in

I 10 tipi di uomini delle Serie Tv da cui devi difenderti nella vita reale

Uomini Serie Tv

Questo è un luogo sicuro, amica/o. Qua puoi incontrare la rappresentazione seriale dei tuoi peggiori incubi: il lui a cui stai pensando adesso, il tuo apostrofo rosa tra “guarda che str***o” e “però..”. Tieniti pronto e ascolta la voce di queste parole che non hanno altra intenzione se non quella di darti una pacca sulla spalla e dirti che – purtroppo – è capitato a tutti, neanche in questo hai fatto eccezione. Non è la tua storia, è la storia di tutti. L’uomo misterioso, indeciso, arrogante, che non sa cosa vuole oppure lo sa troppo presto e poi scappa in Burundi, lo abbiamo conosciuto tutti. Non c’è un modo per salvarsi da questo tormento che, solo con il tempo, capirai essere solo una brutta orticaria, te lo devi beccare. Soltanto arrivando alla fine della storia comprenderai che per quanto tu ci abbia provato, alla fine, il più delle volte, puoi solo alzare la manina e salutarlo mentre di corsa fa le valigie e scappa da te. Per ognuno di questi addii, abbiamo purtroppo un esempio da proporti, una lista di 10 uomini delle Serie Tv che presumibilmente descrive anche il modo in cui il tuo uomo misterioso è scappato di corsa, o in che modo tu possa difenderti da tutto questo. Sembra quasi un test: dimmi come sei scappato e ti dirò che personaggio delle Serie Tv sei. Scopriamolo, allora. E fatti forza amica/o, te l’ho detto: è capitato a tutti.

1) BoJack Horseman: “Non sei tu, sono io”. Ed è vero. È lui.

Se il tuo addio è stato provocato da una brutta copia di BoJack Horseman, non posso fare altro che empatizzare in ogni modo possibile con te, vittima di auto commiseratore, anche detto Satana. BoJack non lo sa che ci fai tu li, non ha capito qual è la tua funzione. Magari è anche innamorato di te, ma poi che ci fa con tutto questo amore? Si, ci gioca un po’, fino a quando gli servi. Poi deve scappare. Corre con te facendoti vedere il mondo nel migliore dei modi con i suoi atteggiamenti misteriosi, sempre un po’ teatrali, ma poi rinsavisce e si ricorda che quantomeno nel suo mondo deve esistere solo lui. Lo ha dimostrato: Princess Carolyn è stata la sua vittima preferita perché lo ha sempre amato a prescindere, anche quando non si amava lui. Perché l’uomo da cui devi difenderti, amica/o, vuole essere amato fino allo sfinimento, fino a che puoi, ma senza darti nulla in cambio. Amalo senza disturbarlo, in silenzio, di soppiatto. Fatti viva solo quando sono passati infiniti mesi, e spera che sia la giornata giusta, che tu l’abbia trattato male sufficientemente da fargli esplodere l’ego. BoJack non ti chiede di più, ti chiede solo di commiserarlo quando è arrivato il momento dell’addio. Perché sa che è stato lui a determinarlo ed è proprio lì che entra in scena con il massimo del suo vittimismo e del suo narcisismo.

“Cosa è successo, BoJack?” “

La stessa cosa che succede sempre, tu non mi conoscevi e ti sei innamorata di me. E adesso mi conosci.”

Non è colpa tua, è colpa sua. E lui lo sa bene, e ha ragione a saperlo. Il problema è che ne è felice, perché tanto ha una nuova storia da raccontarsi. Un nuovo spunto per auto commiserarsi: aver rovinato l’ennesima cosa che poteva essere bella nella sua vita. Se il tuo uomo è BoJack, difenditi semplicemente andandotene prima che sia troppo tardi. Qui, purtroppo, le chiacchiere stanno a zero.

2) Ross Geller, “We Were On A Break”

