L’allieva

Voto 7/10
Genere: Commedia, Giallo - Stagioni: 2
Durata Media Episodio: 50 minuti
Ideatore/Creatore della Serie: Peter Exacoustos, Alessia Gazzola
Data di uscita: 27 settembre 2016
Trailer
Trama
La protagonista, interpretata dalla Mastronardi, è una studentessa di 26 anni di medicina al sesto anno, che dopo una iniziale indecisione tipica dell'età e del periodo immediatamente successivo alla laurea, sceglie di specializzarsi in medicina legale in seguito alla morte della badante della nonna. Alice è goffa, distratta e maldestra, finisce sempre per dimenticarsi qualcosa. Al tempo stesso è però anche molto buona, sensibile e per questo spesso si lascia prendere troppo dalle vittime dei casi a cui lavora. Ha una grande determinazione e curiosità e cerca sempre di scoprire la verità sulla morte delle persone su cui esegue l'autopsia. Le prime due puntate della prima stagione (su un totale di 11 episodi, 12 invece compongono la seconda stagione) prendono il nome da due dei tre romanzi della Gazzola (Sindrome da cuore sospeso, L'allieva), e ci presentano i personaggi: una sera Amalia, la nonna di Alice che abita a Sacrofano, paesino della periferia di Roma, trova la sua badante russa Tamara senza vita in casa, e la prima cosa che fa, sperando sia solamente svenuta, è chiamare la nipote che è quasi un medico. Dato che è chiaro che la ragazza è invece senza vita, viene allertata la polizia che arriva per gli interrogatori ed insieme agli agenti arriva anche il giovane e affascinante medico legale Claudio Conforti, il quale invita Alice a partecipare alle rilevazioni sul cadavere che rivelano che la badante è stata uccisa con un colpo alla testa con un oggetto contundente. L'occasione inaspettata e il fascino esercitato su di lei da Claudio convincono Alice a decidere di fare domanda di internato presso l'istituto di medicina legale. E così inizia L'allieva.


Descrizione

Dalla penna di Alessia Gazzola nel 2011 nasce il romanzo L’allieva, con protagonista la giovane Alice Allevi, studentessa di medicina. Nel 2016, unendo la propria mente con quella di Peter Exacoustos (sceneggiatore de I ragazzi del muretto), nasce su Rai 1 la serie tv omonima, con protagonista Alessandra Mastronardi. La serie prende spunto sia dal primo romanzo di Gazzola, ma anche dai successivi Sindrome da cuore sospeso e Un segreto non è per sempre è si caratterizza per essere un prodotto assolutamente in grado di entrare nel cuore degli spettatori, senza aderire a schemi più volte visti nel panorama televisivo italiano.

Come anticipato, la prima stagione è andata in onda in prima serata su Rai 1 dal 27 settembre al 31 ottobre 2016, ottenendo oltre il 21% di share con una media di 4.800.000 spettatori. I diritti di trasmissione sono stati venduti all’estero (tra gli altri in Francia, Germania, Giappone, Spagna e Turchia). Le riprese della seconda stagione sono iniziate il 27 novembre 2017 e terminate il 10 maggio 2018. La messa in onda della seconda stagione è iniziata il 25 ottobre 2018 è andata in onda per i 6 seguenti giovedì con 2 episodi da 55 min, terminando il 29 novembre 2018. È stata confermata la produzione di una terza e ultima stagione, che verrà trasmessa nel 2020, e le cui riprese sono iniziate nel novembre 2019.

La protagonista, interpretata dalla Mastronardi, è una studentessa di 26 anni di medicina al sesto anno, che dopo una iniziale indecisione tipica dell’età e del periodo immediatamente successivo alla laurea, sceglie di specializzarsi in medicina legale in seguito alla morte della badante della nonna. Alice è goffa, distratta e maldestra, finisce sempre per dimenticarsi qualcosa. Al tempo stesso è però anche molto buona, sensibile e per questo spesso si lascia prendere troppo dalle vittime dei casi a cui lavora. Ha una grande determinazione e curiosità e cerca sempre di scoprire la verità sulla morte delle persone su cui esegue l’autopsia.

L’Alice interpretata dalla Mastronardi è quella che può essere chiamata sognatrice ad occhi aperti. A volte impacciata, è una donna pasticciona, ma brillante, coraggiosa e positiva. Empatica verso i propri pazienti, Alice è spesso ostacolata da Claudio Conforti (Lino Guanciale): medico cinico e spesso fin troppo razionale, frena molto spesso l’entusiasmo e la perspicacia deduttiva ed istintiva della sua allieva. Claudio ed Alice sono infatti in constante scontro. La maschera indossata dall’uomo sin dall’inizio, e che lo individua come stereotipato Casanova, viene pian piano smentita da un sentimento che nasce naturalmente e che fa vacillare la stessa Alice. La ragazza infatti è al tempo stesso legata ad Arthur (Dario Aita) in un rapporto non convenzionale sempre più messo alla prova dalla distanza fra i due. Arthur è uno spirito libero, romantico e dalle idee molto chiare sul proprio futuro: tuttavia, anche lui cede immediatamente al fascino di questa ragazza perfettamente imperfetta.

La componente sentimentale, inoltre, si intreccia continuamente con quella investigativa. Trama verticale e trama orizzontale si fondono sapientemente con dinamicità e astuzia: infatti, seppur sia una fiction fondata su base comica e sentimentale, L’Allieva riesce a bilanciare dramma ed ironia in tempi televisivi ben studiati. La sceneggiatura curata da Peter Exacoustos, Cecilia Calvi, Valerio D’Annunzio e Vinicio Canton va in sintonia con la regia attenta ed essenziale di Luca Ribuoli. Quest’ultimo ha anche diretto la serie La mafia uccide solo d’estate, adattata dall’omonimo film di Pif.

Le prime due puntate della prima stagione (su un totale di 11 episodi, 12 invece compongono la seconda stagione) prendono il nome da due dei tre romanzi della Gazzola (Sindrome da cuore sospeso, L’allieva), e ci presentano i personaggi: una sera Amalia, la nonna di Alice che abita a Sacrofano, paesino della periferia di Roma, trova la sua badante russa Tamara senza vita in casa, e la prima cosa che fa, sperando sia solamente svenuta, è chiamare la nipote che è quasi un medico. Dato che è chiaro che la ragazza è invece senza vita, viene allertata la polizia che arriva per gli interrogatori ed insieme agli agenti arriva anche il giovane e affascinante medico legale Claudio Conforti, il quale invita Alice a partecipare alle rilevazioni sul cadavere che rivelano che la badante è stata uccisa con un colpo alla testa con un oggetto contundente. L’occasione inaspettata e il fascino esercitato su di lei da Claudio convincono Alice a decidere di fare domanda di internato presso l’istituto di medicina legale. E così inizia L’allieva.

Cosa aspettarsi dalla serie
La componente sentimentale, inoltre, si intreccia continuamente con quella investigativa. Trama verticale e trama orizzontale si fondono sapientemente con dinamicità e astuzia: infatti, seppur sia una fiction fondata su base comica e sentimentale, L’Allieva riesce a bilanciare dramma ed ironia in tempi televisivi ben studiati.


Il Cast