Vai al contenuto
Home » News » Netflix e lo STOP agli account condivisi: anche i figli all’università dovranno pagare la loro quota?

Netflix e lo STOP agli account condivisi: anche i figli all’università dovranno pagare la loro quota?

Netflix fa sul serio, e ormai lo abbiamo capito. Dopo un anno abbondante di preparazione del terreno, nel 2023 il servizio streaming più famoso al mondo è pronto a fare all-in per provare a invertire il trend che vede i ricavi dell’azienda in netto calo nell’ultimo periodo. Un primo passo, per far fronte al calo degli introiti, è stato fatto con l’introduzione del famoso abbonamento con pubblicità, un abbonamento meno costoso che prevede al suo interno però alcune limitazioni e una buona dose di pubblicità: per adesso, però, si è trattato di un flop conclamato. La mossa più imponente e decisiva però deve ancora arrivare, e arriverà appunto nel 2023: come ormai sappiamo, Netflix ha intenzione di mettere fine al fenomeno delle password condivise.

Un procedimento evolutivo che sta facendo molto discutere, ma che secondo i vertici dell’azienda è fondamentale per restituire linfa a Netflix. Troppi gli utenti che usufruiscono di Netflix senza pagare: secondo il Wall Street Journal, sono oltre 100 milioni (3 milioni solo in Italia). E allora è tempo di cambiamenti: un’operazione che dovrebbe partire dagli USA già nei prossimi giorni e che dovrebbe arrivare in Europa tra febbraio e marzo. Un processo graduale, come confermato dagli stessi vertici dell’azienda, per far sì che ci si possa abituare pian piano alle nuove regole.

L’account di Netflix, una volta implementate le nuove funzioni, non potrà essere condiviso al di fuori del proprio nucleo familiare. Ma a quanto pare potrebbero esserci delle eccezioni, legate a persone che pur facenti parte dello stesso nucleo familiare abitano a grande distanza. Lo riporta DDay affermando che i figli universitari dovranno pagare la loro quota e riportando le parole di Ted Sarandos: ““Penso che se si considerano le ore di intrattenimento su Netflix e il costo incredibilmente basso di un abbonamento, probabilmente la cosa più economica che si possa fare per il proprio figlio è regalargli una sottoscrizione a Netflix.

Una dichiarazione che lascerebbe presagire che persone facenti parte in precedenza dello stesso nucleo domestico, ma che per ragioni di lavoro o di studio si allontanano dallo stesso, dovranno pagare il famoso sovrapprezzo per condividere l’account. Ormai manca pochissimo e scopriremo tutta la verità: la fine di un’era è già cominciata.

Netflix cancella 8 Serie Tv e oltre 200 film a fine anno: ecco TUTTA LA LISTA!

Tag: