in

5 momenti di Game of Thrones che vorremmo cancellare dalla nostra memoria

game of thrones

Ci sono serie tv che in qualche modo modificano e rivoluzionano la concezione delle produzioni seriali. Lo show del decennio che si è chiuso con l’avvento del 2020 e che ha stravolto questi dettami è sicuramente Game of Thrones. George R.R. Martin e i due autori Benioff e Weiss hanno creato un’epica contemporanea che ha radunato davanti al piccolo schermo milioni e milioni di telespettatori di tutto il mondo. La serie tv però, al suo interno, contiene pure momenti che vorremmo totalmente cancellare dalla nostra memoria. La nostra intenzione, in questo articolo, è quella di raccontarvi i peggiori momenti della produzione. E per peggiori intendiamo non solo quelli che ci hanno straziato il cuore, ma anche quelle scelte che ci hanno profondamente deluso.

1) L’esecuzione di Shireen Baratheon

Partiamo subito con una storia che ci ha spezzato il cuore. La piccola e dolce Shireen, figlia di Stannis Baratheon, ha sempre attirato la nostra curiosità e la nostra empatia. Una bambina contagiata da un male terribile, che nonostante tutto è riuscita a sopravvivere e soprattutto a convivere con una malformazione come quella del Morbo Grigio. Procedendo con le puntate e le stagioni, tutti i fan di Game of Thrones, hanno riservato un piccolo posto nel cuore alla principessina. Quel posto però è diventato un vuoto. L’esecuzione di Shireen è stata tremenda, un tuffo al cuore che ci ha dilaniato. Veder bruciare la pira col suo corpicino è stata una delle scene peggiori di tutta Game of Thrones, un ricordo che vorremmo eliminare dalla nostra memoria.

Written by Giacomo Simoncini

“Giro, vedo gente, mi muovo, conosco, faccio delle cose. Ad un mondo di numeri ne preferisco uno di lettere. Scrivo per coinvolgere gli altri, per far appassionare le persone a ciò che amo. ”

breaking bad

Il personaggio di Juan Bolsa in Breaking Bad è un omaggio palese a I Soprano

sons of anarchy

5 coppie delle Serie Tv che si sono progressivamente spente per via dell’incomunicabilità