Vai al contenuto
Home » News » Better Call Saul, Aaron Paul sulla partecipazione di lui e Bryan Cranston: «Ci hanno solo presi in giro»

Better Call Saul, Aaron Paul sulla partecipazione di lui e Bryan Cranston: «Ci hanno solo presi in giro»

La serie televisiva dell’emittente AMC, Better Call Saul, sta per concludersi con la sua sesta e ultima stagione. Lo show – che va in onda in contemporanea sulla piattaforma streaming Netflix – è il prequel dell’acclamata serie madre Breaking Bad.
Nella seconda stagione di quest’ultima, l’attore Bob Odenkirk (il quale ha avuto un infarto durante le produzione della sesta stagione) fa la sua prima apparizione nei panni di Saul Goodman, l’avvocato penalista senza scrupoli il cui passato di truffatore e serio difensore d’ufficio sarebbe stato esplorato in seguito in Better Call Saul. In vista della première, lo showrunner Peter Gould ha fatto l’annuncio scioccante del ritorno dei personaggi di Walt e Jesse, protagonisti dello show madre. Poco più della prima metà di quest’ultima stagione è passata senza che i personaggi siano stati visti, il che significa che le loro apparizioni dovranno avvenire nei quattro episodi rimanenti.

Aaron Paul ha scherzato sulla segretezza della sua partecipazione nella serie televisiva

In una recente intervista con l’Albuquerque Journal, Cranston e Paul hanno raccontato quanto sia stato segreto il loro ritorno in New Mexico per girare i loro camei per la sesta stagione di Better Call Saul. Come è stato ampiamente documentato, i due sono “arrivati in aereo nell’oscurità della notte” e hanno alloggiato in un Airbnb per quattro giorni; hanno potuto uscire solo per andare sul set. Durante l’intervista, Aaron Paul ha parlato del fatto che l’intensa segretezza non è servita a nulla:

“È così divertente che perché questa doveva essere una grande sorpresa, un grande segreto. Poi all’improvviso hanno annunciato che l’avremmo fatto, quindi perché ci hanno tenuto in prigione? Davvero, ci stavano solo prendendo in giro”.

L’attore non ha tutti i torti a chiedersi perché la produzione di Better Call Saul abbia fatto di tutto per tenere segreti i camei di Walt e Jesse durante la produzione, per poi annunciarli poco prima della première della sesta stagione. Non ha nemmeno torto Paul a trovare umorismo nell’apparente assurdità della situazione, anche se la segretezza non è stata del tutto inutile. Better Call Saul è riuscita a evitare che informazioni o foto trapelassero online e rivelassero informazioni cruciali sulle circostanze del ritorno degli amati protagonisti di Breaking Bad. Dopo la fine delle riprese, l’annuncio di Gould è servito ad aumentare l’interesse per la stagione finale dello show.

Ormai mancano solo quattro episodi alla fine della serie tv, non si sa ancora molto sul modo in cui Walt e Jesse appariranno, anche se chi è coinvolto nello show dice che sarà inaspettato e soddisfacente. Cranston si è addirittura spinto a precisare che i due personaggi appariranno in tre scene totali, una insieme e una per ciascun personaggio. Le pagine IMDb degli attori sono state aggiornate per dire che reciteranno nell’episodio 10, “Nippy“, anche se questi elenchi sul sito non sono infallibili. Il pubblico dovrà sintonizzarsi sugli episodi finali della sesta stagione di Better Call Saul.

LEGGI ANCHE: Better Call Saul 6×09 – L’insostenibile leggerezza di chi è colpevole