Sapete cosa differenzia un Ross Geller da un BoJack Horseman? Che da BoJack te lo aspetti, da Ross no. Lui, con i suoi modi un po’ timidi e la faccia sognante, è uno dei primi uomini da cui devi difenderti. La vostra conoscenza, insegna Ross, è partita nel migliore dei modi, ma è lo sviluppo che frega i tipi come lui. Perché qualunque cosa tu faccia, in un certo modo, riuscirà ad apparire sbagliata. Se non comunichi, sei da buttare. Se comunichi, sei pesante. Non c’è un modo per far si che Ross sia felice, e la cosa che più terrorizza è che avrà sempre una giustificazione logica ai suoi comportamenti inafferrabili e incomprensibili. “We Were On A Break” dice tanto su di lui perché è proprio la sua essenza, quella più reale. Qualsiasi cosa lui faccia, trova una giustificazione. Chi se ne frega se ha sbagliato, no? L’importante è che aveva tutto il diritto di farlo, ma solo secondo lui. Se il tuo imputato in questa lista di uomini delle Serie Tv da cui devi difenderti ti ricorda Ross, amica/o, preparati e pensaci bene. Sarai sotto accusa perennemente, e non potrai mai avere realmente un momento di stabilità. Andrà via, come è solito fare lui, perché non ha coraggio, perché ogni cosa lo allontana e troppe poche cose lo avvicinano. La verità è che Ross Geller non sa cosa vuole, e pretende che sia tu a saperlo. Ma se lo sai, è troppo presto. E se non lo sai, allora è tutto troppo complesso: ottimo presupposto per passare alla prossima. Non sai mai se è te che vuole, o solo l’idea che ha di te e la sua voglia di avere accanto qualcuno, non importa chi. Incertezze e paure: questo è Ross Geller. Ma coraggio e qualche sicurezza, uno può anche farsele venire quando ne vale la pena. No?

3) Mr. Big, l’eterno stupore di uno degli uomini delle Serie Tv che meriterebbe il primo posto in un’ipotetica classifica

sex and the city

Io lo so che ritrovare il proprio Satana nella descrizione di Mr. Big suoni affascinante e bello, d’altronde lui si è salvato alla fine della corsa regalando a Carrie ciò che ha sempre voluto. Però non possiamo dimenticare le pene, le lacrime, che Mr. Big le ha inflitto. Il suo narcisismo, la sua paura di non riuscire a sopravvivere in mezzo a un rapporto che non avesse data di scadenza, le insicurezze che proiettava a una donna che stava facendo di tutto pur di far funzionare le cose: niente di tutto questo può trovare giustificazione nel bell’epilogo di Sex and the City. Perché tra il loro incontro e l’ultima puntata, c’è la sofferenza. No: non una normale sofferenza, ma una di quelle che ti taglia in due e non ti fa neanche sentire in diritto di soffrire. Chi sei tu per soffrire le pene d’amore per qualcuno che forse non ha capito neanche se il tuo nome, Carrie, ha una erre o ne ha due? Chi sei tu per sentirti in diritto di urlargli contro come dovrebbe comportarsi in un rapporto? Non puoi, Mr. Big sa perfettamente cosa fa e cosa vuole. Beh, se devi difenderti da lui esci fuori tutta la tua strafottenza, e falla implodere. Non puoi sapere se servirà ai fini del rapporto, ma servirà sicuramente a te: ti difenderà quando le sue risposte saranno troppo deludenti, quando ai tuoi “perché?” risponderà che non esiste un perché, una dietrologia. Ti dovrai difendere dalle sue distrazioni, distraendoti a tua volta.

4) Chuck Bass, l’amore malsano di uno degli uomini delle Serie Tv più malsani

Sfatiamo un mito che da troppo tempo ha acquisito un sapore troppo romantico e smielato: se Chuck Bass è dall’altro lato della strada, tu attraversi dal lato opposto. Dopo di che scappi a casa chiudendoti a chiave assicurandoti che le persiane siano già in sicurezza, in maniera tale che lui non possa neanche entrare da lì. Fatto questo, appena ti chiamerà per entrare – perché ti chiamerà – tu non risponderai, perché da Chuck Bass si scappa. Fine dei giochi. Blair si è sentita così tante volte presa e posata che la sua inesistente cellulite deve tutto a lui e a tutte le corse che ha fatto per riprenderselo. Almeno una cosa buona l’ha fatta, ma tolta quella ciò che rimane è il silenzio. I tipi come Chuck fanno rumore dal primo momento in cui mettono piede nella tua, presumibilmente già disagiata, esistenza. Se sei rotta, meglio ancora: non saranno responsabilità loro le tue sofferenze. Ma sei non lo sei, allora ti distruggeranno facendoti conoscere un aspetto dell’amore che non ha nulla di romantico, ma tanto di malsano.

