in

Disincanto?

Disincanto

È stata una delle Serie Tv più attese dell’estate, merito di una promozione incessante negli ultimi mesi e della mente che sta dietro la sua creazione. Ma Disincanto avrà soddisfatto le aspettative?

Ambientata in un Medioevo esagerato e fuori dal comune, la storia vede protagonista la principessa Bean, figlia del re Zøg di Dreamland (un luogo che è tutto l’opposto del suo nome), una ragazza profondamente infelice in cerca di un sogno da inseguire e stanca di dover obbedire alle regole e ai dettami del padre. Accanto a lei troviamo Elfo, un elfo magico ingenuo e speranzoso, esiliato dal suo regno natio, e il demone Lucille, per gli amici Luci.

Disincanto

Nonostante le premesse, Disincanto non riesce a superare la sufficienza, rivelandosi un cartone divertente ma non all’altezza de I Simpson e di Futurama. Il problema è proprio questo. Se si considerasse Disincanto come un cartone senza certi precedenti, lo si potrebbe benissimo inserire in una categoria B. I difetti ci sono ma non apparirebbero così rilevanti se non ci fosse quel nome dietro il progetto. Insomma Matt Groening era un’arma a doppio taglio: poteva essere la fortuna o la sfortuna dello show e si è rivelato rappresentare la seconda opzione.

Disincanto non può non essere messo a confronto con i suoi predecessori, perdendo così a mani bassissime. Perché? Ve lo spiego in cinque punti.

1) Sigla dove?

Uno degli elementi che ha reso iconici i Simpson, e poi Futurama, è la sigla.

Una sigla che di puntata in puntata è diventata un appuntamento immancabile. Lo stesso non si può certo dire per Disincanto. Tralasciando la musica accettabile e in linea con il tema del cartone, l’opening non dice nulla. Non rappresenta la storia, non introduce. C’è o non c’è non fa alcuna differenza.

Written by Serena Faro

Ho attraversato gli oceani del tempo a bordo del TARDIS, ho viaggiato in macchina con Sam e Dean a caccia di mostri, sono arrivata tardi ad un matrimonio a Westeros (meno male) così mi sono diretta a Storybrooke per poi salpare con il capitano Flint. Ho visitato la Londra dei "penny dreadfuls" e la New York dei "mad men". Mi sono ritrovata su un'isola un po' particolare, in attesa di una nuova avventura.

Game of Thrones

Game of Thrones ha usato le voci di fan ubriachi per una delle scene più belle dell’ultima stagione

Game of Thrones

30 motivi per cui Elettra Lamborghini potrebbe conquistare il Trono di Spade