in

10 cose che abbiamo capito dal trailer di Orange Is The New Black

Il countdown è ormai agli sgoccioli. Manca poco anzi pochissimo alla quarta agognata stagione di Orange Is The New Black dopo che la precedente ci ha lasciato col fiato sospeso soprattutto per quanto riguarda la regina del dramma Alex Vause. Interrogativo al quale il trailer di Orange Is The New Black non ha voluto darci una risposta sempre se si escludono due sottilissimi indizi che ci lasciano pensare che il capitolo Vause non sia per niente archiviato. Stesso discorso vale per il futuro di Nicky, finita in massima sicurezza a causa della sua nuova (e vecchia allo stesso tempo) attività di spaccio. In questo caso invece nessuno spia è venuta in nostro soccorso lasciandoci cuocere nel nostro brodo.

Eppure il trailer di Orange Is The New Black rivela tante, tantissime novità dando adito a numerose interpretazioni introducendoci ad una Litchfield sempre più complessa nelle dinamiche tra bande rivali e che soprattutto dovrà fare i conti con un giro di vite da parte della nuova gestione privata a marchio MCC. In poco più di due minuti di trailer quello che balza agli occhi più di ogni altra cosa è proprio la presenza sempre più massiccia dell’odio tra detenute e tra agenti.

Domani la nuova ed attesissima quarta stagione sarà disponibile su Netflix perciò attenzione perché il gioco inizia a farsi duro sul serio.

1. Gloria e Sophia

trailer

Quando due leonesse vogliono proteggere i loro cuccioli è inevitabile che avvenga l’irreparabile. Nella terza stagione abbiamo lasciato la povera Sophie in isolamento a causa della faida con Gloria. Nel trailer è ancora lì con Caputo che la guarda dalla piccola finestrella che si affaccia sulla cella lasciandoci pensare che le cose per lei non si stiano mettendo proprio benissimo. D’altro canto, Gloria non sembra tenersi lontana dai guai. In una scena vediamo una guardia sbatterla contro il muro e tenerla per i polsi. Allora le interpretazioni sono due: o Mendoza vuole cacciarsi di proposito nei guai per pareggiare i conti con la ex amica Sophie oppure le misure punitive a Litchfield stanno diventando sempre più rigide. Probabilmente è più facile la seconda opzione dato che Gloria, oltre ad aver sempre maneggiato il potere con cura, era alle prese col destino di suo figlio (pomo della discordia) motivo per cui è difficile credere che abbia voglia di cacciarsi nei guai proprio adesso.

Sta di fatto che nel trailer né per l’una né per l’altra sembra prospettarsi un periodo facile, come per tutte del resto.

Written by Irene Frau

Sarda di nascita, milanese per esigenza, mi nutro di un amore folle per le serie tv e il Cinema aprofittando di tutte le opportunità per abbronzarmi alla luce del piccolo e del grande schermo.
Pittrice a tempo perso, dipendente dal mare e dalle nuotate, vorrei essere bionica per stare dietro a tutto quello che mi piace senza collassare in un sonno profondo.

Le 16 puntate di Chuck che ti faranno venire voglia di rivederlo tutto

the young pope

Cosa ci aspettiamo dalla Serie Tv di Paolo Sorrentino