Vai al contenuto
Home » News » Euphoria: Sydney Sweeney ha chiesto più volte di ridurre le scene in topless

Euphoria: Sydney Sweeney ha chiesto più volte di ridurre le scene in topless

Euphoria è sbarcata sul piccolo schermo nel 2019: la serie televisiva dell’emittente HBO, disponibile in Italia sulla piattaforma Now Tv, racconta le vicende di un gruppo di adolescenti alla ricerca di se stessi e della propria identità, tra amicizie, amori, traumi passati e presenti, sesso e droga.
Il volto più celebre e conosciuto presente nella serie televisiva è sicuramente quello di Zendaya, nel ruolo della protagonista Rue, ma tutto il cast (fatto di giovani promesse) regala al pubblico delle performance di alto livello, che rimangono impresse. Una di queste è Sydney Sweeney, interprete di Cassie Howard. L’attrice è apparsa in molti progetti di rilievo come Everything Sucks! di Netflix, The Handmaid’s Tale di Hulu, Sharp Objects e The White Lotus della HBO.

Recentemente ha parlato della sua esperienza sul set di Euphoria e, in particolar modo, delle scene di nudo che caratterizzano la serie televisiva.

L’attenzione agli attori nelle scene di nudo nella serie

In una nuova intervista con The Independent, Sweeney ha parlato delle scene di nudo per Euphoria, rivelando che ci sono stati momenti durante le riprese della seconda stagione in cui ha chiesto al creatore Sam Levinson di ridurre le scene in topless di Cassie quando non le sentiva necessarie. Levinson ha acconsentito ogni volta a detta della Sweeney, la quale non si è mai sentita costretta a fare una scena di nudo o mai si è trovata a disagio durante le riprese dello show, dove c’è sempre stato un coordinatore dell’intimità sul set.
Qui sotto la dichiarazione dell’attrice:

“Ci sono momenti in cui Cassie doveva essere a torso nudo e dicevo a Sam: “Non credo che sia necessario qui”. E lui subito: “Ok, non ne abbiamo bisogno”. Non mi sono mai sentita come se Sam mi spingesse o stesse cercando di inserire una scena di nudo in uno show della HBO. Quando non volevo farlo, non lo facevo.”

Euphoria ha raccolto elogi e polemiche per la sua incessante esplorazione della vita e delle relazioni adolescenziali, che include una discreta quantità di nudità maschile e femminile. Questo aspetto è diventato normale con molti show della HBO, e non è raro che le star parlino delle loro esperienze. In effetti, la star di Game of Thrones Emilia Clarke una volta si è trovata in una situazione quasi identica a quella della Sweeney, che ha anche pensato che alcune delle sue prime scene di nudo non fossero necessarie, decidendo di farne sempre meno mentre lo show andava avanti.

Le riprese di scene che contengono nudità esplicita e forti contenuti sessuali possono essere difficili per gli attori. Come Sweeney può attestare, è importante avere un coordinatore dell’intimità sul set per garantire che i confini degli attori siano rispettati e un regista come Levinson che sia disposto a prendere in considerazione le preoccupazioni e gli input degli attori, per assicurarsi che nessuno sia costretto a fare una scena nella quale si sentono a disagio.

LEGGI ANCHE – Euphoria: l’interprete di Faye è un’attrice di film vietati ai minori