in

House Of the Dragon: il cast dello spin-off di GOT ora è al completo, ecco gli ultimi nomi!

House Of the Dragon è sicuramente una scommessa! House Of the Dragon potrebbe rappresentare l’atteso ritorno del mondo di Game of Thrones sul piccolo schermo. Sicuramente non stiamo più nella pelle soprattutto dopo aver appreso le ultime notizie sulla presenza musicale di Ramin Djawadi che tanto ci ha fatto sognare durante Game of Thrones. Ora che il cast è al completo non è più difficile ipotizzare e confermare quanto già detto cioè che l’uscita è prevista per il 2022. Inoltre, il successo (seppur parziale) che questo progetto sta avendo ci porta a pensare che forse ci saranno altri spin-off.

House Of the Dragon della HBO ha completato il suo cast principale con l’aggiunta di Rhys Ifans, Steve Toussaint, Eve Best e Sonoya Mizuno. Si uniscono a Paddy Considine, Olivia Cooke, Matt Smith ed Emma D’Arcy nel prequel di Game of Thrones firmato George R.R. Martin, Ryan Condal e Miguel Sapochnik. Basata su Fire & Blood dell’autore della saga, la serie, che è ambientata 300 anni prima degli eventi di Game of Thrones, racconta la storia della Casa Targaryen.

La serie ha cinque personaggi principali: Re Viserys Targaryen (Considine), Alicent Hightower (Cooke), la principessa Rhaenyra Targaryen (D’Arcy), il principe Daemon Targaryen (Smith) e Lord Corlys Velaryon (Toussaint), conosciuto come il Serpente di Mare, che diventa Mano della Regina Rhaenyra Targaryen durante la Danza dei Draghi.

Il Lord di Toussaint della Casa Velaryon proviene da una stirpe valyriana antica quanto la Casa Targaryen. Come “Il Serpente di Mare”, il più famoso avventuriero nautico nella storia di Westeros, Lord Corlys ha costruito la sua casa in un potente seggio che è anche più ricco dei Lannister e che vanta la più grande marina del mondo. Danny Sapani era precedentemente in trattative per il ruolo.

Ifans interpreterà Otto Hightower. Il Primo Cavaliere del Re, Ser Otto serve lealmente e fedelmente sia il suo re che il suo regno. Per il Primo Cavaliere, la più grande minaccia al regno è il fratello del re, Daemon, e la sua posizione come erede al trono. La Best è stata scelta per il ruolo della principessa Rhaenys Velaryon. Cavalcatrice di draghi e moglie di Lord Corlys Velaryon, “La regina che non è mai stata” è stata passata come erede al trono al Grande Consiglio perché il regno ha favorito suo cugino, Viserys, semplicemente perché è maschio.

Mizuno interpreta Mysaria, che è arrivata a Westeros senza niente ed è stata venduta più volte di quanto possa ricordare. Avrebbe potuto appassire… ma invece è cresciuta fino a diventare la più fidata – e più improbabile – alleata del principe Daemon Targaryen, l’erede al trono.

House Of the Dragon è stato co-creato da George R.R. Martin e Condal. La sceneggiatura pilota che ha ottenuto l’ordine della serie è stata scritta da Condal che svolge il ruolo di co-showrunner insieme al veterano di Game o Thrones Miguel Sapochnik, che dirigerà il pilot e gli episodi aggiuntivi. Martin, Condal e Sapochnik sono produttori esecutivi insieme agli scrittori Sara Lee Hess, Vince Gerardis e Ron Schmidt. Greg Yaitanes è co-produttore esecutivo. Yaitanes, Clare Kilner e Geeta V. Patel completano il team di regia della serie in 10 episodi.

Ifans, noto per i suoi ruoli in Notting Hill, i franchise di Spider-Man e Harry Potter. Toussaint è stato visto nell’acclamato film di Steve McQueen Red, White and Blue. Sul palcoscenico, Best è stata onorata con l’Evening Standard Award per l’Outstanding Newcomer in Tis Pity She’s A Whore, e l’Olivier Award per la migliore attrice nel ruolo del titolo in Hedda Gabler. Mizuno ha recentemente recitato in Devs di FX. Attualmente è in produzione nel film Am I OK, in cui recita al fianco di Dakota Johnson.

Quanto siete eccitati per House Of the Dragon?

Scritto da Lidia Maltese

In questa timeline sono una serie tv addicted che nel tempo libero finge di essere una studentessa universitaria.

Netflix ha in lavorazione su una docuserie sul caso GameStop

How I Met Yor Mother

How I Met Your Mother, Jason Biggs: «Rifiutare il ruolo di Ted è il mio più grande rimpianto»