivelato che quello di Hopper deriva dal desiderio di distinguerlo dal blockbuster della Marvel. Potete leggere la sua dichiarazione qui sotto:

Avevo iniziato a farmi crescere i capelli, ma poi sono stato scritturato in quest’altra cosa per interpretare un prigioniero russo. Avevo i capelli lunghi e questa barba ed ero grande e ho pensato: ‘Non posso essere lo stesso ragazzo con capelli lunghi e barba nella stessa prigione’. Quindi stavo fotografando il set di [Black Widow] all’insaputa di tutti e ho inviato le foto ai fratelli Duffer, assicurandomi che non usassero nessuno degli stessi colori del set e che il look fosse diverso e gli abiti fossero diversi. Ho continuato a inviare queste foto e alla fine avevo tutti questi capelli e barba e avevamo programmato di farlo in questo modo, ma io pensavo ‘Ragazzi, non possiamo farlo, sto uscendo con questo film Marvel, non posso avere barba e capelli uguali’. Quindi abbiamo pensato a un look completamente diverso per Hopper, gli abbiamo fatto rasare la testa“.

Durante le prime tre stagioni della serie, lo sceriffo Hopper ha conquistato l’amore dei fan per diversi motivi: dalla sua persona affabile e con i piedi per terra, alla sua uniforme che ricorda i personaggi della serie Magnum P.I., fino ad arrivare ai baffi apparsi nella stagione più recente.
Con la terza stagione che si è allontanata da alcune delle cose che hanno reso grande Hopper, il cambiamento di outfit nel radersi i capelli e la barba potrebbe rivelarsi vantaggioso nell’esplorare la crescita del personaggio durante la quarta stagione, dopo essere stato un prigioniero russo per un tempo sconosciuto dall’ultima volta che i fan hanno visto il personaggio. Mentre una testa piena di capelli e una barba incolta può dare quel senso di aver passato del tempo in una prigione straniera dell’era della Guerra Fredda, la decisione di garantire che i fan siano in grado di differenziare il personaggio da Stranger Things al Guardiano Rosso è una mossa creativa.

Sebbene inizialmente si sia rivelato un momento piuttosto emozionante sia per Hopper che per il resto dei personaggi, la rivelazione della sua sopravvivenza ha diviso alcuni fan di Stranger Things sul fatto che abbia reso la sua scelta poco importante o tanto più potente. Con la produzione della quarta stagione che si è conclusa a marzo, il pubblico avrà probabilmente del tempo per aspettare prima che arrivino nuove immagini o teaser del prossimo capitolo.
Per il momento, gli spettatori possono aspettarsi il debutto di Harbour nell’universo cinematico della Marvel insieme a Black Widow, quando uscirà nelle sale il mese prossimo.

Written by Silvia Nunnari

Ho deciso che fra una serie televisiva ed un'altra, sorseggiando vino con Cercei Lannister ed Olivia Pope, di riempire il web con la mia scrittura.

sweet tooth

Sweet Tooth, la recensione: una favola post-apocalittica

The Expanse

The Expanse, le parole dell’autore: “Ho vinto la mia scommessa con George R. R. Martin”