in

10 volte in cui un personaggio odiato delle Serie Tv è diventato uno dei più amati

serie tv

Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris. Nescio, sed fieri sentio et excrucior.

“Ti odio e ti amo. Ti chiederai come faccia! Non so, ma sento che è così ed è la mia tortura.”

Così recitava Gaio Valerio Catullo, così accade nella maggior parte delle situazioni in cui si si trova. Con i sentimenti non si può mai essere categorici, bianco o nero, dentro o fuori… c’è sempre del grigio, c’è sempre una strada di mezzo. Anche con le Serie Tv.

Se ci pensate, accade spesso: una Serie Tv che non ci aveva preso all’inizio, viene riscoperta e diventa la nostra preferita. Oppure un personaggio all’inizio odiato, disprezzato, finisce per diventare quello senza il quale la Serie Tv, per noi, non avrebbe senso. Indubbiamente, accade anche il contrario, ovvero che Serie Tv all’inizio amate, si perdano. O che personaggi grandiosi finiscano per diventare l’ombra di se stessi.

Oggi, però, parleremo di quei personaggi che sono partiti con un gigantesco “no” stampato addosso e sono finiti per essere la nostra gioia, il nostro leitmotiv per guardare la Serie Tv.

1) Alex Karev (Grey’s Anatomy)Grey's Anatomy

Una delle Serie Tv più longeve dei nostri tempi è Grey’s Anatomy (ed è probabile che ne avremo ancora per molto). Forse vi verrà difficile ricordare il Karev dei primi tempi, ma quel Karev era odioso… non per niente era soprannominato Evil Spawn. Un moccioso pieno di frustrazioni e rabbia che puntualmente scaricava sulle persone sbagliate. Abbiamo però avuto modo di notare, sin dall’inizio, che Alex non fosse completamente da buttare. Sapevate che il personaggio di Alex non era destinato a diventare un regular? Doveva essere uno specializzando di passaggio, un rompiscatole temporaneo. E invece… invece Shonda ha visto il suo potenziale, così come lo ha visto Izzie quando nessuno ci credeva.

Con le stagioni, abbiamo iniziato ad amare Alex e si è capito che non avevamo sbagliato: con il salvataggio della Jane Doe, al secolo Ava/Rebecca, abbiamo capito di cos’era capace Alex. La sua consacrazione definitiva arriva nella quinta stagione, quando Izzie si ammala e lui diventa l’uomo che sognava di essere, non più un bambino capriccioso. Le seguenti stagioni sono state altalenanti e hanno mostrato quei suoi lati più deboli che, ormai, avevamo imparato ad amare. Adesso è diventato l’uomo che doveva essere, il chirurgo pediatrico che ogni mamma vorrebbe per il suo piccolo.

2) Damon Salvatore (The Vampire Diaries)

Da una delle Serie Tv a tema vampiresco, abbiamo un altro personaggio riconducibile a questa categoria. L’entrata in scena prometteva il classico bello e dannato. All’inizio spregevole, sprezzante e senza cuore, Damon ci ha poi rapidamente conquistate. La sua umanità, quella che aveva deciso di mettere da parte per dimenticare tutto il dolore che una vita secolare gli aveva inflitto, ha finito per renderlo ai nostri occhi così meraviglioso. La sua storia con Elena è stata la più chiacchierata ed apprezzata da tutte le indelebili romantiche spettatrici. Il fatto che poi a interpretarlo ci fosse quel fantastico uomo che è Ian Somerhalder ha reso indubbiamente tutto più facile.

3) Sansa Stark (Game of Thrones)

Sansa Stark

Su questa scelta forse ci sarà chi avrà da ridire, ma io credo che il percorso di redenzione di Sansa sia stato rilevante. L’acerba, insensibile, egoista e ingenua figlia di Ned Stark ha dovuto superare una marea di ostacoli per guadagnarsi questo riconoscimento. Per quanto mi riguarda, Sansa era la Stark che all’inizio apprezzavo di meno. Era vuota, scialba e banale. Poi, per forza di cose, per una serie di eventi che l’hanno segnata, ha dovuto svestire i panni della principessa ed è dovuta diventare una vera donna di Winterfell. Tutto questo ha dovuto affrontarlo da sola, senza mai un minimo di supporto. Ha dovuto avere a che fare con lo spregevole King Joffrey ma anche con la malefica Cersei (dalla quale però ha imparato tanto). È probabilmente per questo che Sansa è passata dall’essere una delle più odiate a diventare uno dei personaggi più amati. Certo, non possiamo dire che ora la amiamo alla follia, ma la sua crescita nello show è decisamente entusiasmante.

4) Steve Harrington (Stranger Things)Stranger Things

Ci viene presentato come il classico belloccio stron*o, quello che una volta appagati i suoi bisogni non si volta indietro. Ci abbiamo messo un po’ per capire che era molto, ma molto meglio di quello che pensavamo, ma è stata una grande scoperta. Il suo dolce amore per Nancy ci ha fatto credere che non tutti sono quello che sembrano, che le persone giuste possono aiutare a far venire fuori il lato migliore. La sua bromance con Dustin nella seconda stagione ha rappresentato uno dei momenti più divertenti della Serie Tv, e la sua storia-non storia con Robin ci ha emozionati. Il suo essere la balia dei ragazzi a caccia del Demogorgone ci ha fatto ridere e temere per la loro vita. Steve Harrington è diventato uno dei più amati di Stranger Things, non c’è alcun dubbio.

