in

5 spin-off delle Serie Tv che sono stati cancellati ancor prima di andare in onda

Spin-off, si sa, raramente è sinonimo di successo. Sono tante le serie nate come costole di un’opera madre precocemente cancellate a causa di ascolti inferiori alle aspettative. Non è di queste però che intendiamo parlarvi oggi. In questo articolo ci soffermeremo su quegli spin-off che non sono mai giunti in fase di realizzazione, spin-off annunciati e poi cassati senza vedere la luce. Occasioni mancate o scampati pericoli per le rispettive emittenti? Noi riteniamo che alcuni – quello di The Office su tutti – rientrino nella prima categoria, ma è qualcosa su cui possiamo avanzare delle semplici congetture. Voi cosa ne dite? Quali di questi progetti abortiti avreste voluto veder approdare sul piccolo schermo?

Passiamoli in rassegna con la lista dei 5 spin-off cancellati ancor prima di andare in onda.

1) Wayward Sisters (Supernatural)

The Office

Il decimo episodio della tredicesima stagione di Supernatural, Wayward Sisters, ha fatto da backdoor pilot a quello che sarebbe dovuto essere l’omonimo spin-off della serie.


Wayward Sisters si preannunciava uno show tutto al femminile.

Le protagoniste designate erano Jody Mills, Donna Hanscum e un gruppo di giovani donne coinvolte a vario titolo nelle vicende del soprannaturale: Claire Novak, la figlia di quel Jimmy Novak che è stato il tramite di Castiel e che abbiamo visto diventare una cacciatrice professionista; Alex Jones, che dopo esser stata salvata da un branco di vampiri si è prefissata l’obiettivo di tornare a una vita normale; Patience Turner, una sensitiva dotata del potere della preveggenza; Kaia Nieves, capace di viaggiare tra i mondi attraverso i sogni. I buoni ascolti fatti registrare dall’episodio non sono bastati a convincere la rete a ordinare la prima stagione, e così il progetto è morto sul nascere. Non si tratta del primo titolo con cui Supernatural ha arricchito il novero degli spin-off cestinati: prima di Wayward Sisters c’è stato Bloodlines, il cui backdoor pilot non ha mai avuto un seguito.

2) The Farm (The Office)

Il sogno è stato a un passo dal diventare realtà, ma poi è sfumato in un nulla di fatto.

Parliamo della possibilità di uno spin-off dedicato al personaggio più amato di The Office: l’inimitabile Dwight Schrute.

Come il titolo stesso suggerisce, The Farm avrebbe catapultato gli spettatori nel contesto rurale in cui Dwight è cresciuto, quella campagna a cui in The Office vengono fatti continui ed esilaranti riferimenti.

Il tweet pubblicato da Rain Wilson sembrava rendere l’eventualità più che concreta, ma alla fine l’idea ha trovato spazio limitatamente al diciassettesimo episodio della nona stagione di The Office, intitolato appunto The Farm, in cui la scomparsa di una zia di Dwight diventa il pretesto per presentarci alcuni membri della sua famiglia e per mostrarcelo alle prese con la gestione della fattoria ricevuta in eredità.

3) Ripper (Buffy l’ammazzavampiri)

Nel 2007 Joss Whedon, regista e produttore di Buffy l’ammazzavampiri, ha dichiarato al magazine SFX che Ripper era in dirittura d’arrivo.

Eppure quattordici anni dopo dello spin-off incentrato sul mentore di Buffy non c’è traccia.

Nel corso delle otto stagioni di Buffy Rupert Edmund Giles è stato una figura fondamentale per la protagonista: le ha dato la preparazione necessaria ad affrontare il mondo della caccia e, soprattutto, l’affetto e il supporto tipici di una figura paterna. L’ottima fama nutrita da Giles tra il pubblico di Buffy sembrava promettere bene in merito alla possibilità di uno spin-off a lui dedicato, eppure il progetto non è mai andato in porto, malgrado sia Whedon sia Anthony Head si siano espressi positivamente in merito alla sua realizzazione. Ad oggi, l’unico spin-off a cui l’universo di Buffy abbia dato vita è Angel, trasmesso dal 1999 al 2004.

4) Marvel’s Most Wanted (Agents of S.H.I.E.L.D.)

The Office

L’uscita di scena di Bobbi Morse e Lance Hunter, avvenuta al termine della terza stagione di Agents of SH.I.E.L.D., non sarebbe dovuto essere un addio, ma un semplice arrivederci. E invece non è stato così.

Marvel’s Most Wanted, lo spin-off sulla coppia formata dalle due spie, non è mai stato prodotto.

I personaggi di Bobbi e Lance hanno fatto il loro ingresso in Agents of S.H.I.E.L.D. nel corso della seconda stagione, diventando delle componenti extra del team di Coulson. Lavorare a stretto contatto gli ha dato modo di riscoprire l’intesa che li aveva portati a sposarsi e di ravvivare una relazione bruscamente interrotta dal divorzio. Marvel’s Most Wanted sembrava destinato a raccontarceli come agenti e come coppia, ma dopo averlo presentato la ABC ha deciso di non investire sul progetto. In questo modo i due personaggi si sono ritrovati esclusi dall’universo Marvel; Nick Blood è riapparso in Agents of S.H.I.E.L.D. per una breve comparsa nella quinta stagione, mentre Adrianne Palicki non è mai stata richiamata sul set.

5) Windward Circle (Una mamma per amica)

The Office

Alla ricerca del padre, ventunesimo episodio della terza stagione di Una mamma per amica, avrebbe dovuto spianare la strada allo spin-off sulle vicende familiari di Jess Mariano, ma a dispetto dei proclami le cose sono andate diversamente.

Proprio com’è successo con The Office e Wayward Sisters, quello che era stato concepito come backdoor pilot è rimasto un episodio a se stante.

Nell’episodio in questione vediamo Jess chiudere la sua relazione con Rory e lasciare Stars Hollow per inseguire le tracce di suo padre, Jimmy. Giunto in California, Jess incontra i membri della nuova famiglia che Jimmy si è costruito e si appresta a tornare a far parte della sua vita. La serie avrebbe dovuto rappresentare una specie di riedizione al maschile dell’opera originale, in cui al rapporto tra Rory e Lorelai si sostituiva quello tra Jess e Jimmy. Tra i motivi per cui il progetto è naufragato sembra rientrare il costo della location designata, quella Venice Beach rivelatasi troppo dispendiosa per le tasche dell’emittente.

Scopri Hall of Series Plus, il nuovo sito gemello di Hall of Series in cui puoi trovare tanti contenuti premium a tema serie tv

Scritto da Gabriella Cretella

Stando a Nietzsche, ho guardato dentro l'abisso delle serie tv abbastanza a lungo da permettere a lui di guardare dentro di me. In attesa di sapere cos'ha scoperto sul mio conto, parto io col dire ciò che ho visto al suo interno. Anzi: lo scrivo.

migliori sigle cartoni animati

La classifica delle 25 migliori sigle dei cartoni animati

Norman Reedus

Norman Reedus, la star di The Walking Dead, vorrebbe interpretare Ghost Rider