in

Finn Wolfhard di Stranger Things al centro di una polemica sui social

A volte essere una star, di qualsiasi età, significa purtroppo avere a che fare con persone che non hanno ben chiaro quale sia il confine tra essere fan ed essere invadenti.

In queste due settimane sui social si sta parlando molto di Finn Wolfhard, interprete di Mike Wheeler in Stranger Things. Il giovane attore si è trovato protagonista di una polemica per non essersi fermato a salutare i fan che lo aspettavano fuori da un hotel.

Un video, ora rimosso dalla rete, mostrava una discreta folla di persone che imploravano il ragazzo – scortato dalla sua guardia del corpo – di fermarsi per una foto. Il ragazzo non si è fermato, e per questo sui social ha ricevuto molto critiche, venendo definito “maleducato” e “scortese”.

Ma ha anche, fortunatamente, ricevuto supporto. Oltre a molti fan, ad intervenire in sua difesa è stata Sophie Turner (Sansa Stark in Game of Thrones), con una serie di tweet:

“Cavolo… vedere adulti che aspettano i ragazzi di Stranger Things fuori dagli hotel e poi inveire quando non si fermano è completamente strano. A) Quale adulto sano di mente aspetta un BAMBINO fuori da un hotel e B) si offende se poi il bambino non si ferma.

Non importa se sono attori, sono bambini prima di tutto. Dategli la possibilità di crescere senza la sensazione che debbano qualcosa a qualcuno solo perché stanno vivendo i loro sogni.”

Anche Shannon Purser (Barb) ha difeso il collega di Stranger Things su Twitter:

“Okay, no. Nessun attore è obbligato a fermarsi. Finn è una persona molto gentile. Ma è umano e ha bisogno anche lui di una pausa.

Anche se molti meno, ovviamente, anche io ho avuto persone che mi hanno aspettato fuori dagli hotel, negli aeroporti, ecc. E io sono un’adulta. Non posso immaginare che cosa significhi essere sommerso da tutta quell’attenzione a quell’età. E’ intimidatorio. Non fate sentire i giovani attori in colpa o in debito nei vostri confronti solo perché non vi hanno detto ‘ciao’.”

In più occasioni i ragazzi protagonisti di Stranger Things hanno raccontato di quanto certe attenzioni dei fan li infastidiscano e li facciano sentire a disagio.

finn wolfhard

Finn Wolfhard si ha espresso in merito alle attenzioni dei fan in questi giorni, affidando ai tweet la sua opinione:

“Hey tutti! Non voglio scomunicare nessuno dal fandom, ma se siete veri fan non molesterete i miei amici, o i miei colleghi.

Perché devo addirittura twittare questa cosa, non lo so. Chiunque si definisca ‘fan’ e poi infastidisce qualcuno solo perché è un attore è ridicolo.”

Stranger Things ha sicuramente portato molte belle occasioni ai protagonisti più giovani, e anche molte attenzioni. Alcune sono positive, ma altre si tramutano in atteggiamenti molesti, in iper-sessualizzazione e in critiche e polemiche. Da fan, dobbiamo sempre ricordare che, per quanto siano famosi e talentuosi, sono sempre bambini. Ed esseri umani.

Leggi anche – Stranger Things: perché (ci) piace così tanto

Written by Debora Bolis

La mia carriera da telefilm addicted è iniziata quando mi sono unita al Glee club; da lì in poi ho iniziato a seguire con costanza le serie TV, non importa il genere. Nella vita reale cerco di trovare il mio posto nel mondo, ma principalmente viaggio con il Dottore per tutto il tempo e lo spazio. Lui è il mio hobby preferito.

Serie Tv

I 10 personaggi delle Serie Tv (maschili) con lo sguardo più inquietante in assoluto

Alias Grace

Alias Grace – Un racconto simbolico sulla complessità delle donne