in ,

5 attori delle Serie Tv esplosi “grazie” a Netflix

Lucifer, Stranger Things e Dark sono solo alcune delle serie tv di Netflix che hanno permesso a giovani attori, semisconosciuti e non, di fare un enorme salto di popolarità all’interno del vastissimo mondo racchiuso nel piccolo schermo.

Grazie a personaggi ben strutturati che li hanno consegnati all’immaginario collettivo senza sforzo, o a causa di scene iconiche che non siamo più stati capaci di toglierci dalla testa, alcuni giovani attori hanno avuto la possibilità di trovarsi davanti la fantomatica porta spalancata verso il successo.

In questo articolo abbiamo raccolto i 5 signori che, dopo un esordio potente, concorrono per il titolo di quarterback nella Netflix Squad.

1) Dylan Minnette – 13 Reasons Why

lucifer 13 reasons why

Grazie al malinconico personaggio di Clay, Dylan Minnette è riuscito a trafiggere più di un cuore, rimanendo impresso nella memoria non soltanto dei fan di 13 Reasons Why.

Non gli è toccato un ruolo facile, ma del resto a nessuno dei suoi compagni di viaggio è toccata questa fortuna, considerato il tema dello show. Eppure la sua recitazione misurata ed efficace gli ha permesso di farsi notare molto più dei suoi colleghi di set.

2) Louis Hofmann – Dark

Louis Hofmann dark netflix

Dark è una delle serie tv di cui si è parlato di più quest’estate. Sebbene avesse già il suo seguito di fan fedeli, l’ultima stagione trasmessa è stata talmente osannata a destra e sinistra da spingere anche i più scettici ad avvicinarsi al mondo inquietante di Winden.

Merito anche del ragazzo qui sopra e del suo Jonas, viaggiatore temporale, che ha saputo farsi amare episodio dopo episodio, trascinandoci tutti nel mondo sorprendente di questa serie tedesca.

Ormai in tanti si sono accorti di questo ragazzone, classe 97, che sogna di lavorare con Scorsese. Chissà che non sia in uno dei suoi prossimi film che finiremo per rivederlo!

10 personaggi famosi che (forse) non ricordavi di aver visto in Doctor Who

The Office – Mindy Kaling contro l’Academy: «Questo, forse, non sarebbe successo oggi»