5) Nathan Scott (One Tree Hill)nathan oth

Il figlio prediletto, il top player della squadra, quello amato da tutte le ragazze. Si sa, la teen comedy americana ha sempre un elemento del genere. All’inizio, in One Tree Hill, per queste sue caratteristiche, era probabilmente odiato e disprezzato dai fan di Lucas. Ma ben presto ci siamo accorte che Nathan non era nulla di quanto descritto; il suo bacio sotto la pioggia con Haley e il braccialetto di plastica regalato a Haley hanno iniziato a buttare giù tutti i muri che nascondevano questo meraviglioso ragazzo. Il suo distanziarsi da suo padre e dalla sua famiglia ci hanno mostrato un personaggio totalmente lontano dal suo ruolo iniziale. E poi, Haley e Nathan sono stata una delle coppie più belle della Tv. Always and forever riecheggia ancora nei nostri cuori, così come ricordiamo i suoi momenti no e la sua forza nel rialzarsi e riadattarsi, con il suo amore per Haley sempre presente.

6) Eric Northman (True Blood)eric true blood

Quando gli show sui vampiri erano ancora cool, True Blood della HBO spadroneggiava. Lui? Il tipico vampiro sprezzante della vita umana, spregiudicato, egoista e l’opposto del caro Bill. E allora perché alla fine abbiamo amato più Eric di Bill? Beh, perché Eric Northman è Eric Northman. Il suo rapporto con Pam ci ha fatto capire che non era del tutto senza emozioni. Il suo interesse per Sookie lo ha portato poi a evolversi, ad adattarsi a dei nuovi standard e a mostrarsi in tutta la sua meravigliosa gloria. Adesso non so se sono ancora annebbiata dalla prestanza fisica che rende Eric Northman (o meglio Alexander Skarsgård, visto in Big Little Lies) quanto di più vicino a un adone greco, ma Eric rimarrà il mio vampiro preferito. Roba che i Cullen e tutta la marmaglia varia se li mangia a colazione.

7) Slade Wilson (Arrow)

Serie Tv

Il rude Slade Wilson non è partito proprio come personaggio odiato, ma lo è diventato subito. Nei flashback di Oliver Queen, vediamo i motivi che hanno alimentato l’odio di Slade nei confronti di Oliver. Far fuori Arrow/Oliver era  diventata la sua missione e niente e nessuno poteva fermarlo. Nel corso di questa folle rabbia, si allea con le persone sbagliate e colpisce Oliver nel modo più spietato che ci possa essere. La sua redenzione però, anche per merito di Oliver, lo porta a riscattarsi e a cercare di cancellare i suoi momenti negativi. Il suo è sicuramente un personaggio che ha compiuto un percorso importante che lo ha portato a essere tra i preferiti del pubblico.

8) Jaime Lannister (Game of Thrones)Game of Thrones: Jamie uccide Cersei Lannister?

Menzionare Sansa e non Jaime da Game of Thrones sarebbe sbagliato. Anche perché il percorso da odio ad amore per Jaime è stato anche più evidente di quello di Sansa. Partito come il fratello/amante della perfida Regina, ha lentamente mostrato la sua vera natura. L’incontro con Brianne di Tarth e la perdita della mano, sono forse i momenti in cui la sua evoluzione si fa più prepotente. È in questi momenti che si sveste dell’armatura di viscido Sterminatore di Re, mostrando come in realtà è stato colui che ha salvato un popolo dalla pazzia del Re Folle. La sua è una delle più grandi crescite nel Trono di Spade: Jaime, alla fine della fiera, è amato da tutti.

9) Klaus Mikaelson (The Vampire Diaries/The Originals)klaus

Presentato come il Vampiro Originale, il fautore di violenza morte e spregiudicatezza, è stato per un po’ di tempo in questo ruolo. La sua furia assassina e la sua totale mancanza di sentimenti lo hanno reso un villain perfetto ma, come sempre, ci ha pensato la donzella di turno a svelarci la sua vera essenza. Il suo gioco di sguardi e la sua infatuazione per Caroline ci hanno fatto intravedere quanto di positivo aveva. Nel sequel di The Vampire Diaries, The Original, ha poi avuto modo di accendere i riflettori sul suo lato umano, il suo lato migliore. La paternità ha probabilmente smussato il suo carattere, ma è indubbio che Caroline sia stata il faro più illuminante sulla bontà di Niklaus, per tutti Klaus.

10) Benjamin Linus (Lost)Benjamin Linus

Benjamin di Lost è probabilmente il personaggio che più si presta ad uscire dal grigio: con lui o è bianco o nero, perfetto per questo articolo, in pratica. Presentato come un manipolatore calcolatore senza scrupoli, si fa notare per il suo spiccato sarcasmo e la sua fredda scaltrezza. L’amore per lui inizia a nascere, però, quando lo vediamo interagire con sua figlia e quando gli sviluppi delle loro vite lo sconvolgono in modo categorico. È da lì, da quel preciso istante, che comprendiamo come la sua sia una maschera costruita, una maschera che cade e ci mostra le sue debolezze. Una volta perso il controllo, anzi, il presunto controllo, veniamo posti di fronte a un personaggio migliore. Un personaggio che accetta di essere il numero due e di non essere colui intorno al quale tutto gira.

Questi sono solo 10 esempi lampanti di personaggi delle Serie Tv odiati e poi amati; in realtà, credo che, in giro tra le Serie Tv, ci siano altre centinaia di personaggi perfetti per questa lista e non potrebbe essere altrimenti. I suggerimenti sono ben accetti!

Scritto da Valentina De Stefano

24 anni, terronadigggiù; seria(l)mente appassionata di serie TV dal "tempo degli Dei dell'Olimpo" e abituata al mainagioia sponsored by AS Roma e Meredith Grey.

how i met your mother

15 dettagli che (forse) ti sei sempre perso in How I Met Your Mother

Friends

Perchè Joey, lo spin-off di Friends, fu un disastro totale?