5) Ted Mosby, uno degli uomini delle Serie Tv famoso per il: basta che funzioni

Che faccia angelica quella qui sopra, eh? Ma a meno che tu non sia la sua Robin, trema. Davvero: se non lo sei, ti farà pagare tutte le pene per non esserlo. Questo è ciò che ha fatto nella maggior parte dei casi durante le nove stagioni di How I Met Your Mother: ha fatto pagare a ogni persona che incontrasse la colpa di non essere la sua Robin. E la cosa tragica è che ogni volta che incontrava qualcuna era sempre così felice, così entusiasta, che non riuscivi davvero a cogliere che motivo avrebbe avuto di mandare al diavolo le cose per la troppa fretta, o per il motivo opposto. Perché se l’uomo da cui devi difenderti ti ricorda Ted, allora non esiste un consiglio se non quello di fare sempre e comunque a modo tuo senza curarti delle sue infinite esigenze e pretese sull’amore. Lui vive in un mondo tutto suo attento a non ferire se stesso (gli riesce male) non guardando però mai le ferite che infligge agli altri. Ah, se solo riuscisse a guardarsi dall’esterno: forse capirebbe che l’amore non puoi costruirlo come un progetto, puoi solo farci a cazzotti il più delle volte.

6) Don Draper, il bacio dell’addio

Uomini Serie Tv

Don Draper: la costante che risucchia la linfa vitale. Sa quanto è bravo, quanto è forte, quanto ha fascino. Conosce le sue abilità mentali, e ancor di più conosce le sue incertezze. Non esiste un domani per Don Draper, non esiste neanche il futuro. Esistono gli attimi che passano e la nostalgia di questi. Tutto naviga dentro il confine che esiste tra lui e te, ma tra lui e te c’è tutto il mondo. E più è lontano, più lui vuole arrivare lì. Più tu sei vicina, più lui ti scansa. Se hai di fronte a te un Don Draper, allora – amica/o – corri ai ripari. Il narcisismo è l’amore della sua vita, l’orrendo riflesso che vede quando si rispecchia. Tu sei lì che cerchi di capire come fare, ma non c’è un modo. La cosa più sicura che hai di lui, è il suo abbandono, l’immagine che ti lascia di sé. Non lo fa apposta, gli viene naturale lasciarti un pezzetto della sua essenza, uno profondo che riesca a rimanerti ancorato per bene in maniera tale da non lasciarti mai davvero. Ed è qui che dovrai difenderti, nella parte che arriva dopo l’addio.

7) Dawson Leery, uno degli uomini delle Serie Tv che vuole anche essere il tuo psicologo personale

Uomini Serie Tv

L’immagine scelta non è casuale. L’incarnazione dell’essenza di Dawson Leery è questa, e non esiste cosa più preoccupante. Affrontiamo immediatamente la prima amara conseguenza nell’aver a che fare con lui, il settimo imputato nella lista di uomini delle Serie Tv da cui difenderti: sentirsi perennemente giudicati. Fiuta i tuoi legittimi errori o le tue parti più tue, e poi monta su di esse un’analisi morale che farebbe invidia al miglior psicologo in circolazione. Peccato che noi non vogliamo uno psicologo, in quel caso sganceremmo 70 euro settimanali con la sicurezza che siano ben spesi in una proficua chiacchierata. Qui no. Non esiste. Esiste il “ma tu fai così, fai questo perché”. Perennemente sotto l’occhio di un riflettore che non abbiamo chiesto, ci incateniamo a un rapporto che vive di respiri affannosi, discussioni apatiche. Perché Dawson non urla, sta zitto. Sgancia la bomba, il suo indispensabile (solo per lui) giudizio e poi smette. Tu sei probabilmente a un passo dal perdere la giugulare per rispondere a tutte le sue opinioni, ma di fronte a una tua reazione lui si ammutolisce non comprendendo il perché delle tue risposte. Sembri quasi pazza. E lì che si fa? Si impara a non urlare più, perché il potere di fartelo fare gli va tolto prima possibile. Fidati.

