in

Friends – Lisa Kudrow è certa: «Oggi il cast non sarebbe di soli bianchi»

friends

Oggi ci siamo resi conto che anche una serie storica come Friends può avere delle pecche. Una di queste è la mancanza di diversità dello show: nel suo cast infatti troviamo solo persone bianche. Lisa Kudrow ha deciso di dire la sua su questo particolare aspetto.

La star che ha dato volto allo spirito libero di Pheobe Buffay per tutte e 10 le stagioni di Friends, Lisa Kudrow, ha immaginato in un’intervista con The Sunday Times come sarebbe la serie se fosse stata realizzata oggi.

Sarebbe completamente diverso. Non sarebbe un cast con soli bianchi, di sicuro.

Friends

L’attrice è perfettamente consapevole della mancanza di diversità nella serie, infatti tutti e sei i personaggi principali sono bianchi. Dal 1994, anno in cui Friends ebbe inizio, i tempi sono radicalmente cambiati.

Friends come una capsula del tempo

Dovremmo guardare la serie come una capsula del tempo, non pensando a cosa hanno sbagliato.

Lisa Kudrow quindi suggerisce di concentrarsi maggiormente su tutto quello che si può apprezzare e non sugli errori, che sono diventati così evidenti solo con il passare del tempo.

C’era un tizio con una moglie che si è scoperta lesbica e incinta, e hanno cresciuto il bambino insieme. E avevamo anche la gravidanza surrogato. A quel tempo è stato progressista.

Ross Geller, l’uomo del progresso

Friends

Tra tutti i protagonisti, il personaggio di Ross è stato forse il più innovatore. Proprio il suo interprete David Schwimmer, anche lui consapevole del problema, ci ha ricordato che il suo Ross ha frequentato nel corso delle stagioni ragazze di diverse etnie.

Una delle prime fidanzate che ho avuto nello show era una donna asiatica americana, e più avanti sono uscito con una donna afroamericana. Questa è stata una vera spinta di coscienza da parte mia.

LEGGI ANCHE – Friends, Courteney Cox ricorda: «Amavo interpretare Monica in sovrappeso, mi sentivo libera»

Written by Chiara Quarantiello

Devo parlare con qualcuno degli universi che ho visitato e delle avventure che ho vissuto, tutto grazie al mondo delle serie tv. Ora non sto più in silenzio e lo racconto qui.

5 miniserie Netflix tratte da storie vere

The Flash – La recensione di una sesta stagione spaccata a metà