in

Johnny Depp si scaglia contro la cancel culture: «Nessuno è al sicuro. Nessuno di voi»

Johnny Depp

Johnny Depp è tornato a dare la sua opinione, stavolta su un argomento di grande importanza sociale e culturale. Dopo essere recentemente salito agli onori delle cronache per merito della causa contro l’ex moglie Amber Heard (qui per avere maggiori dettagli a riguardo), l’attore ha voluto esprimere la sua idea su quel che riguarda la cancel culture. A ben vedere Johnny Depp ne è stato una vittima diretta. Infatti, dopo le accuse di Amber Heard a suo carico, l’attore è stato progressivamente allontanato da moltissimi progetti che lo vedevano protagonista. Per citarne solo alcuni, Warner Bros l’ha licenziato dalle future pellicole del franchise Animali Fantastici E Dove Trovarli (affidando poi il suo ruolo a Mads Mikkelsen, che ci ha comunque tenuto a rassicurare i fan) e anche Netflix, piattaforma streaming dal successo mondiale, ha tolto dal suo catalogo americano e australiano moltissimi film che lo vedevano protagonista.

Cerchiamo però di fare un po’ di luce sulla vicenda, cominciando dal capire cosa significa cancel culture e perché Johnny Depp sembra esserne stato una vittima diretta. Con il termine cancel culture (o anche cultura del boicottaggio) si definisce quella forma di ostracismo, riservata a persone più o meno famose. La vittima della situazione, spesso in seguito a una serie di eventi che la colpiscono o la riguardano direttamente (che a loro volta possono essere verificati come anche no), diventa oggetto di proteste indignate, e viene progressivamente allontanata dalla vita professionale e sociale. L’allontanamento in questione, spesso, avviene sia nella vita reale che sui social media.

Data questa definizione, è piuttosto facile capire come mai Johnny Depp si senta particolarmente vicino alla tematica della cancel culture, e al tempo stesso come mai abbia deciso di parlarne in maniera così diretta e schietta.

Ci sono ancora moltissimi punti oscuri nella vicenda tra l’attore e l’ex moglie Amber Heard. Tuttavia è innegabile che il trattamento riservato a Johnny Depp sia forse tra i peggiori che si siano visti nel settore, anche perché molte scelte sono state fatte semplicemente per salvaguardare la sola immagine, senza che ci fosse una verifica effettiva della veridicità delle accuse. Forse anche per questo, quando gli è stata posta direttamente la domanda sul fenomeno della cancel culture, l’attore ha deciso di rispondere in maniera sincera e senza trattenersi.

Per dare un contesto alla vicenda, Johnny Depp si è trovato a parlare dell’argomento durante una conferenza stampa precedente all’assegnazione del Donostia Award al San Sebastian Film Festival 2021. Si pensava che l’attore avrebbe dovuto rispondere solamente a domande sulla sua carriera, ma quando una giornalista gli ha chiesto cosa pensasse della cancel culture non si è trattenuto e ha voluto andare dritto al punto. Il mese scorso, infatti, un’associazione di registe aveva criticato il San Sebastian Film Festival per il premio dato a Johnny Depp, ma lo stesso direttore del festival si era posto in difesa dell’attore, sottolineando l’impegno di tutta l’organizzazione nella lotta contro la violenza e gli abusi di genere.

Quando dunque gli è stata posta la domanda diretta, l’attore ha espresso tutta la sua preoccupazione per la piega che sta prendendo la cancel culture, in particolar modo per il trattamento riservato ai personaggi famosi. “Si tratta di una situazione complessa. Può essere visto come un evento della storia che dura il tempo che dura o come una sorta di giudizio storico basato sull’aria inquinata che esaliamo. Sono sicuro che le sue intenzioni sono delle migliori, senza dubbio” ha dichiarato Johnny Depp. Ha poi continuato dicendo: “Ora, però, è talmente fuori controllo che posso assicurarvi che nessuno è al sicuro. Nessuno di voi. Basta una frase che non va e il danno è stato fatto ed è irreparabile. Non sto parlando soltanto di me ma di qualsiasi altra persona, uomo, donna e bambino che ne ha dovuto pagare le conseguenze. A un certo punto, inizi a credere che un comportamento del genere sia normale. Ciò che conta, però, è che tu sia detentore della verità. Se ce l’hai, allora puoi andare tranquillo e non deve importarti di nulla“.

Voi cosa pensate dell’affermazione di Johnny Depp?

Scritto da Elena Di Stasio

Ho studiato presso la Constance Billard School for Girls, e sono stata proprio io a scegliere Blair Waldorf come mia erede in quella scuola. In effetti, era la migliore delle mie tirapiedi.
All'università ho scelto di studiare per un periodo alla NYADA, ed ero l'allieva preferita di Cassandra July! Ma ho scoperto che scrivere e recensire sono le mie vere passioni. Ultimamente ho viaggiato fino a Westeros, e da poco mi sono appassionata ai viaggi nel tempo e nello spazio. Non so dove mi porterà il futuro, ma sarò lieta di tenervi aggiornati, dovunque andrò!

Bodyguard

Bodyguard, in arrivo la seconda stagione del successo Netflix con Richard Madden

netflix

La classifica delle 10 Serie Tv più viste su Netflix la scorsa settimana (20-26 settembre 2021)