in ,

#VenerdìVintage – 10 motivi per cui ci manca Desperate Housewives

desperate housewives

Quella surreale realtà ci ha incantati, stregati e tenuti incollati allo schermo. La loro ironia ci ha fatti sorridere e divertire, e allo stesso modo le loro riflessioni ci hanno emozionato e fatto riflettere. Stiamo parlando di Desperate Housewives, una serie che amalgama sapientemente dramma e ironia portandoci con sé nello stile di vita più anticonformista e antitradizionale che l’America possa dispensare.

Desperate Housewives è una Serie che va guardata con il sorriso sulle labbra, con la consapevolezza che ogni storia ha il diritto di essere raccontata e che ogni donna ha il diritto di raccontare la propria.

Basterebbe dire che questa serie ha spianato la strada alla Abc, proclamando la stessa rete televisiva come una delle più grandi ed interessanti degli anni 2000, ma in realtà questo è solo un di più. La verità sta nel fatto che questi otto anni delle nostre vite sono stati spesi divinamente, grazie anche al cast celestiale impiegato nella serie.

#1 NON SI SONO MAI VISTE DELLE CASALINGHE COSÌ…

Disperate!
Eh si, il modello tradizionale della casalinga viene completamente sovvertito per lasciare spazio a qualcosa di molto diverso. Tra storie d’amore, tradimenti e misteri, a Wisteria Lane c’è da divertirsi. Quattro donne, ognuna con la propria particolare personalità, ognuna con la propria storia e la propria vita. Questa serie rappresenta una sorta di manifesto femminile, nel quale ogni vicenda vede protagonista una donna. Non mancano perciò, l’originalità ed il sarcasmo.
Grazie alla combinazione tra dramma, commedia, satira e soap opera la serie accompagna lo spettatore nel suo mondo, rendendolo partecipe di suicidi, omicidi e misteri che sconvolgono la tranquillità del ricco quartiere americano.

Written by Alana Santostefano

Si fa fatica a vivere la realtà quando si è capaci di sognare, si è così tanto legati all'astratto che si pensa di dover costruire cose assurde nel presente dell'esistenza unicamente per convincersi di essere vivi.
Sono una sognatrice, una di quelle che si guarda attorno e immagina un'altra vita, una di quelle che non vede l'ora di andare in un posto chiamato 'se stessi' per poter guardare lontano e immaginarsi coperti di nuvole a volare sul tempo.

Jim

#VenerdìVintage – Le 35 citazioni più iconiche de La Vita Secondo Jim

Mader

#VenerdìVintage – Gli esordi assurdi di Rebecca Mader