Vai al contenuto
Home » News » 13 Reasons Why 2 – Devin Druid parla della scena di Tyler nel finale

13 Reasons Why 2 – Devin Druid parla della scena di Tyler nel finale

13 Reasons Why – Tredici è una Serie Tv che non si è certo tirata indietro dal parlare di argomenti attuali e di grande importanza: suicidio, bullismo, aggressioni sessuali, omosessualità.

Per questo sia la prima stagione che la seconda hanno fatto molto discutere (e alle polemiche il CEO di Netflix, Reed Hastings, ha risposto con un: “non è obbligatorio guardarla”).

La seconda stagione ha fatto molto parlare di sé in particolare per una scena dell’episodio finale che coinvolge Tyler Down, interpretato da Devin Druid, e Montgomery de la Cruz (Timothy Granaderos).

ATTENZIONE: seguono spoiler per chi non ancora visto la seconda stagione.

Nell’episodio finale assistiamo a una scena di violenza sessuale molto sconvolgente: Montgomery e i suoi amici bulli picchiano Tyler, per poi violentarlo orribilmente con un bastone di legno.

L’attore Devin Druid ha parlato con Entertainment Tonight di questa scena, affermando:

“Sai, penso che le persone avranno sempre delle opinioni sulla Serie Tv e su quel che facciamo. Ma penso che, con quella scena, siamo stati fedeli alla Serie Tv e agli argomenti di cui abbiamo trattato, mostrandoli in una luce il più veritiera possibile.

Non possiamo indorare la pillola o censurare certe tematiche, perché nella realtà le cose non stanno così. Abbiamo cercato di raccontare e di far capire alle persone cosa succede in queste circostanze così tragiche e terribili.”

13 reasons why tyler down

L’attore ha poi aggiunto di non aver preso alla leggera la responsabilità di una scena così forte:

“Come attore, ho sentito la responsabilità di rappresentare accuratamente il dolore e l’umiliazione di una persona violentata, soprattutto perché c’è ancora lo stigma delle violenze sessuali sugli uomini.

Specialmente in quest’epoca di fragile e tossica mascolinità, penso che non si parli molto delle violenze sessuali sugli uomini. In quanto personaggio maschile, ho provato a riflettere e a far emergere che cosa significhi, a livello mentale oltre che fisico, essere violentati.”

L’episodio di violenza provoca in Tyler una reazione così forte da voler compiere una strage a scuola. Clay (Dylan Minnette), fortunatamente, riesce ad impedirla.

Così si chiude la seconda stagione, ma 13 Reasons Why è stato rinnovato per una terza stagione. Molto probabilmente la nuova stagione approfondirà di più il personaggio di Tyler e la sua situazione emotiva e psicologica.

Leggi anche – 13 Reasons Why: spezzo una lancia a favore della Serie Tv