in

10 volte in cui un personaggio odiato delle Serie Tv è diventato uno dei più amati

serie tv

Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris. Nescio, sed fieri sentio et excrucior.

“Ti odio e ti amo. Ti chiederai come faccia! Non so, ma sento che è così ed è la mia tortura.”

Così recitava Gaio Valerio Catullo, così accade nella maggior parte delle situazioni in cui si si trova. Con i sentimenti non si può mai essere categorici, bianco o nero, dentro o fuori… c’è sempre del grigio, c’è sempre una strada di mezzo. Anche con le Serie Tv.

Se ci pensate, accade spesso: una Serie Tv che non ci aveva preso all’inizio, viene riscoperta e diventa la nostra preferita. Oppure un personaggio all’inizio odiato, disprezzato, finisce per diventare quello senza il quale la Serie Tv, per noi, non avrebbe senso. Indubbiamente, accade anche il contrario, ovvero che Serie Tv all’inizio amate, si perdano. O che personaggi grandiosi finiscano per diventare l’ombra di se stessi.

Oggi, però, parleremo di quei personaggi che sono partiti con un gigantesco “no” stampato addosso e sono finiti per essere la nostra gioia, il nostro leitmotiv per guardare la Serie Tv.

1) Alex Karev (Grey’s Anatomy)Grey's Anatomy

Una delle Serie Tv più longeve dei nostri tempi è Grey’s Anatomy (ed è probabile che ne avremo ancora per molto, visto il rinnovo contrattuale di Ellen Pompeo). Forse vi verrà difficile ricordare il Karev dei primi tempi, ma quel Karev era odioso… non per niente era soprannominato Evil Spawn. Un moccioso pieno di frustrazioni e rabbia che puntualmente scaricava sulle persone sbagliate. Abbiamo però avuto modo di notare, sin dall’inizio, che Alex non fosse completamente da buttare. Sapevate che il personaggio di Alex non era destinato a diventare un regular? Doveva essere uno specializzando di passaggio, un rompiscatole temporaneo. E invece… invece Shonda ha visto il suo potenziale, così come lo ha visto Izzie quando nessuno ci credeva.

Con le stagioni, abbiamo iniziato ad amare Alex e si è capito che non avevamo sbagliato: con il salvataggio della Jane Doe, al secolo Ava/Rebecca, abbiamo capito di cos’era capace Alex. La sua consacrazione definitiva arriva nella quinta stagione, quando Izzie si ammala e lui diventa l’uomo che sognava di essere, non più un bambino capriccioso. Le seguenti stagioni sono state altalenanti e hanno mostrato quei suoi lati più deboli che, ormai, avevamo imparato ad amare. Adesso è diventato l’uomo che doveva essere, il chirurgo pediatrico che ogni mamma vorrebbe per il suo piccolo. 

Written by Valentina De Stefano

24 anni, terronadigggiù; seria(l)mente appassionata di serie TV dal "tempo degli Dei dell'Olimpo" e abituata al mainagioia sponsored by AS Roma e Meredith Grey.

Il Nome della Rosa – Sono iniziate le riprese della Serie Tv: tutti i dettagli!

Mindhunter

Mindhunter – Holden Ford e l’invasione della luce nell’oscurità