Vai al contenuto
Home » News » Ezra Miller: spunta fuori il triste video del suo arresto alle Hawaii [VIDEO]

Ezra Miller: spunta fuori il triste video del suo arresto alle Hawaii [VIDEO]

Nelle ultime settimane, vi ricorderete, la star di Animali Fantastici e interprete del personaggio di The Flash, Ezra Miller, è stato protagonista delle prime pagine per alcune sue presunte azioni. Gli avvenimenti avrebbero visto Miller coinvolto in una condotta disordinata e molestie; secondo quanto riportato dai tabloid, l’attore avrebbe urlato oscenità e creato problemi a degli ospiti di un locale durante la sua permanenza alle Hawaii, oltre ad aver presumibilmente aggredito un uomo che giocava a freccette. Ma non solo.
Miller avrebbe aggredito una donna lanciandole addosso una sedia, colpendola alla fronte e provocandole un taglio. Secondo il rapporto della polizia, la sconosciuta ha rifiutato le cure per la ferita (qui tutti i dettagli sul fatto). Dopo però diverse settimane da quello che è successo, è spuntato in rete un video che mostrerebbe l’arresto della star del franchise di Animali Fantastici.

Ezra Miller e il presunto arresto verrebbe confermato da un video

A diffondere il video è stato il tabloid TMZ: la clip viene direttamente dalle bodycam indossate dagli agenti di polizia che sono intervenuti sul posto per arrestare l’attore.
Nel corso del video, Miller afferma di aver filmato l’aggressione che avrebbe subito lui stesso per trasformare il tutto in arte NFT. Nel filmato reso pubblico, l’attore di Hollywood chiede ripetutamente il nome e il numero del distintivo dell’agente che lo arresta, sostenendo di essere stato attaccato per primo da un altro cliente del bar che “si è dichiarato nazista”. Qui sotto il video rilasciato da TMZ:

“Sono stato aggredito e ho iniziato a filmare. Lascia che ti mostri il video. Sono stato aggredito in questo bar, due volte di seguito. Mi filmo quando vengo aggredito per criptovalute NFT. Sono stato arrestato per condotta disordinata? Sono stato aggreditoLo capisci, vero?

Nel video si sente inoltre Ezra Miller fare appello ai suoi diritti garantiti dal 9° e 4° emendamento della Costituzione, chiedendo che non gli venga confiscato il suo anello, del costume di The Flash. A un certo punto si può sentire l’attore accusare uno degli agenti affermando di essere “transgender, non binario e non vogliono essere perquisito da un uomo”.

La polizia ha rilasciato una dichiarazione subito dopo l’arresto e si può leggere di seguito:

Domenica 27 marzo, alle 23:30, gli agenti di pattuglia di South Hilo hanno risposto a una segnalazione di cliente disordinato in un bar in Silva Street. Durante il corso delle indagini, la polizia ha stabilito che l’uomo, in seguito identificato come Ezra Miller, si è agitato mentre gli avventori del bar hanno iniziato a cantare al karaoke. Miller ha iniziato a urlare oscenità e ad un certo punto ha afferrato il microfono di una donna di 23 anni cantando al karaoke (reato di condotta disordinata) e in seguito si è lanciato contro un uomo di 32 anni che giocava a freccette (reato di molestie). Il proprietario del bar ha chiesto a Miller di calmarsi diverse volte senza alcun risultato”.

LEGGI ANCHE – Johnny Depp vs Amber Heard, l’ex giudice della California: «Il verdetto avrà un effetto agghiacciante»