Vai al contenuto
Home » News » Le 7 dichiarazioni shock di questa settimana nel mondo delle Serie Tv

Le 7 dichiarazioni shock di questa settimana nel mondo delle Serie Tv

Bentornati in un’altra settimana (22 – 28 gennaio) delle 7 dichiarazioni shock da parte dei nostri protagonisti delle serie televisive! In questi ultimi sette giorni abbiamo letto dichiarazioni scottanti non solo di Keira Knightley, ma anche della protagonista di Bridgerton (che ricordiamo, è stata rinnovata per la sua seconda stagione) e, rullo di tamburi.. Bryan Cranston e di come andò il percorso per ottenere il ruolo in Breaking Bad! E no, non sono solo queste le dichiarazioni che abbiamo raccolto nella rubrica di oggi. Cominciamo!

1. Bridgerton – Phoebe Dynevor

Phoebe Dynevor, attrice della recente serie di successo Bridgerton, prodotta e distribuita dalla piattaforma Netflix, ha parlato in un’intervista rilasciata al magazine Glamour, di alcune delle scene intime girate nello show e di come sia riuscita a superare il suo imbarazzo. La Dyvenor ha spiegato che aveva un’idea precisa di cosa voleva mostrare in quelle scene e desiderava che il suo personaggio apparisse più consapevole e meno verginale:

In molte serie e film in costume del passato le donne venivano mostrate sempre molto composte. Non c’era nulla di sessuale, tutto era mostrato secondo lo sguardo maschile. Io volevo che la protagonista sembrasse moderna, avesse dei desideri sessuali come tutte le donne, e non fosse ritratta in maniera così superficiale. […] C’erano veramente tante scene difficili da girare. Ci si sente molto vulnerabili. Giravamo le scene intime come se fossero scene d’azione – le dividevamo in segmenti, e piazzavamo dei palloni da yoga tra noi e qualsiasi cosa ci facesse sentire “esposti”. In questo modo ci sentivamo sempre a nostro agio. Facevo così tante prove con Regé che alla fine entrambi sapevamo esattamente cosa stavamo facendo, sempre. È stato molto semplice.

2. Keira Knightley

L’attrice Keira Knightley ha fatto dichiarazioni in queste giorni parole molto forti e che saranno, sicuramente, riprese in futuro da tante persone. A quanto sembrerebbe la Knightley vorrebbe inserire all’interno dei contratti una clausola che dovranno firmare i registi uomini che vorranno collaborare con lei. In sostanza, non potranno farle fare scene di nudo, e ancor meno scene di sesso. L’attrice ne ha parlato durante il podcast Chanel Connects, della stessa Maison Chanel. Durante il suo intervento, Keira Knightley ha spiegato che non si tratta di una questione di pudore, piuttosto di vanità. Di seguito le sue parole:

Capisco che a volte le certe scene e certi personaggi “eccitanti” siano necessari al regista. Ma io mi riferisco a quelle scene di sesso orribili, in cui ci sono corpi unti e quello che noi attori dobbiamo fare è solo grugnire. […] In parte è per vanità. E in parte per via dello “sguardo maschile”. Mi da fastidio essere raccontata solo attraverso la fantasia e l’immaginario maschile. Cercare di soddisfarlo, e di dover incarnarlo.”

3. The Handmaid’s Tale

No, è ancora troppo presto per parlare di Bryan Cranston e Breaking Bad. Ragion per cui riprendiamo la dichiarazione di Bruce Miller, creatore di The Handmaid’s Tale. Secondo Miller la serie televisiva di Hulu potrebbe arrivare entro il mese di giugno sulla sul piccolo schermo.
Lo scrittore ha raccontato anche dei mesi saltati per colpa della pandemia:

“Ci sono tante cose interessanti che sono cambiate dallo scorso marzo. Eravamo in produzione da due settimane e all’improvviso abbiamo dovuto staccare la spina. Ed è stato scioccante, come saltare nell’acqua fredda. Ma siamo ancora in gioco: siamo stati in grado di tornare a Toronto ed è stato semplicemente eroico per tutti, dalle persone di Hulu e MGM, alle persone del reparto verniciatura e dell’ufficio qui a LA. Le stronzate che devono affrontare per fare questo spettacolo a un tale livello di disordine e disagio – sono eroici. Non posso dire abbastanza su di loro. Ho dovuto fare il mio lavoro in un modo molto strano, che è per lo più remoto, perché non sono essenziale sul set. Il mio grosso cervello grasso può passare attraverso un’immagine, ma gli altri sono stati cruciali, e sono stati fuori al freddo e hanno lavorato molto, molto duramente. Ed è bellissimo. […] Non so quando finiremo, solo perché non voglio sputare nell’occhio di una pandemia. Quindi, lo faremo lentamente e in sicurezza, ma penso che probabilmente saremo in onda entro giugno“.

