in

Enola Holmes avrà un seguito (col ritorno di Henry Cavill): ecco il teaser

Netflix

Enola Holmes, il film basato sui romanzi di Nancy Springer che narra le vicende della brillante sorella minore di Sherlock Holmes, avrà un seguito. Il primo capitolo (con la strepitosa Millie Bobby Brown nei panni della giovane investigatrice (l’attrice ha confessato cos’ha portato via dai set di Stranger Things ed Enola Holmes), aveva riscosso un certo successo proprio grazie alla sua interpretazione e alla raffigurazione di una figura femminile capace di far apparire persino il grande Sherlock Holmes un discreto inetto. Agli eredi di Arthur Conan Doyle, però, la speculazione sulla creazione del loro avo non era andata giù e avevano iniziato una causa: qui gli sviluppi della controversia legale. Chissà che l’annuncio di Netflix di un secondo capitolo di Enola Holmes non lenisca il dispiacere dei fan di The Irregulars, cancellato a sorpresa dalla piattaforma.

Lo scorso autunno era uscito Enola Holmes, il primo film incentrato sulla brillante sorella minore di Sherlock Holmes. Il film, diretto da Harry Bradbeer, era basato sul primo dei libri per giovani adulti dell’autrice Nancy Springer e seguiva la giovane ed amancipata Enola mentre indagava sull’improvvisa scomparsa di sua madre (Helena Bonham Carter). Il film aveva raccolto numerose critiche positive positive ed era diventato uno dei contenuti più popolari su Netflix nel momento della sua uscita.

Non molto tempo dopo il debutto di Enola Holmes sulla piattaforma, iniziarono a circolare le prime voci di un sequel. Sebbene il primo film avesse concluso la storia in modo da non lasciare spiragli, Nancy Springer ha altri romanzi che fanno parte della serie che potrebbero fornire la base per ulteriori progetti. All’epoca, Millie Bobby Brown aveva condiviso le sue speranze per un sequel e Harry Bradbeeer in seguito aveva confermato che un sequel di Enola Holmes era stato discusso con Netflix. Tuttavia, le cose non erano ancora state rese ufficiali fino a oggi.

Il doveroso silenzio stampa di Netflix è ora giunto finalmente al termine. Giovedì, Netflix ha annunciato sui social media che Enola Holmes 2 è ufficialmente in arrivo. È stato confermato che Millie Bobby Brown e Henry Cavill torneranno e Harry Bradbeer sarà nuovamente il regista. Anche lo sceneggiatore Jack Thorne è stato confermato alla scrittura della serie. Non si sa ancora se torneranno anche personaggi di Helena Bonham Carter, Sam Claflin (Mycroft Holmes) o Louis Partridge (Lord Tewkesbury).

I romanzi da cui è stato tratto il primo capitolo di Enola Holmes hanno materiale a sufficienza per dare origine anche ad altri sequel e di sicuro aiuta che due delle sue star principali siano anche protagoniste di alcuni dei più grandi show seriali di Netflix. Millie Bobby Brown è la star indiscussa di Stranger Things, mentre non vediamo l’ora di vedere nuovamente Henry Cavill nei panni di Geralt di Rivia in The Witcher, che dovrebbe uscire entro la fine dell’anno. Con due star del genere come “sponsor”, il seguito di Enola Holmes si preannuncia già leader della classifica dei contenuti più visti su Netflix.

Quale potrebbe essere la trama del secondo capitolo di Enola Holmes?

Visto che il primo film ha coperto il primo libro di Nancy Springer, è probabile che il sequel possa adattare il suo secondo romanzo, The Case of the Left-Handed Lady. Nel libro vediamo Enola indagare su un’altra scomparsa, questa volta della giovane Lady Cecily Alastair. Il ritorno di Cavill in Enola Holmes 2 suggerisce anche che il sequel potrebbe favorire la relazione tra i fratelli Sherlock ed Enola, che si era rivelata decisamente tesa nel primo film. Se tutto va bene, potremmo vedere il film già a fine 2022 o inizio 2023. Restiamo in attesa di nuovi aggiornamenti da Netflix sul già attesissimo secondo capitolo di Enola Holmes.

Scritto da Giulia Vanda Zennaro

In un mondo popolato da Khaleesi, osa essere una Cersei Lannister.

new girl

Jessica e Nick o Schmidt e Cece: qual è la coppia migliore di New Girl?

élite 4

Elite 4 anticipa l’uscita del 18 giugno con quattro cortometraggi