in ,

AAA Presidente donna cercasi: Hillary e le concorrenti seriali

wannabepresidents



Era una notizia attesa quanto il finale di serie di “How I Met Your Mother“, ma con un esito decisamente prevedibile. Hillary Clinton ci riprova e si candida ufficialmente alle primarie del Partito Democratico per le prossime Presidenziali Usa del 2016. Ok, direte voi, ma cosa c’entra con le serie tv? C’entra, c’entra. Hillary Clinton infatti ha già ispirato diversi sceneggiatori per realizzare dei personaggi che con la Clinton hanno sia dei punti di contatto che delle divergenze pazzesche. Di chi sto parlando? Ovviamente di Claire Hale Underwood, di Melody “Mellie” Grant e di Selina Catherine Meyer, ovvero le tre donne “seriali” che aspirano alla scrivania dello studio ovale.

CLAIRE UNDERWOOD/HOUSE OF CARDS – Se sei sposata con Frank Underwood e lo difendi a spada tratta sempre e comunque, i possibili perché sono 3: 1) sei pazza 2) sei masochista 3) sei maledettamente ambiziosa. Claire non è né pazza, né masochista, punta semplicemente ad arrivare sulla poltrona più importante di tutto, ad essere la Commander in Chief, e pazienza per le conseguenze. Anche lei, come Hillary, deve affrontare i tradimenti del marito, ma Mrs. Underwood non si fa problemi perché sa che quei tradimenti fanno parte del masterplan di Frank e non fa nulla per ostacolarli, anzi, ne calcola l’eventuale importanza e li incoraggia. Il cuore per lei è spesso un optional, un impedimento, un orpello che comunque sa essere devastante quando riprende a battere. La ragione è sempre saldamente al comando, ma quando il cuore manca un battito, le scelte e le priorità di Claire cambiano, con buona pace delle conseguenze. Per essere Presidente non le mancano sicuramente la capacità, ma difetta decisamente nell’arte del compromesso e nell’esperienza a gestire situazioni ad alto rischio. Ma con un “First Gentleman” come Frank, chissene…

MELLIE GRANT/SCANDAL – Tra tutte le “Wannabe President” è la più furba e acuta (e no, non sto affatto escludendo Hillary…). I sacrifici che ha dovuto fare per avere il posto al sole tanto agognato sono stati tanti, in alcune fasi della sua vita, anche troppi. Ovviamente fa parte della schiera delle tradite, ma la sua reazione ai tradimenti di Fitz non è fredda come quella di Claire Underwood, tutt’altro. Mellie ama suo marito più del desiderio di prendere il suo posto un giorno e il dualismo con Olivia Pope rischia di mandare tutto in frantumi più di una volta. A differenza di Claire, però, è più lucida nell’affrontare gli ostacoli e più scaltra nel trarre vantaggio dalle situazioni difficili. La sua determinazione è senza limiti e pur di raggiungere il suo scopo è disposta a mettere in ombra e in situazioni spiacevoli anche l’allegro maritino presidente e fedifrago. Nonostante diversi cedimenti, anche epocali e totalmente indipendenti dalla sua volontà, riesce sempre a ricomporre tutti i pezzi e rialzarsi in piedi, come una Presidente può e deve fare.

SELINA MEYER/VEEP – Rispetto a tutte le altre aspiranti Presidente, parte con un grande vantaggio: quello di essere Vicepresidente. Ma quando hai uno staff sgangherato come il suo, una predisposizione naturale alle figure di m**** come la sua e una totale incapacità di giudizio come la sua, i vantaggi vanno a farsi benedire! Selina è la donna che tutti vorremmo come Presidente del circolo della parrocchia, ma mai come Presidente degli Stati Uniti, per il semplice fatto che potrebbe fare scoppiare contemporaneamente la terza, quarta e quinta guerra mondiale con una banalissima intervista. Lei è l’incarnazione dell’antipolitico, l’altra faccia del potere, quella irriverente, quella cialtrona e cazzara. E proprio per questo è impossibile non amarla e non sognarla nello studio ovale… purché non ci rimanga troppo a lungo. Considerando la pacatezza algida e il senso di responsabilità che avvolge l’aura di Hillary Clinton, un ticket “Clinton/Meyer 2016″ sarebbe il delirio assoluto.

I 5 motivi che hanno reso Scrubs un cult assoluto

The Following 3×08 – Il vecchio (Joe) che torna, il nuovo (Theo) che avanza