4. Breaking Bad – Bryan Cranston

Finalmente siamo pronti a parlare di Breaking Bad e dell’attore protagonista della serie televisiva, Bryan Cranston. Prima ancora che l’attore decidesse di accettare la parte di Walter White, i direttori del casting discutevano se offrirgliela.
Lo showrunner Vince Gilligan fu colui che propose a Cranston il ruolo dopo un episodio specifico di X-Files. Ma il ruolo quasi scivolò fra le dita dell’attore per impegni presi precedentemente con la serie televisiva Malcolm (o Malcolm in the Middle). Qui sotto il ricordo di Cranston:

“La Fox mi ha detto: ‘Continuate a fare i set. Potremmo fare un’ottava stagione di Malcolm. E tutti dicevano: ‘Sì, sarebbe fantastico’. Alla fine di aprile e all’inizio di maggio, hanno chiamato quando ci sono gli upfront, e hanno detto: ‘No, abbiamo avuto un’ottima stagione pilota. Grazie ragazzi, avete fatto bene”. Così abbiamo pensato, ‘Ahh, che peccato’. […] Più tardi, quel mese, ricevo la chiamata per andare a vedere un tizio chiamato Vince Gilligan. Ti ricordi di lui di X-Files?” mi hanno chiesto, ‘Vuole vederti per un nuovo progetto chiamato Breaking Bad’, mi hanno detto. […] Se avessimo avuto l’ottava stagione di Malcolm, non sarei stato disponibile per girare quel pilot e qualcun altro qui vi starebbe parlando. È assolutamente la mia convinzione, ci credo che una carriera nel nostro settore non può essere pienamente realizzata senza una sana dose di fortuna spruzzata dappertutto.”

5. Luca Bizzarri

E dopo Breaking Bad, questa settimana si torna a parlare della docuserie italiana SanPa per via di un acceso dibattito avvenuto su Twitter fra Luca Bizzarri e Red Ronnie. Bizzarri ha risposto ad un tweet del leader della Lega, Matteo Salvini, il quale criticava spramente il documentario, affermando che era insulto alle vere intenzioni di San Patrignano. Subito dopo è intervenuto Red Ronnie, affermando che l’attore non conosceva il luogo e non aveva mai visto un ragazzo in astinenza. Da qui in poi la discussione ha assunto toni molto accesi, per terminare con Bizzarri che ha avuto l’ultima parola:

Del cretino, e se ti incontro te lo dico in faccia, che di me e di cosa ho passato non sai una sega e ridi alle battutine dei tuoi fan. Idiota. Non so se sono stato chiaro.”

6. Demi Lovato

Per l’attrice e cantante Demi Lovato il contatto con gli alieni è un segno del percorso in declino che la nostra civiltà sta intraprendendo. Anche lo scorso ottobre, nel proprio podcast, la Lovato ne aveva parlato, aggiungendo che dobbiamo unire le forze per provare a cambiare il pianeta. La cantante è tornata a parlare con un video su Instagram pubblicato pochi giorni fa, in cui racconta di aver avuto un contatto proprio con gli alieni:

Negli scorsi giorni mi trovavo a Joshua Tree con un piccolo gruppo di amici e il dottor Steven Greer con il suo team CE5. Negli scorsi mesi ho scavato a fondo nella scienza della coscienza e ho sperimentato non solo pace e serenità come non avevo mai conosciuto, ma ho anche assistito agli avvistamenti più incredibilmente profondi sia nel cielo che a piedi di distanza da me. Questo pianeta è su un percorso molto negativo verso la distruzione ma NOI possiamo cambiarlo insieme. Se riuscissimo a convincere l’1% della popolazione a meditare e prendere contatto, costringeremmo i nostri governi a riconoscere la verità sulla vita extraterrestre che è tra noi e a cambieremmo le nostre abitudini che sanno distruggendo il nostro pianeta. Queste sono solo alcune delle prove sotto le stelle nel cielo del deserto che non possono più essere ignorate e devono essere condivise immediatamente.

7. Grey’s Anatomy – Kevin McKidd

L’attore di Grey’s Anatomy, Kevin McKidd, è tornato a parlare non solo della serie televisiva, ma anche del rapporto che unisce il suo personaggio, Owen Hunt e Teddy Altman, interpretata da Kim Raver. Il loro percorso è sempre stato altalenante ma, secondo McKidd, i due potrebbero trovare nuovamente un punto d’incontro:

Vorrei che tornassero insieme. Teddy e Owen ne hanno passate davvero tante e lui, siamo onesti, non è stato un santo nel corso degli anni. Basta guardare i suoi trascorsi per capirlo, ma adesso è davvero ferito.