in

Stillwater: Amanda Knox attacca pesantemente l’ultimo film di Matt Damon

Stillwater, l’ultimo film che vedrà protagonista Matt Damon e diretto dal regista Tom McCarthy, è stato aspramente criticato da Amanda Knox, la donna americana che trascorse quasi quattro anni in una prigione italiana in seguito alla sua condanna per l’omicidio del 2007 di Meredith Kercher, una studentessa in scambio che condivideva il suo appartamento.
Il film in questione debutterà al botteghino prossimamente (in Italia nel mese di settembre) e, a differenza dei recenti prodotti Disney+ che hanno debuttato nelle sale del cinema e potete trovare sul catalogo dello streamer, non sappiamo se questo verrà acquisito da qualche piattaforma (come per esempio Netflix, dove attualmente potete trovare 5 dei migliori film thriller).

Amanda Knox ha aspramente criticato l’ultimo film che vedrà protagonista Matt Damon

Stillwater racconta la storia di Bill Baker (Matt Damon), un operaio di una piattaforma petrolifera che lotta per riabilitare il nome di sua figlia dopo che è stata accusata di aver ucciso la sua amica mentre studiava in Francia. L’attrice Abigail Breslin interpreta la figlia adolescente di Damon nel film. Il regista e co-sceneggiatore McCarthy ha dichiarato di essere stato ispirato dalla storia di Amanda Knox e il dramma poliziesco è vagamente basato sul suo caso.
Prima dell’uscita di Stillwater, quest’ultima ha pubblicato un lungo thread su Twitter per esprimere la sua frustrazione per come il film si appropria ingiustamente della sua esperienza. Knox ha criticato la recente intervista di McCarthy su Vanity Fair, in cui ha ammesso di aver usato il caso del 2007 come ispirazione e di aver usato la frase “la saga di Amanda Knox“. Secondo la donna, tutta questa “messa a fuoco errata” su di lei distoglie l’attenzione dall’omicidio di Kercher e dal suo vero autore.
Ha aggiunto che nessuno della produzione del film ha chiesto il suo consenso e ha lamentato il fatto che il film farà milioni dopo aver trascinato la sua reputazione. Knox ha concluso invitando Damon e McCarthy a una conversazione sul suo podcast.

“Il mio nome mi appartiene? La mia faccia? E la mia vita? La mia storia? Perché il mio nome è associato a eventi a cui non ho partecipato? Torno su queste domande perché altri continuano a trarre profitto dal mio nome, viso e storia senza il mio consenso. Più di recente, il film STILLWATER. Questo nuovo film del regista Tom McCarthy, con Matt Damon, è “liberamente basato” o “direttamente ispirato” alla “saga di Amanda Knox”, come ha scritto Vanity Fair in un articolo a scopo di lucro che promuove un film a scopo di lucro, nessuno dei due con cui sono affiliata. Voglio fermarmi proprio qui, su quella frase: “la saga di Amanda Knox”. A cosa si riferisce? Si riferisce a qualcosa che ho fatto? No. Si riferisce agli eventi che hanno portato all’omicidio di Meredith Kercher da parte di un ladro di nome Rudy Guede. Si riferisce al lavoro scadente della polizia, alla visione limitata dell’accusa e al rifiuto di ammettere i propri errori che hanno portato le autorità italiane a condannarmi ingiustamente, due volte. In quei quattro anni di ingiusta detenzione e 8 anni di processo, ho avuto quasi a zero un’agenzia.
Tutti gli altri in quella “saga” hanno avuto più influenza sugli eventi di me. L’attenzione errata su di me da parte delle autorità ha portato a un’attenzione errata su di me da parte della stampa, che ha modellato il modo in cui sono stata vista. In prigione, non avevo alcun controllo sulla mia immagine pubblica, nessuna voce nella mia storia. Questa attenzione su di me ha portato molti a lamentarsi del fatto che Meredith fosse stata dimenticata. Ma ovviamente, chi hanno incolpato per questo? Non le autorità italiane. Non la stampa. Me! In qualche modo è stata colpa mia se la polizia e i media si sono concentrati su di me a spese di Meredith. […] Continuo ad essere accusata di “sapere qualcosa che non sto rivelando”, di “essere stata coinvolta in qualche modo, anche se non ho affondato il coltello”. Quindi la versione romanzata di me di Tom McCarthy è solo la versione di me colpevole della cospirazione dei tabloid. Romanzando la mia innocenza, la mia totale mancanza di coinvolgimento, cancellando il ruolo delle autorità nella mia condanna ingiusta, McCarthy rafforza l’immagine di me come persona colpevole e inaffidabile.”

Knox, che ora è giornalista e attivista, ha anche toccato il movimento #MeToo e ha sottolineato come le “dinamiche di potere” abbiano un ruolo nella formazione della narrativa di un soggetto.
Usando come esempio lo scandalo Bill Clinton e Monica Lewinsky, ha sostenuto che poiché l’ex presidente aveva più potere, il pubblico ha facilmente soprannominato la controversia come lo “Scandalo Lewinsky” invece che l'”Affare Clinton“.

Hollywood spesso prende ispirazione da eventi della vita reale e li trasforma in storie che ispirano e possono divertire il pubblico. Tuttavia, i sentimenti di Knox su Stillwater hanno un peso dato che ha vissuto personalmente la portata dell’ossessione dei media ntorno al caso. Si spera che il suo post emotivo possa dare un’idea di come l’industria dovrebbe affrontare con attenzione temi delicati, specialmente in un momento in cui le persone sono più consapevoli e autorizzate a parlare.

Scritto da Silvia Nunnari

Ho deciso che fra una serie televisiva ed un'altra, sorseggiando vino con Cercei Lannister ed Olivia Pope, di riempire il web con la mia scrittura.

10 Serie Tv che vorremmo cancellare dalla nostra memoria

7 curiosità su Sex/Life, la nuova serie dei record di Netflix