in

Le 7 dichiarazioni shock di questa settimana nel mondo delle Serie Tv

Bentornati ad una nuova settimana (7 – 13 gennaio) delle 7 dichiarazioni shock che ci hanno lasciati a bocca aperta. Ormai siamo entrati ufficialmente in questo nuovo anno e le dichiarazioni scioccanti continuano a fioccare.
In questa nuova settimana vedremo non solo quello che la protagonista di Euphoria, Zendaya, ha avuto da dire su un ruolo che ha rifiutato, ma anche Sean Bean. Il Ned Stark di Game of Thrones, infatti, è tornato a parlare del ruolo fondamentale che ha interpretato nella serie televisiva.
Bando alle ciance, cominciamo!

1. Zendaya

Partiamo subito a bomba con la giovanissima Zendaya, interprete di Rue Bennett nella serie televisiva Euphoria; l’attrice ha svelato in una recente intervista uscita sul magazine GQ che ha rifiutato un ruolo perché a suo giudizio, il personaggio era al servizio di quello maschile. Qui sotto la sua dichiarazione:

Non che fossero brutte sceneggiature o cose del genere. Ma l’impressione che avevo è che la maggior parte delle parti femminili fossero semplicemente uguali: avrei potuto interpretarli tutti come se fossero la stessa persona e non avrebbe avuto alcuna importanza. Il modo migliore per descriverli è che solitamente erano donne il cui unico scopo era quello di aiutare il protagonista maschile a ottenere ciò che voleva, fare ciò che doveva fare. Non erano personaggi con una vera e propria evoluzione. E solitamente sembravano decisamente mono-dimensionali, non avevano sfaccettature, sembravano tutte la stessa persona, in continuazione. Sarebbe stato utile partecipare a quei progetti, ma sarebbero state esperienze che non mi avrebbero aiutato a crescere.

2. The Witcher – Henry Cavill

Prima di parlare di Game of Thrones, è giusto ricordare che Henry Cavill ha voluto tranquillizzare i numerosi fan di The Witcher: l’attore ha pubblicato un post sul suo account Instagram affermando la strada verso la guarigione dopo l’infortunio al tendine. Qui sotto la didascalia scritta da Cavill su Instagram:

Siamo in isolamento qui nel Regno Unito, quindi sto usando il mio esercizio all’aperto una volta al giorno per fare la prima corsetta dopo il mio infortunio al tendine del ginocchio! (Ne riparleremo la prossima volta). Non è stato veloce, e certamente è stato difficile, ma è stato un passo importante nella mia guarigione, e il mio primo passo per tornare al ritmo dopo un Natale che potrebbe aver coinvolto più di qualche bicchiere di vin brulè, e un tacchino eccezionalmente grasso.

3. Game of Thrones – Sean Bean

Sean Bean è tornato a parlare della sua esperienza come Ned Stark in Game of Thrones, grazie ad una intervista con Entertainment Weekly. L’attore ha anche voluto condividere come le riprese furono molto intense ed estenuanti.

“È stato orrore e incredulità – che Joffrey abbia cambiato idea sull’esilio di Ned – e poi la rassegnazione rendendosi conto che stava vedendo sua figlia per l’ultima volta, Arya. Stavo cercando di pensare a tutte e quattro le cose. Non era solo: “Oddio, mi stanno tagliando la testa”. Quel miscuglio di sentimenti è ciò che l’ha reso quello che era, suppongo. […] Ci è voluto circa un giorno intero per filmarlo e tu devi rimanere concentrato sul fatto che stai per incontrare la morte senza fare casini. All’epoca avevo molto caldo, e questo probabilmente mi ha aiutato. E le reazioni di tutti gli altri sono state fantastiche – Cersei e i bambini. È stato molto commovente, con un sacco di pathos in quella scena. Poi ho messo la testa nel blocco e ho finito per oggi”.

