in

Bob Odenkirk: «Presto le persone si dimenticheranno di Breaking Bad. Kim secondo me non muore»

Breaking Bad

Breaking Bad è una serie che sicuramente rimarrà impressa nei nostri cuori e nelle classifiche delle migliori serie tv, almeno in questi ultimi dieci anni. Il finale di Breaking Bad è stato ed è il più discusso tanto da prendere posto nella classifica dei finali più visti nella storia delle serie tv. Dalla serie di Vince Gilligan è nato uno spin-off e successivamente nel 2019 un film con protagonista Jesse Pinkman. Better Call Saul, con protagonista proprio Bob Odenkirk, ritornerà presto sul piccolo schermo poiché l’attore ha da poco annunciato l’inizio delle riprese della sesta (e ultima stagione).

Sempre Odenkirk sta promuovendo il nuovo film d’azione di cui è protagonista intitolato Nobody dove in una scena lo vediamo strappare un corrimano dall’interno di un autobus che usa per picchiare un uomo. Intervistato da The Guardian, l’attore ha raccontato di questa esperienza e ha anche parlato di Breaking Bad. La prossima stagione di Better Call Saul sarà l’ultima, ponendo fine ad un personaggio che ha interpretato per oltre un decennio.

Davvero non so come finirà. E cerco di non scoprire queste cose. Mi piace essere sorpreso proprio come uno spettatore della storia. Ho le mie teorie, ma sono solo teorie dei fan. Non credo che Kim muoia. Penso che sia ad Albuquerque e che stia ancora esercitando la professione di avvocato. Lui la sta ancora incrociando. Per me, questo alimenterebbe il suo desiderio di essere sui cartelloni ovunque, perché vuole che lei lo veda“.

Con Breaking Bad e Better Call Saul, Odenkirk ha partecipato a due dei più grandi drammi televisivi mai realizzati. Ma ha anche una reputazione come scrittore per il Saturday Night Live e come co-creatore della serie Mr Show degli anni ’90, tuttora senza pari. Rivela che è attualmente in fase di copy-editing di un libro di memorie – intitolato Comedy Comedy Comedy Drama – che si concentrerà pesantemente su questa parte della sua carriera.

Ho pensato di scriverlo presto“, dice. “Sono consapevole di quanto velocemente si muova la cultura pop di questi tempi. Molte delle cose che ho fatto a livello più cult saranno dimenticate in pochissimo tempo. Cose come Mr Show, di cui sono super orgoglioso, anche la roba che ho scritto al Saturday Night Live, è tutto molto vicino ad essere completamente dimenticato. La verità è che anche uno show come Breaking Bad, tra qualche anno dovrò probabilmente ricordare alla gente cos’è“.

Insiste poi dicendo: “Ricordo di aver ricevuto per posta una brochure per una celebrazione di M*A*S*H*, la serie TV. E ricordo di aver pensato, ‘Wow, chi si ricorda di M*A*S*H*? Provate a parlare a un venticinquenne di M*A*S*H*. Non sapranno di che cosa stai parlando. È stata la cosa più grande per 10 anni, ed è completamente sparita”.

C’è stata una pausa di 15 anni tra Mr Show e Breaking Bad. Durante questo periodo, mentre il suo compagno di commedia David Cross passava di successo in successo con speciali di stand up e un ruolo in Arrested Development, Odenkirk sembrava bloccato nel limbo. Ha diretto un paio di film – Let’s Go to Prison e The Brothers Solomon – che hanno ricevuto recensioni tiepide, cosa stava succedendo alla sua carriera?

Odenkirk dice che, dopo Mr Show, ha faticato a trovare qualcosa da dire. “Ho lavorato tutto il tempo, ma Mr Show era così tanto di tutto ciò che volevo”, spiega. “Ho lottato con questo, e lo faccio ancora, perché quello show era il mio cervello sullo schermo. Devi cercare di trovare qualcosa che ti ispiri così tanto come ha fatto quel progetto, perché devi volere queste cose così disperatamente che lavorerai tanto duramente quanto richiede per realizzarle”.

Ma secondo voi è vero quello che dice Bob Odenkirk? Tra qualche anno ci domanderemo che cosa sia Breaking Bad?

Scritto da Lidia Maltese

In questa timeline sono una serie tv addicted che nel tempo libero finge di essere una studentessa universitaria.

Cronaca della straordinaria e meritatissima scalata al successo di Rami Malek

Don Matteo: svelato il motivo per cui Terence Hill ha deciso di lasciare la serie dopo 20 anni