in ,

Better Call Saul – Vince Gilligan ha detto che la quarta stagione sarà molto simile a Breaking Bad

Better Call Saul

I fan di Vince Gilligan stanno aspettando novità sulla quarta stagione di Better Call Saul. Le riprese continuano. Gli attori e la crew produttiva ci lasciano intravedere qualche foto sui social, ma non ci basta più. Vogliamo sapere qualcosa di nuovo. Come sarà la prossima stagione di Better Call Saul? L’autore della Serie, spin-off di Breaking Bad, si è recentemente lasciato sfuggire qualche dettaglio durante un’intervista con Independent!

Il discorso si è sviluppato partendo da un paragone tra i nuovi episodi di Better Call Saul e quello che è stato Breaking Bad. Gilligan ha recentemente descritto la quarta stagione dello spin-off con l’aggettivo cupo. I nuovi episodi potrebbero avvicinarsi ai toni di Breaking Bad? Ecco la risposta dell’autore:

Se pensate a Breaking Bad e Better Call Saul come un diagramma di Venn, noterete che la sovrapposizione tra i due è sempre più grande. Quindi, Better Call Saul sarà più cupo nella quarta stagione. È divertente: Peter Gould e io abbiamo fatto lunghe passeggiate, alla fine di Breaking Bad, discutendo su Better Call Saul e pensadola in termini di una comedy. Oggi invece capisco che non potrebbe essere altro di quello che è ora. Non sono attivamente coinvolto, ma guardando con l’occhio di un fan, sono davvero impressionato dallo storytelling. La quarta stagione credo sarà molto simile a Breaking Bad.

breaking bad better call saul

In Better Call Saul, sin dalla prima stagione, abbiamo incontrato personaggi conosciuti nella Serie madre. Ne vedremo degli altri? Secondo Gilligan alcuni personaggi non potrebero funzionare all’interno dello spin-off. Ecco le sue dichiarazioni:

Credo che tutti si siano stancati di chiedere se Bryan Cranston e Aaron Paul saranno nella Serie. Noi siamo fan di entrambe le Serie. Vorremmo rivedere tutti i personaggi: Walter White, Jesse Pinkman, Hank Schrader, Skyler White, Marie Schrader, Walt Jr… Vorremmo vederli tutti, ma è qui che entra in gioco la disciplina. Da scrittori ci chiediamo, “Dove ci sta portando la storia?”. Così abbiamo capito di poter riportare sullo schermo Gus. Era legittimo. Non abbiamo forzato nulla.

Gilligan ha concluso l’intervista rivelando il periodo della possibile conclusione di Better Call Saul. Secondo l’autore, al momento è a metà dell’opera. Probabilmente ci saranno altre due o tre stagioni della Serie, ma poi si concluderà. Vorrebbe che lo spin-off avesse circa lo stesso numero di episodi di Breaking Bad.

Leggi anche – Better Call Saul: Vince Gilligan assicura più flash-forward ambientati in epoca post-Breaking Bad

Written by Silvia Villa

Di giorno sono una studentessa a cui piace leggere, viaggiare e (occasionalmente) scrivere. Adoro il mare, il buon cibo e il caffè! Alla fine della giornata non sono nè serial killer nè supereroina, ma entro nel bellissimo mondo delle Serie Tv nei panni di una Tv Series Addicted!

Mozart in the Jungle

Mozart in the Jungle – La sinfonia della Serie Tv di Amazon si è conclusa

breaking bad pulp fiction

Come Pulp Fiction ha ispirato Breaking Bad