in ,

Come Bryan Cranston si è ritrasformato in Walter White in meno di un minuto

breaking bad

La trasformazione di Walter White in Heisenberg, come tutte le grandi cose, ha richiesto tempo. Anche El Camino, l’attesissimo film sequel di Breaking Bad (di cui trovate la recensione qui), ha richiesto molto tempo, molto più di quanto ne sia passato dal momento in cui si è sparsa la voce che un film del genere fosse in lavorazione.

Tutto questo tempo lascia perplesso Bryan Cranston che, come dimostra in un video, a trasformarsi in Walter White ci mette poco.

Non so perché per le riprese ci stiano mettendo tanto, io sono diventato Walter White in meno di un minuto.

L’ironica didascalia accompagna un video in time-lapse nel quale Cranston ha ripreso il processo di trasformazione al quale si è sottoposto per il suo cammeo in El Camino. Seguono ringraziamenti per il team di professionisti che gli hanno permesso di tornare a vestire i panni del Walter White dei vecchi tempi.

breaking bad

Nel film infatti Walter appare per una sola scena, che risale a poco dopo gli inizi di Breaking Bad (in questo articolo abbiamo discusso della precisa ambientazione cronologica della scena) che però ci ha riportati indietro nel tempo. Questa scena sembra aver sortito lo stesso effetto su Bryan Cranston, che ha commentato la sua reunion con Aaron Paul e raccontato quanto sia stata surreale.

Quando abbiamo girato quella scena erano passati sei anni dalla fine della produzione di Breaking Bad. E all’improvviso guardo davanti a me, dall’altra parte del tavolo e vedo Jesse Pinkman, e ci sono un sacco di visi familiari e membri della crew, e per me è stato semplicemente bizzarro. Mi veniva da chiedermi “Abbiamo finito di girare lo show, vero? Siamo tornati? Mi sono addormentato per caso?”

Anche il video, a modo suo, dà la possibilità di tornare indietro nel tempo e assistere alla versione express della metamorfosi di Walter White in Heisenberg. Se però per Breaking Bad Bryan Cranston si era rasato per interpretare più fedelmente il personaggio, questa volta si è reso necessario un intervento di trucco e parrucco. In più, è servito anche un piccolo aiutino esterno:

Poco dopo ho scoperto che la protesi che avevo sui capelli faceva sembrare che mi si fosse gonfiata la testa e hanno dovuto correggere col CGI.

Leggi anche: Breaking Bad, Aaron Paul aveva già “spoilerato” la fine di Jesse in El Camino tre anni fa

Written by Antonia Perreca

Sono una stramba nerd libromane con una folle passione per Stephen King.
Mi piacciono le sportive d'epoca, il rock d'altri tempi, le camicie a scacchi, la metà del tempo faccio riferimenti che nessuno capisce... Insomma, sono Dean Winchester al femminile!
Nella vita leggo libri e guardo Serie Tv, e nel tempo che avanza cerco di far rientrare studio e lavoro. Ma le prime due hanno la precedenza, sia chiaro!

Un tacchino gigante da infilarvi in testa per trasformarvi in Monica Geller ad Halloween

The Flash 6×03 – Finalmente è tornato