in

Netflix sigla un accordo con Amblin Partners, società di Steven Spielberg

Netflix

Netflix, oramai lo sappiamo tutti molto bene, è uno dei colossi streaming per eccellenza, al fianco di Amazon Prime Video, Disney+, Hulu e molti altri. Ha un’offerta sicuramente vastissima (fate un salto qui per poter vedere il catalogo completo) e nuovi arrivi quasi costanti. Vi consiglio anche di dare un’occhiata qui per vedere quali sono le migliori serie tv presenti sulla piattaforma da vedere in una giornata e qui per vedere cosa c’è in arrivo questa settimana.

Moltissimi film e serie tv di registi famosi e importanti nel settore sono già parte integrante dell’offerta nel catalogo italiano. Tra questi spicca sicuramente Steven Spielberg, del quale appunto si possono vedere (e recuperare, se qualcuno avesse delle grandi lacune cinematografiche) i successi più grandi, e non solo. Si possono trovare film come The Terminal, Prova A Prendermi, Munich, che possono essere considerati relativamente recenti, ma si possono vedere anche film come Lo Squalo, Jurassic Park, Schindler’s List e Hook – Capitan Uncino.

Avendo una florida carriera alle spalle non stupisce sapere che Steven Spielberg sia proprietario di una sua società di produzione. Stiamo parlando della Amblin Entertainment, il cui nome prende origine da uno dei primi cortometraggi del regista. A dare un ulteriore marchio di fabbrica ci pensa poi il logo, che richiama immediatamente uno dei più grandi successi cinematografici di Spielberg, ovvero E.T. – L’extraterrestre. L’Amblin Entertainment non ha prodotto solo grandi pellicole di diversi generi, incluse quelle d’animazione con film come Fievel Sbarca In America e Fievel Conquista Il West, ma anche serie tv molto famose, quali E.R. – Medici In Prima Linea, Animaniacs e Mignolo E Prof.

Amblin Entertainment fa parte a sua volta del gruppo Amblin Partners, ed è qui che scoppia la bomba: sembra proprio che Netflix, in prima linea come colosso dello streaming, abbia siglato un accordo con Amblin Partners per delle nuove produzioni.

Vediamo però di mettere in ordine tutte le notizie che abbiamo a riguardo. Ad essere del tutto onesti i dettagli effettivi di questa collaborazione non sembrano essere poi molto chiari, almeno per il momento. A dare notizia di questa nuova unione tra le parti è stato il sito americano Variety, che quindi riesce a fornirci qualche novità in più. Non è effettivamente nota la durata dell’accordo tra le due parti, ma si presume che possa prevedere la realizzazione di due film l’anno per Netflix da parte di Amblin Partners.

A dare poi l’effettiva notizia ufficiale ci ha pensato l’account NetflixFilm, con un tweet che lascia ben pochi dubbi sul futuro di molti film di Spielberg. Bisogna inoltre ammettere che, al tempo stesso, questa notizia ci ha sorpreso non poco. Circa due anni fa è stato infatti lo stesso Spielberg a richiedere che ai film distribuiti da piattaforme streaming online non fosse permesso di partecipare a premiazioni importanti come quella degli Oscar. A giudicare dalle pellicole candidate negli ultimi anni, in molti hanno pensato che uno dei registi più influenti e famosi di Hollywood ce l’avesse direttamente con Netflix. Lo stesso Spielberg però poco dopo smentì quelle date voci, dal momento che, a detta sua, aveva fatto una proposta dovuta solo alla “sopravvivenza del cinema“.

Subito dopo l’uscita della notizia, anche Steven Spielberg ha avuto modo di esprimersi e dire la sua sulla vicenda. In un comunicato riportato dal New York Times, il regista dice: “Alla Amblin, raccontare storie sarà sempre al centro di tutto ciò che facciamo, e dal primo minuto in cui ho parlato con Ted (Sarandos, uno dei CEO di Netflix) della collaborazione, è stato subito molto chiaro che avevamo un’incredibile opportunità di raccontare nuove storie insieme e raggiungere il pubblico in modi nuovi“.

Da amanti delle serie tv e del cinema, cosa ne pensate di questa nuova e probabilmente molto florida collaborazione? Che sia l’inizio di una nuova era sia per Spielberg e l’Amblin Partners che per Netflix?

Scritto da Elena Di Stasio

Ho studiato presso la Constance Billard School for Girls, e sono stata proprio io a scegliere Blair Waldorf come mia erede in quella scuola. In effetti, era la migliore delle mie tirapiedi.
All'università ho scelto di studiare per un periodo alla NYADA, ed ero l'allieva preferita di Cassandra July! Ma ho scoperto che scrivere e recensire sono le mie vere passioni. Ultimamente ho viaggiato fino a Westeros, e da poco mi sono appassionata ai viaggi nel tempo e nello spazio. Non so dove mi porterà il futuro, ma sarò lieta di tenervi aggiornati, dovunque andrò!

Serie Tv

Grey’s Anatomy definito spazzatura, Ellen Pompeo si arrabbia: «Andiamo avanti da due decenni»

Serie Tv

#VenerdìVintage – Che fine ha fatto Dominic Monaghan, l’indimenticabile Charlie di Lost?