in

Gli attori de La Casa de Papel: chi tra loro è amico nella vita reale?

la casa de papel
la casa de papel

È stata la serie tv rivelazione del 2017 e tutt’oggi gode di un successo incredibile. La Casa de Papel è riuscita in pochissimo tempo ad attrarre un seguito esemplare, divenendo uno degli show più visti su Netflix.

Malgrado sia stata elogiata e, contemporaneamente, oggetto di critiche, questa serie tv continua ad affascinare i fan e i curiosi. Lo show spagnolo ritornerà presto con la terza parte insieme ai suoi protagonisti che, nella prima stagione, si sono rivelati delle personalità interessanti.

Dotati di un carattere impetuoso e di grande carisma, essi sono apparsi affiatati nel corso della rapina del secolo. Esattamente come i loro interpreti, che per due anni hanno condiviso fallimenti e successi.

Il cast de La Casa de Papel infatti appare parecchio unito nella vita quotidiana. E alcuni dei protagonisti non sono soltanto amici sullo schermo, ma anche nella loro sfera privata.

1) Álvaro Morte e Pedro Alonso

la casa de papel

Fratelli sullo schermo, migliori amici nel privato. Gli interpreti del Professore e dell’amato Berlino si sono conosciuti sul set de La Casa de Papel. E da quel momento è scoccata la scintilla: quasi come due gemelli siamesi, i due attori sono ormai inseparabili.

Sui social non perdono mai l’occasione di postare qualche foto dietro le quinte o dei simpatici video registrati durante le pause. In un’intervista Álvaro Morte ha persino dichiarato di considerare un lusso lavorare a fianco di Pedro Alonso. Malgrado non siano fratelli nella vita reale, il loro legame va al di là dell’aspetto lavorativo. Ed è proprio questo dettaglio a rendere speciale la loro sintonia.

Written by Simona Mainenti

Innamorata della scrittura, ossessionata da film e serie tv.
Sono fermamente convinta che la cultura sia il superpotere più figo di tutti.

Game of Thrones

Big Little Lies potrebbe concludersi con la seconda stagione

stranger things

Stranger Things 3×05, 3×06 e 3×07, le Pagelle – Donne, non mandate Lucas al supermercato