in ,

Come finisce Nana?

nana

Come finisce Nana? È una domanda che ancora molti si pongono, specialmente dopo aver visto il fatidico episodio 47 della serie anime andata in onda da noi su MTV tra il 2007 e il 2008. Un anime che ha dei personaggi da inserire nella classifica dei migliori 30 dell’ultimo decennio.

Ehi Nana ti stiamo tutti aspettando nell’appartamento 707.

Hachi

Sono passati dieci anni e tutti noi, come Hachi e i Black Stones, ancora attendiamo il ritorno di Nana nel famoso appartamento. La triste spiegazione purtroppo è solo una: sia il destino della seria animata sia quello del manga è di restare incompiuti. Ai Yazawa, mangaka dell’opera, è infatti da anni che è malata e – giustamente – non ha potuto dare un finale ai suoi protagonisti, un finale che faccia felici i fan che da troppo tempo attendono notizie. Poiché ogni cosa è collegata, per mancanza di materiale cartaceo da poter adattare, anche la serie animata è stata interrotta ed è stato scelto un finale aperto. Che cosa ci viene mostrato in questo epilogo? Cosa ci fa capire dei personaggi?

Se adesso rivedessi di nuovo tutti, sono sicura che dipenderei da loro nello stesso modo in cui dipendevo da loro in passato. Questo mi spaventa. Questo è il motivo per cui non posso allontanarmi da dove sono ora.

Nana

Sono le parole che Nana Osaki pronuncia all’inizio dell’episodio 47.

Ironizzando, sembrerebbero proprio rappresentare ciò che Yazawa-sensei ha deciso di fare con la sua opera: allontanarsi e lasciarla incompiuta.

Nonostante tutto, con le parole che Nana pronuncia all’inizio dell’episodio, si possono intuire alcuni particolari che, con il finale aperto, ci fanno capire che lei è viva.

È un particolare importante poiché il finale della serie ci mostra il futuro, un periodo in cui nessuno sa dove si trovi Nana Osaki. È un finale che lascia molto in sospeso ma che riesce a mostrarci uno squarcio della vita dei nostri protagonisti, diversi anni dopo la famosa sera dei fuochi d’artificio. La sera in cui sia Nana che Nobuo hanno detto addio ad Hachi.

Sono sicura che qualche volta ti farà piangere, ma tu sei la pazza che si è innamorata di lui e quindi credo proprio che dovrai averci a che fare. E non sconvolgerti quando ti tradisce, adesso e in futuro, okay? Solo… colpiscilo fin quando non ti sentirai meglio.

Nana

Parole crudeli ma vere e che aprono gli occhi di Nana Komatsu. Lei è incinta di Takumi e, nonostante la tenerezza di Nobuo e l’amore che prova per lui, questa è la strada che lei ha scelto: stare con Takumi, avere un figlio da lui. Eppure nel futuro, davanti alla finestra della cucina dell’appartamento 707, Takumi non c’è. Nel finale della serie, intorno al tavolo, c’è l’unica famiglia che Hachi abbia mai avuto: Yasu, Shin, Nobuo e ora anche la sua piccola Satsuki.

Ma un vuoto che tutti avvertono si fa strada nei loro cuori perché Nana è assente, è data per dispersa.

Tutti, in fondo, ancora attendano sue notizie. Il bicchiere con le fragole, sempre sul tavolo, è un richiamo e un ricordo dei sei mesi più belli che Hachi abbia mai vissuto. Tutto l’appartamento è il ricordo dell’unica persona che non l’ha mai tradita. L’unica persona che adesso non c’è e che non ha visto crescere Satsuki.

Hachi, voglio vederti.

Nana
nana

Il finale è un costante ritorno al passato che ci viene mostrato dal punto di vista di Hachi che ricorda quei giorni decisivi, quando, aspettando i fuochi d’artificio, Nana la tranquillizzò al telefono dicendole di non avere paura di incontrare Nobuo, perché nell’appartamento lui non c’era e a volerla incontrare era solo la sua cara amica. Voleva vederla per un’ultima volta prima di partire.

