in

Le 9 Web Serie italiane più trash in assoluto

serie web

Le serie web sono un continente ancora non del tutto esplorato.

Spesso poco reclamizzate, figlie di budget inesistenti e di tantissima forza di volontà, non sempre riescono ad emergere dall’oceano di Youtube, rimanendo confinate tra le sue maglie, in attesa di un sommozzatore abile a trovarle e aprirle per estrarre la perla che contengono.

‘Azz, davvero ho scritto sta roba?

Va beh, dato che mi (e vi) voglio del gran male, dopo aver – qualche tempo fa – rintracciato una lista di serie web italiane che andavano assolutamente viste, adesso mi concentrerò sulla prima sottocategoria che il genere è stato capace di partorire e alimentare: il trash.

Trash è una parola molto vaga, che necessita più di una definizione. Non necessariamente una cosa etichettata come trash è negativa, ma a volte vorresti suonare al campanello degli autori lasciando sulla porta un sacchetto di sterco incendiato.

In altri casi, invece, escono fuori serie web tanto assurde quanto imperdibili (come la prima di questo elenco, che andrebbe inserita in qualsiasi antologia proveniente dall’internet). Non perdiamoci in chiacchiere e armiamoci di finestra aperta sul tubo, comincia il viaggio.

Come ogni cena di gala che si rispetti, ho tenuto il dolce alla fine. Però adesso non facciamo che saltate direttamente lì, che poi ci rimango male.

Le ho dovute vedere tutte per scriverne, io.

9 SERIE WEB TRASH DALL’INTERNET ITALIANO

The Lady

Impossibile non nominarla in qualsivoglia classifica relativa alle serie web. Il primo, vero caso di Cult Trash per quanto riguarda la serialità italiana su Youtube o affini. Almeno la prima puntata credo che ormai l’abbiano vista praticamente tutti, quindi non ci dilungheremo troppo sulla trama.

Parliamo di una telenovela, dove una donna forte ed emancipata sgomita in una vasca di squali, tra nemici tenebrosi, fidanzati affascinanti e le lusinghe del Jet Set.

Parliamone, perché altrimenti ci tocca parlare di The Lady.

Written by Simone Viscardi

Di lui dicevano: "È brillante, spiritoso, ironico e a tratti geniale". E con lui intendo il mio compagno di banco alle elementari. Io ero quello di fianco, che al posto di ascoltare la maestra fantasticava di calcio e cartoni animati. Crescendo sono cambiate molte cose, tipo che la maestra è diventata il capo e il compagno di banco il collega. Oggi faccio una di quelle professioni "sull'Internet" difficili da spiegare alle mamme, ma continuo a vivere la mia vita una citazione dei Simpson alla volta...

game of thrones

Tutti la amano, ma io no: vi spiego perchè detesto Sansa Stark

Jay McInerney

Brightness Falls, Amazon produrrà la Serie ispirata ai romanzi di Jay McInerney: tutti i dettagli!