in

25 ottimi motivi per cui Olenna Tyrell è la nonna dei nostri sogni

Olenna tyrell

Olenna Tyrell è la nonna che ogni nipotino si augurerebbe di avere.

Dolce, tenera, molto poco vendicativa e assolutamente estranea a congiure e intrighi di palazzo. Una fragile, arzilla vecchietta che non farebbe mai del male a una mosca. A dirla tutta, ammettiamolo, anche un tantinello noiosa.

Questa è tua nonna.

La decana della nobile famiglia della Rosa, invece, è una sorta di Terminator in sottana e cappello con velo.
Una fredda calcolatrice lucida, scaltra, letale.
Una che sa come ferisca più la lingua della spada, ma anche il veleno fidati che il suo sporco lavoro lo fa.
Sempre nei giri giusti, intrallazzata coi potenti e machiavellica assassina a sangue freddo dei suoi nemici.
Una giocatrice di poker che bluffa in grande stile decidendo il destino dei Sette Regni con la stessa calma con cui potrebbe bere il tè delle cinque insieme ai pasticcini.

Anzi, BEVENDO il tè delle cinque con i pasticcini.

Olenna Tyrell e Sansa Stark

Una personcina a modo, insomma, una di quelle da cui ti saresti fatto venire a prendere volentieri fuori da scuola. Che poi con le carrozze, la scorta e la fanfara era un attimo diventare il più popolare della 3a C.

A parte questo, una così in famiglia fa sempre comodo, ma se ancora non siete convinti ci sono 25 motivi che lo dimostrano.

25 MOTIVI PER I QUALI OLENNA TYRELL È LA NONNA IDEALE

1 – Perché non c’è cosa più divina che… Margaery Tyrell.

2 – Avrebbe dei rimedi molto pratici per aiutarvi a mollare fidanzati inopportuni.

Olenna Tyrell assassinio Joffrey

3 – Lei è la donna più ricca del continente occidentale. Immaginate solamente cosa potrebbe allungarvi sottobanco a Natale, Pasqua e Compleanno.

4 – In quanto all’eredità, va da sé, potreste non dover più lavorare per il resto della vostra vita. Certo, bisognerebbe sopravviverle.

5 – Affronterebbe a muso duro il primo cavaliere del Re, la Regina, il Re e il capo del Credo per assicurarsi che i suoi nipoti arrestati abbiano mangiato. In cella, ma sazi.

6 – Tratta il figlio come un bambino e i nipoti come adulti.

Olenna Tyrell e Mace Tyrell

Written by Simone Viscardi

Di lui dicevano: "È brillante, spiritoso, ironico e a tratti geniale". E con lui intendo il mio compagno di banco alle elementari. Io ero quello di fianco, che al posto di ascoltare la maestra fantasticava di calcio e cartoni animati. Crescendo sono cambiate molte cose, tipo che la maestra è diventata il capo e il compagno di banco il collega. Oggi faccio una di quelle professioni "sull'Internet" difficili da spiegare alle mamme, ma continuo a vivere la mia vita una citazione dei Simpson alla volta...

Better Call Saul

Better Call Saul: nel quarto episodio emerge tutta l’ambiguità morale dei personaggi

Scrubs

Scrubs potrebbe continuare con un film: tutti i dettagli!