Ma Nana è un anime drammatico e controverso, fatto di scelte umane e discutibili che portano la cantante dei Black Stones a mentire per il bene di Hachi, affinché lei capisca che il suo vero amore è Nobuo e non Takumi.

Nell’appartamento, infatti, l’unico a essere presente è Nobuo, ma lui non aprirà la porta quando Hachi busserà.

Nobuo la ama più di se stesso, ma la verità è che non sa ciò che vuole e non sa cosa poterle offrire. Nobuo, non aprendo la porta, capisce di non essere adatto (andando contro l’opinione di tutti i fan dato che Takumi è spregevole ed egoista), capisce che le parole che qualche minuto prima gli aveva rivolto Nana erano giuste, almeno in parte.

nana

Okay, va bene. Ho capito, tu hai solo voluto confortarla, all’inizio quando è stata lasciata da Shoji e poi quando è stata presa in giro da Takumi. Hai sempre cercato ragazze in difficoltà, ragazze che credevi avessero bisogno di essere salvate, così tu potevi interpretare la parte dell’eroe e poi farti da parte. Quando le cose iniziano a farsi serie tu non riesci a gestirle.

Nana

Lui non apre la porta e lascia che Hachi vada via.

Ecco che, quando Hachi raggiungerà gli altri, anche Nana accetterà la scelta dell’amica di restare con Takumi, imparando che la volontà a volte non basta e che gli eventi non possono sempre essere veicolati, a volte vanno semplicemente accettati.

Così, passeranno gli anni e solo alcuni si ritroveranno nell’appartamento. L’atmosfera è giocosa e tutti vogliono bene alla piccola Satsuki, persino Nobuo, che coglie ogni occasione per portarle un regalo. Nobuo che, rimasto finalmente solo con Hachi, ci sorprenderà prendendo la mano della ragazza, come se volesse ammettere finalmente di essere pronto ad amarla. Ma la risposta di Hachi non ci viene mostrata e il finale aperto di questa drammatica e meravigliosa serie ci lascia a ogni possibile immaginazione.

Cosa sappiamo di Nana dopo la famosa sera dei fuochi d’artificio?

Anche queste sono domande a cui possiamo dare una risposta solo parziale perché il manga, fermo da anni al capitolo 84, sembra che non terminerà, lasciandoci in attesa di un finale che soddisfi le nostre aspettative, ma che non arriverà mai.

Nel mentre, possiamo però sapere, proprio grazie alle prime parole di Nana pronunciate nel season finale, che lei non è scomparsa, è viva e tornerà dai suoi amici affrontando purtroppo altre difficoltà. Aspettando forse una serie che non finirà, possiamo sempre recuperare i 10 anime presenti su Netflix da guardare assolutamente.

Ehi Nana, ci sono così tante cose che vorrei dirti in questo momento. Ma in questo appartamento, tutto ciò che riesco a vedere sono ricordi.

Hachi

Leggi anche: 10 anime semisconosciuti che dovreste assolutamente vedere

Written by Anastasia Gervasi

Amo leggere e, anche se sono consapevole di non poter superare il record di libri letti da Rory Gilmore (qualcuno può?), sono certa di aver visto più serie tv di lei. Sin da bambina ho sempre amato le storie (okay forse quelle horror un po' meno) e ho sempre voluto parlarne, specialmente dopo averle conosciute grazie a serie tv avvincenti e ricche di feels e angst. Sono cresciuta con i telefilm di Buffy e FRIENDS e ho capito che, come gli amici di tutti i giorni, anche loro sono dei buoni compagni di vita. Ho incontrato personaggi che mi hanno ispirata e mi hanno spinta a migliorare come persona, trasmettendomi anche una carica di adrenalina pazzesca. Sono storie che ti portano ad imboccare una strada, in parte, ancora sconosciuta. Io spero che la mia sia tanto bella, avvincente e avventurosa quanto quella delle mille storie che ho letto e visto in questi anni. Per il resto mi affiderò al Carpe diem di Orazio.

netflix

Aziz Ansari rinasce con Right Now, uno spettacolo a cuore aperto

5 Serie Tv di Netflix che sanno vendersi bene