in

“Il Sospetto”: Road to.. Terza puntata

Cari lettori di Hall of Series

Eccoci tornati per commentare la terza puntata de “ Il sospetto ”, ma prima vediamo com’è andata la settimana nei commenti della rete.

VITTORIA DI PIRRO O DI LIGABUE? – A volte i numeri sono un Giano bifronte, ma bisogna partire da quelli: “il sospetto” ha avuto, per la sua seconda puntata, poco più di tre milioni di spettatori e uno share del 12,84%. Calato in termini assoluti, è comunque risultato il primo programma in Italia per la fascia serale. E’ una vittoria di Pirro, perché in realtà è una sconfitta numerica, o “chi si accontenta gode… così così” come canta il buon Ligabue? Alla chiusura l’ardua sentenza. Mediaset, come capita spesso, non certifica le repliche in palinsesto, ma le lascia a disposizione sul suo sito. Capitolo durata: sono mandate in onda, ogni settimana, circa due puntate della rete spagnola. Probabile quindi questa sia la penultima puntata. La serie stenta a prendere piede ma sono più che buoni i commenti sui social, che descrivono come accattivante e ricco di mistero tutto quanto accade intorno a casa Vega  Per chi non avesse seguito il secondo e il primo episodio de “il sospetto”, ecco qui il riassunto

RIASSUNTO TERZA PUNTATA  DE “IL SOSPETTO” – Eduardo Castro e Oscar Vidal, dopo essere stati arrestati per possesso di cocaina, devono essere scarcerati. La prova del reato è scomparsa, Casas sa che è stato Vidal ma non può provarlo, si limita per questo a colpirlo, senza essere visto dalle telecamere. E a proposito di telecamere, la telecamera lasciata accesa da Oscar ed Edoardo ha mostrato tre minuti della esta esclusi dalle immagini ufficiali. E sono proprio i minuti in cui scompare Alicia. Si scopre che, a differenza di quanto detto da tutti gli indiziati, molti si sono allontanati dal ristorante poco prima della sparizione. Tra questi Ines, sorella di Roberto e Andres, per poter vedere il suo ex, Federico Sans, un criminale non ben visto dalla famiglia Vega.  Intanto Carmen Vega scopre finalmente che è Begona l’amante di Roberto, ma aspetta prima di provare a incastrare la cognata e va dal commissario per accusarla. Il Commissario Casas non può far cadere l’accusa: la donna, scoprendo i microfoni della polizia nella sua casa, stava per svelare l’identità di Laura e Victor, mostrandosi più furba di ciò che si credeva. Ma Carmen è convinta di una cosa: Nuria. figlia di Begona e sua nipote, sa chi ha rapito Alicia. Per questo, mentendo a Begona, prova a portarla nella casa dove Alicia è stata sequestrata. Nuria dice di sapere chi ha rapito Alicia ma di non poter parlare, deve mantenere una promessa. Intanto lo stesso Casas scopre che German Vega aveva preso una multa molto fuori città pochi giorni prima del ritrovamento di Alicia. Dov’era andato? Sotto torchio della polizia, ammette: era andato a pagare il riscatto per Alicia. Quindi Casas scopre che quei soldi li ha presi Federico Sans, che Ines ha sempre difeso, anche mentendo. Intanto si decide di interrogare ufficialmente Nuria, ma la piccola scompare all’improvviso dalla scuola dove Laura doveva controllarla. Ora è Begona ad essere furiosa ed accusare Carmen e le analisi de “il sospetto” si dipanano sempre più: si cercano Nuria, Federico, e la droga di Edoardo e Oscar

ANALISI – A quanto pare ne “il sospetto” tutti i personaggi adulti fanno quadrato per nascondersi i reciproci segreti, salvo poi dimenticarsi dei bambini, che non solo sanno ciò che non dovrebbero sapere ma attaccano la serenità imposta ai quadri familiari. Casas fa i salti mortali per portare avanti l’indagine garantendo la segretezza di Laura e Victor, ma gli risulta impossibile essere ubiquo e mettere a posto tutte le malefatte dei colleghi. Fatto sta che i Vega e i Castro adesso sono assediati dall’esterno: tra figli scapestrati e ritorni assai sgraditi, un bel po’ di passato, nascosto perfino alle stesse famiglie, sta per venire a galla. La guerra inoltre è interna ed esterna: il ribaltamento dei ruoli di Medea (chi ha ucciso la figlia dell’altra?) tra Begona e Carmen è puro teatro e chi di noi non ha pensato a una vendetta consumata contro Nuria? Puntata completamente dedicata ai sentimenti, dove passano in secondo piano le vicende di droga e le morti di Silvia e Bosco, ma attenzione: Casas dice che è stato Bosco a investire accidentalmente Alicia scappata. Alcuni pezzi combacerebbero ma non ha alcun elemento per esserne sicuro. O forse anche lo spettatore è tenuto all’oscuro?

LA FRASE TOP – German “Come può pensare che uno di noi sia il colpevole?” Pilar: “Cosa penseresti tu se non fossi uno di noi?” Già: come cambiano le cose dall’esterno, eh?

IL PERSONAGGIO CHIAVE – Commissario Casas: il modo in cui mette nel sacco due volte Rafael Vidal è da manuale della fiction americana. Ritrova suo figlio nel dividersi le colpe e con Victor aumenta l’intesa: si coprono a vicenda e non cadono mai in contraddizione. Duro e dolce allo stesso tempo, sa farsi rispettare da tutti i personaggi e non perde mai la calma nonostante intorno a lui sbaglino tutti. NESSUN SOSPETTO: E’ IL PUNTO FERMO!

ANTICIPAZIONI PROSSIMA PUNTATA – La scomparsa della piccola Nuria porta ad una nuova caccia all’uomo: in questo caso però conosciamo tutto il contesto. Basterà per salvarla? Intanto il commissario Casas trova Federico Sans, che porterà insieme delle risposte ma anche nuove domande. Arrivederci alla prossima puntata de “Il sospetto”

(Un saluto agli amici della pagina Il Sospetto)

Written by Modestino Picariello

Ogni pezzo di Hall of Series è una piccola storia. Io faccio in modo che quella storia vi arrivi nella maniera migliore possibile. Sono l'editor: è un lavoro duro ma qualcuno deve pur farlo.

Ah, di tanto in tanto analizzo serie con lo sguardo del lettore appassionato di classici: potrete non essere d'accordo con me, ma nessuno vi darà qualcosa di vagamente simile

7 motivi per cui vale la pena guardare Z Nation. E per non fermarsi al secondo episodio

Heroes and Villains: la linea sottile tra eroi ed antieroi