4. Sex And The City – Sarah Jessica Parker

Come sappiamo Sex And The City ritornerà sul piccolo schermo e non tutto il cast originale sarà presente. Kim Cattrall aveva già annunciato la sua dipartita dalla serie televisiva raccontando anche di non essere mai stata amica delle altri attrici sul set considerandole semplicemente come colleghe. Queste parole hanno portato una certa speculazione e Sarah Jessica Parker ha espresso la sua opinione in merito:

“Non ne ho mai parlato, tranne [per dire] che alcuni di noi sono rimasti delusi [dal fatto che il film non sarebbe uscito]. Ma non ho mai risposto alla conversazione che Kim ha avuto con Piers Morgan, in cui ha detto cose che mi hanno davvero offeso. Abbiamo avuto questa esperienza ed è stata incredibile, e niente sarà mai come questo. Abbiamo avuto una connessione con un pubblico, e avevamo un legame con la città e con questa troupe, e abbiamo avuto modo di raccontarci queste storie pazze. Quindi non voglio rovinare questo. Non potevo immaginare nessun altro che recitasse quella parte. Quindi non c’era nessuna lotta; è stato completamente inventato, perché in realtà non ho mai risposto. E non lo farò, perché aveva bisogno di dire quello che aveva bisogno di dire, e questo è un suo diritto.

5. La Casa de Papel – Miguel Herrán

Miguel Herrán il Rio de La Casa de Papel si è sfogato pesantemente coi suoi followers su Instagram. L’attore è risultato positivo al Covid-19 ed è attualmente in isolamento nella propria abitazione; le fotografie pubblicate sull’account sono state accompagnate da una lunga didascalia. Ecco le parole di Herrán:

“Sono bastati 6 giorni per distruggermi. Non voglio parlare. Né mangiare. Mi sono fermato nel mio momento più costruttivo e tutto è diventato distruttivo. Sono deluso da me stesso. Vorrei essere una persona migliore. […] Primo giorno, appena ho ricevuto la notizia che dovevo stare in casa. Triste, ma contento. Dominando le mie emozioni. […] 10 giorni per questo essere umano che è stato in contatto diretto con un positivo. A volte penso che la vita sia una farsa e che le scene che giriamo siano la realtà. Questa epoca che ci tocca vivere è come un romanzo fantascientifico… […] Non ho caricato nulla in rete in questi giorni perché preferisco circondarmi di chi vive nella mia vita. Approfitto di questa situazione straordinaria per dirvi che spero che tutto possa migliorare. Per tutti!! Speriamo di poter costruire un’umanità più forte, attenta e solidale. Un’umanità più realista e meno egoista.”

6. Kate Hudson

L’attrice Kate Hudson, insieme al fratello Oliver, ha fondato un podcast che si chiama Siblings Revelry: in occasione di una puntata la Hudson ha espresso il desiderio di connettersi con gli altri figli del loro padre biologico, che li ha abbandonati quando erano molto giovani. Dopo l’abbandono del padre, Bill Hudson, i due fratelli sono stati cresciuti dalla madre Goldie Hawn e dal compagno storico Kurt Russell. Qui sotto le parole dell’attrice:

“Abbiamo parlato così tanto di relazioni tra fratelli e rapporti sconvolti o buoni rapporti e siamo seduti qui come se avessimo la migliore famiglia, come se fossimo così grandi. Eppure, non riconosciamo mai il fatto che noi abbiamo altri quattro fratelli. Quindi ho pensato agli Hudson. Penso che sia importante entrare in contatto con tutti i nostri fratelli e magari connetterci un po’ con loro.

7. The Big Bang Theory – Jim Parsons

Nel corso di un’intervista con il Los Angeles Times, l’attore della serie di successo The Big Bang Theory, Jim Parsons, si è espressa su una questione che interessa molto il mondo dello spettacolo.
Parsons si è dichiarato a favore sulla possibilità che un attore non omosessuale venga scelto per interpretare un personaggio che invece lo è.

Lo spettro di discussione per me è questo: la battaglia da fare, per così dire, non è quella di far sì che i personaggi gay siano interpretati solo da gay, ma essere sicuri del fatto che tutti i ruoli siano disponibili per tutti gli attori. È importante che i personaggi gay vengano interpretati a tutto tondo, come individui completamente umani. […] È pieno di attori etero che hanno interpretato dei personaggi omosessuali in maniera splendida. Penso a Brokeback Mountain che è uno dei film con tematica gay più toccanti che ci sia, una delle più belle storie d’amore che abbia mai visto e quei due attori etero sono stati la scelta migliore per quei ruoli.

Written by Silvia Nunnari

Ho deciso che fra una serie televisiva ed un'altra, sorseggiando vino con Cercei Lannister ed Olivia Pope, di riempire il web con la mia scrittura.

BoJack Horseman

(In)comunicabile

1984: il romanzo di George Orwell sarà riadattato per una serie tv di ABC