Home » News » La Casa de Papel – Itziar Ituño ha rivelato che il personaggio non doveva chiamarsi Lisbona

La Casa de Papel – Itziar Ituño ha rivelato che il personaggio non doveva chiamarsi Lisbona

La Casa de Papel

La serie spagnola La Casa de Papel, creata da Álex Pina nel 2017, è andata in onda per 5 stagioni sulla piattaforma streaming Netflix. Segue le gesta di una banda di rapinatori guidata dalla mente del Professore (Álvaro Morte, che ha parlato recentemente della sua malattia). Sebbene molti dei loro veri nomi vengano rivelati nel corso dello show, la banda è originariamente conosciuta solo con i loro nomi in codice, che sono città di tutto il mondo tra cui Berlino (Pedro Alonso), Denver (Jaime Lorente), Nairobi (Alba Flores), Rio (Miguel Herrán) e Tokyo (Úrsula Corberó), che narra anche la serie.

Uno dei personaggi più interessanti di tutta la serie è Raquel Murillo di Itziar Ituño, che ha uno degli archi narrativi più ampi tra tutti i personaggi che sono apparsi nella serie. In origine era l’ispettore incaricato di negoziare con il Professore durante la prima rapina della banda nelle stagioni 1 e 2, ma alla fine si è innamorata di quest’ultimo e si è unita alla banda nell’ultima parte della serie tv.

Il nome in codice di Raquel? Non doveva essere di certo Lisbona

Roster Con ha condiviso una video intervista con Itziar Ituño registrata alla convention a tema La Casa de Papel, intitolata The Hold Up Gang, che si è svolta a Parigi l’8 gennaio scorso. Quando le è stato chiesto quale nome avrebbe scelto per il suo personaggio, ha rivelato che in effetti ha scelto proprio lei il nome. Ha inventato Lisbona quando le è stato chiesto di scegliere il nome di una città durante un’intervista prima della terza stagione, e sebbene gli sceneggiatori “stessero esitando… tra Lisbona e Lima“, hanno finito per scegliere il nome che aveva già selezionato l’attrice. Qui sotto la citazione completa:

“Beh, una volta in un’intervista mi è stato chiesto di scegliere una capitale, e io avevo scelto Lisbona. E poi – senza sapere che ci sarebbe stata una terza parte – ho detto Lisbona e mi hanno dato quel nome. Hanno cambiato il nome e mi hanno chiamato Lisbona, come avevo scelto io. Penso che stessero esitando tra Lisbona e Lima, ma alla fine hanno scelto Lisbona. Ma poi ho pensato “avrei dovuto scegliere Bilbao, vengo da lì!” Ma ehi, io amo Lisbona”.

Il motivo per cui le è stato chiesto di inventare un nome in codice era il fatto che, alla fine delle prime due stagioni, era l’unico personaggio principale (ora allineato con la banda) che non ne aveva uno. Il personaggio in ostaggio di Esther Acebo, Mónica Gaztambide, l’unico altro ruolo nella stessa posizione, aveva il nome in codice di Stoccolma preordinato perché è uno scherzo sulla sua sindrome di Stoccolma.

La serie racconta di una rapina costruita in modo impeccabile, ricca di colpi di scena e dramma in abbondanza. Tuttavia, il fulcro dello show ha sempre avuto un senso di divertimento che hanno chiaramente abbracciato durante lo sviluppo della nuova rapina per l’ultima stagione.

LEGGI ANCHE – La Casa de Papel: Álex Pina rivela i nomi dei due personaggi che si pente di aver fatto morire