Home » News » I Soprano: uno degli autori fu portato a cena da Gandolfini dopo il licenziamento

I Soprano: uno degli autori fu portato a cena da Gandolfini dopo il licenziamento

i soprano

Il dramma criminale I Soprano della HBO, creato da David Chase, è andato in onda per sei stagioni nel 1999, con James Gandolfini nei panni di Tony Soprano, un mafioso depresso che scopre se stesso con la terapia. La serie è stata interpretata anche da Lorraine Bracco, Edie Falco, Michael Imperioli, Dominic Chianese, Steven Van Zandt e Tony Sirico (e con una partecipazione speciale di Lady Gaga, che ha ricordato la sua performance recentemente). I Soprano è ampiamente considerata come una delle migliori serie televisive della storia, vincendo numerosi premi per Gandolfini, Falco e lo show stesso per il creatore Chase (al quale vennero chiesti dei cambiamenti in corsa).
Fortunatamente la serie continua a essere scoperta da un pubblico più nuovo e rimane uno degli show più discussi, con molti fan e creativi che analizzano la serie e condividono storie che prima erano sconosciute al pubblico.

Todd A. Kessler è meglio conosciuto per aver creato e scritto thriller televisivi di successo come Damages e Bloodline, ma ha iniziato la sua carriera scrivendo e producendo la seconda e la terza stagione de I Soprano, ed è stato nominato per un Emmy per aver co-scritto il finale della seconda stagione con Chase. Tuttavia, Kessler fu licenziato dallo showrunner a metà dello show.

James Gandolfini portò un autore della serie fuori a cena dopo il suo licenziamento

Secondo Yahoo News, Kessler ha rivelato che Gandolfini l’avrebbe invitato a cena dopo essere stato licenziato da I Soprano.
In un nuovo libro intitolato “Woke Up This Morning: A Definitive Oral History of The Sopranos” che descrive in dettaglio lo show, Kessler ha detto agli autori Michael Imperioli e Steve Schirripa che l’attore, che Kessler considerava ormai un caro amico, appena saputo la notizia della sua partenza lo portò fuori a cena, motivandolo a continuare la sua carriera.
La dichiarazione può essere letta di seguito:

Jim mi ha chiamato dopo aver finito di lavorare quel giorno. Sapeva cosa era successo e ha detto: ‘Ti porto fuori’… Ed è stato davvero uno di quei momenti che rimarranno per sempre con me di Jim. Mi disse: “Non ti sminuire. Non hai nulla di cui pentirti. Tieni la testa alta e sappi che hai fatto un ottimo lavoro.’

È sempre interessante ascoltare le storie dietro le quinte de I Soprano. Il gesto gentile e l’incoraggiamento che Gandolfini mostrò a Kessler parla di che tipo di persona fosse al di fuori della serie. Kessler può anche sentirsi meglio per il fatto che non solo è stato in grado di continuare la sua carriera dopo lo show, ma anche che non è stato l’unico scrittore ad essere stato licenziato, poiché Chase aveva la reputazione di sostituire gli scrittori nel corso della serie.

Nel complesso, è positivo che Kessler sia stato in grado di condividere una storia che era sicuramente un ricordo doloroso. Può anche essere contento di essere stato una parte vitale nella realizzazione de I Soprano, uno show che ha avuto un enorme impatto sui fan e sulle successive serie televisive.
I Soprano hanno lasciato un segno indelebile nella storia della televisione e molti continueranno ad essere incuriositi da tutto ciò che è correlato, con il libro scritto da Imperioli e Schirripa attualmente in vendita.

LEGGI ANCHE – I Soprano: Lady Gaga ricorda i suoi esordi: «Posso vedere esattamente cosa ho fatto di sbagliato in questa scena»