8) Barney Stinson, il volto del silenzio

Uomini Serie Tv

Lo sappiamo: il fascino di Barney Stinson gioca un ruolo contro cui risulta difficile vincere. Ma gridiamo per un attimo al miracolo facendo finta che sia proprio tu la sua Robin: ecco, lì devi difenderti. Perché se sei la sua Robin, allora quello che hai di fronte non sarà una storiella di una notte, ma un lungo calvario di incomprensioni e indecifrabili gesti. Non sarai mai sicura davvero, e le certezze non potrai fare altro che regalartele da sola. Perché per quanto possa essere bravo in alcuni spaccati di sanità, la maggior parte delle cose dovrai darle per scontate. Dovrai dare per scontato il suo cambiamento a un certo punto, dovrai comprendere da te che scelte abbia davvero preso. Barney non ha molto da rimproverarsi con Robin – probabilmente è proprio il contrario – ma nessuno potrà mai salvarlo dal suo errore più grande: fare finta di nulla sui suoi sentimenti. Robin ha dovuto lottare contro i suoi silenzi, comprendendo sempre quasi troppo tardi i veri motivi dei gesti del suo Barney. Se quello che hai di fronte è lui, hai due scelte: fare il suo gioco, o fare l’esatto opposto. In entrambi i casi hai le stesse possibilità di perderlo, nulla potrebbe salvarti da questo epilogo. Il dubbio sarà sempre dietro l’angolo a ricordarti quanto l’instabilità delle cose sia il vero nemico di un rapporto che, lentamente, si sta deteriorando.

9) James Cook, il distruttore

Uomini Serie Tv

Nonostante sia uno dei migliori personaggi di Skins, James Cook non può non essere un tipo di ragazzo da cui è necessario difendersi. Se dentro di te esiste una parte autodistruttiva, sarà la sua preferita. Non pensare neanche per un attimo che la persona che hai di fianco possa placarla: non lo farà, vuole quella. Gli identifica la sua per consolarsi, per curare i suoi strappi. Lo ha dimostrato con Effy: non l’hai mai bloccata, non l’hai mai fermata. Dava da mangiare al suo lato auto distruttivo rendendolo unico protagonista indiscusso della sua essenza, del rapporto. Lei è l’unica persona che lui abbia mai realmente amato, e se questo per lui vuol dire amare, allora dovrai difenderti. Dovrai tirare fuori il lato che invece di distruggere vuole curare, ma non lui, te. Non sei una crocerossina: non puoi cambiare a tuo piacimento le persone, non puoi egoisticamente salvarle. James Cook vuole essere James Cook, vuole morire così come è nato, e non è tuo diritto plasmarlo. Però puoi lasciargli vivere da solo le sue autodistruzioni senza compromettere ancor di più le tue. Questo si, Questo puoi farlo.

10) Hot Priest, uno degli uomini delle Serie Tv che ti lascia anche se ti amerà per sempre e bla bla bla

Uomini Serie Tv

Si, non si direbbe, ma quello che hai di fronte è un prete. Tutto normale, tranquilli: in questo momento non lo stava ricordando neanche lui. Chiariamoci: probabilmente in questa lista di uomini delle Serie Tv da cui devi difenderti, lui è uno di quelli a cui meno faremmo la predica (scusate il gioco di parole) ma non possiamo non prenderlo in considerazione, perché quello che ha fatto è costato un finale triste e degli occhi lacrimanti. Il nostro amico ha toccato una persona che faceva estrema fatica ad aprirsi, e poi è andato via. Sapeva benissimo che il loro finale sarebbe stato amaro, ma prima di arrivarci si è goduto la corsa facendo aprire Fleabag, consapevole che per lei questo fosse un atto non facile. Anche lei si è goduta la corsa consapevole che il finale non potesse essere dolce – e forse questo è uno dei motivi per cui lo ha fatto – ma nel frattempo sperava. Far sperare le persone come lei dovrebbe essere illegale perché lo non lo fanno mai, e farlo vuol dire mettersi a nudo. Lui lo sapeva ed era anche consapevole dei sentimenti che provava, ma è andato via. Sapeva anche di dover fare questo. Lo sapevano entrambi. Qui devi difenderti, ma il come puoi saperlo solo tu. Se l’autoconservazione è la tua peculiarità, probabilmente scapperai. Ma se non lo è, allora vivrai la corsa difendendoti con l’unica consapevolezza che tutto finirà. Non possiamo essere certi che questo ti salverà, perché al momento dei saluti potresti ancora non essere pronta, però potrebbe essere un inizio. Qualsiasi sia la tua scelta, ricordati che non esiste nulla che un buon libro e un film di Fellini non possano curare. E buona fortuna.

Scopri Hall of Series Plus, il nuovo sito gemello di Hall of Series in cui puoi trovare tanti contenuti premium a tema serie tv

Scritto da Annalisa Gabriele

Le serie di Netflix sono contemporaneamente le peggiori e le migliori. Pro: tutti gli episodi vengono rilasciati lo stesso giorno. Contro: tutti gli episodi vengono rilasciati lo stesso giorno.

I 10 buchi di trama più irritanti nella storia delle serie comedy

Èlite

Arón Piper dà l’addio a Èlite: «Ma presto si aprirà un nuovo capitolo»