in

25 cose che hai pensato dopo aver visto l’ultima puntata di How I Met Your Mother

commuovere
#21. Usare la definizione “zia Robin” è un buon modo per evitare di pronunciare male il suo cognome.

#22. I figli di Ted avevano capito tutto fin dal primo episodio. Noi no.

#23. I titoli di coda con le immagini delle prima stagione sono stati un colpo al cuore.

#24. Non conta quanto duri un amore. Conta quanto sia intenso. Che sia per tutta la vita come è successo a Lily e Marshall, lungo pochi anni come per Barney e Robin, interrotto tragicamente come capitato a Ted e Tracy oppure perennemente sulle montagne russe come ci hanno mostrato Ted e Robin. Trovare un corno blu è tanto difficile quanto trovarsi casualmente al riparo sotto l’ombrello giallo del destino. L’amore è bello perché ha mille forme e non è mai una storia banale.

#25. Il punto finale è una lacrima che vale quanto un addio. Ted, Lily, Marshall, Barney e Robin non ci fanno più compagnia, ma è stato bello conoscerli e lo è meno non arrendersi all’idea di una fine. Non sarà uno spin-off a colmare al 100% l’astinenza da How I Met Your Mother, né immaginare i finali alternativi e i risvolti che avrebbero offerto un paio di stagioni in più. Bello o brutto che sia, un finale deve essere preso come tale, ed è l’occasione per immergerci nelle nostre storie con un bagaglio di esperienze in più. Quelle che hanno vissuto cinque amici che non incontreremo mai, ma con i quali abbiamo condiviso mille avventure.

Antonio Casu 

 

Written by Antonio Casu

Divulgatore seriale serio, serioso e ironico, ma senza il sex appeal di Alberto Angela.

Le 10 puntate più adrenaliniche di Breaking Bad

lettera

15 personaggi delle comedy che ci hanno fatto scompisciare dalle risate