in

Le 7 dichiarazioni shock di questa settimana nel mondo delle Serie Tv

Ecco finalmente ad una nuova puntata della rubrica delle 7 dichiarazioni shock della settimana (14 – 21 gennaio)! In questi ultimi sette giorni non sono mancate le novità nel mondo delle serie televisive a partire da Peaky Blinders e finendo con Dexter.
Ma anche l’attore Jon Hamm (protagonista della celebre serie televisiva Mad Men) ha voluto dire la propria sullo show Gossip Girl che, ricordiamo, sta tornando con un reboot.
Bando alle ciance, cominciamo!

1. Bridgerton

La piattaforma Netflix ha fatto debuttare a dicembre 2020 un altro piccolo show che ha spopolato fra i propri abbonati: Bridgerton. In questi giorni il suo showrunner, Chris Van Dusen, ha rilasciato delle dichiarazioni che promettedono tante stagioni future.. Otto, per l’esattezza! Ecco le sue parole:

“Sento che la prima stagione è stata focalizzata principalmente su Daphne e sulla sua storia d’amore con Simon. Ma, essendo questa una famiglia di otto figli ed essendoci otto romanzi, mi piacerebbe potermi focalizzare e poter raccontare veramente le storie e le storie d’amore di tutti i fratelli Bridgerton. Lo amerei molto. […] È interessante. Penso che sia troppo presto per dirlo ora. Ci siamo concentrati sulla storia d’amore tra Daphne e Simon in questa prima stagione. Penso però che abbiamo anche lavorato per costruire gli altri personaggi. Ci siamo immersi nella storia d’amore di Anthony. Abbiamo anche esplorato Benedict, e Colin, ed Eloise. Penso che ci sia un pozzo profondo di storie da esplorare.”

2. Friends – Lisa Kudrow

La serie televisiva cult Friends ritornerà con un episodio speciale sulla piattaforma HBO Max. Malgrado i numerosi rinvii per l’inizio della produzione, data la presenza della pandemia di coronavirus da quasi un anno, i fan hanno pensato che il progetto si fosse bloccato. L’attrice Lisa Kudrow, invece, ha rivelato che lei avrebbe già effettuato delle riprese da sola:

Ci sono diverse sfaccettature, e abbiamo già girato pacchetti di cose […]. Ho già pre-girato qualcosa, quindi lo stiamo facendo, perché ho già registrato qualcosa. […] Non è un reboot. Non è come una sceneggiatura, non stiamo interpretando i nostri personaggi. Siamo noi a stare insieme, cosa che non accade molto e non è mai successo di fronte ad altre persone dal 2004, quando ci siamo fermati.”

3. WandaVision – Paul Bettany

In un’intervista realizzata per Variety, per promuovere la nuova serie televisiva di Disney+ WandaVision, l’attore Paul Bettany (interprete del personaggio Visione) ha voluto raccontare di quella volta in cui ha pensato che il suo percorso nell’universo Marvel fosse arrivato al capolinea:

Il mio contratto era in scadenza e sono morto due volte in Infinity War e ho ricevuto una chiamata dal capo che diceva: “Vieni a trovarmi in ufficio”. Ho guardato mia moglie e ho pensato di aver perso il lavoro. Sono entrato e Louis D’Esposito e Kevin Feige erano lì e non volevo che nessuno si sentisse a disagio, quindi ho detto: “Guarda, ho capito. È stato fantastico. Ho fatto un bel percorso, ragazzi. ” Mi hanno detto: “Aspetta, stai per smettere?” E io: “No, non mi stai licenziando?” Hanno detto: “No, ti presenteremo una serie televisiva”. Quindi ho detto, “Okay, ci sto!” Poi abbiamo parlato di due storie di fumetti che amo davvero: House of M e The Visions, che è una storia su Visione che cerca di costruire una famiglia in periferia e [WandaVision] è una sorta di mash-up tra loro, e anche con una specie di sguardo affettuoso alle sit-com americane nel secolo americano. Ero tipo “Ci sto!”

4. Peaky Blinders

Notizia di questa settimana dell’inizio di produzione della sesta (e ultima) stagione di Peaky Blinders: un annuncio che i fan di tutto il mondo stavano aspettando col fiato sospeso. Il creatore di Peaky Blinders, Steven Knight, ha però rivelato un’ulteriore notizia: la serie televisiva della BBC si concluderà con un film che andrà a completare la trama della famiglia Shelby:

“Il Covid ha cambiato i nostri pianiMa posso dire che il mio piano era fin dall’inizio quello di terminare Peaky Blinders con un film. Equesto è ciò che accadrà.

5. Anne Hathaway

Non chiamate più Anne Hathaway col suo nome. Sì, avete letto bene. La famosa attrice che è recentemente apparsa nello show Modern Love, di Amazon Prime Video, ha dichiarato in questi giorni di sentirsi molto più agio quando le persone che la circondano la chiamano con il suo nomignolo: Annie.
La Hathaway ha raccontato anche il motivo dietro questa sua scelta:

Chiamatemi Annie, per favore. Possiamo parlare del mio nome per un secondo? Quando avevo 14 anni ho girato uno spot pubblicitario e dovevo iscrivermi al SAG. A quel punto mi hanno chiesto: “Quale vuoi che sia il tuo nome d’arte?”, E io ho risposto: “Beh, dovrebbe essere il mio nome. Mi chiamo Anne Hathaway”. All’epoca mi sembrava la cosa giusta da fare, ma non avevo realizzato che la gente avrebbe continuato a chiamarmi così per il resto della mia vita. […] L’unica persona che mi chiama Anne è mia madre e lo fa solo quando è molto, ma molto arrabbiata con me. Quindi ogni volta che in pubblico qualcuno mi chiama con il mio nome penso che mi stia per sgridare, o mi dico: “Cosa ho combinato?”. Per favore, sentitevi tutti liberi di chiamarmi Annie. Anzi chiamatemi in qualsiasi altro modo, ma non Anne.

6. Gossip Girl – Jon Hamm

L’attore Jon Hamm, protagonista dello show Mad Mean, ha guardato sorprendentemente Gossip Girl e ha deciso di dire la sua in merito allo show. Hamm ha ammesso di aver guardato la serie televisiva per adolescenti perché ha collaborato con diverse persone apparse nello show; i personaggi sui quali si è concentrato sono Chuck Bass e Dan Humphrey (interpretati rispettivamente da Ed Westwick e Penn Badgley):

Tutti erano tipo ‘Oh, questo è Chuck’, ‘Cioè, parla come un cattivo ragazzo.’ Sì, è stato piuttosto interessante vedere che è stato accettato dalla comunità o dalla narrativa come questo tipo di persona relativamente eroica. Anche se ogni volta che apre bocca non ti fidi di quel ragazzo. Sembra strano per uno show così ampiamente incentrato sulle donne, o orientato alle donne, o sul tipo di potere femminile di tutto questo, anche se è un po’ contorto, avere i ragazzi nello show riuscire a manipolare le ragazze così tanto. Almeno da quello che ho visto, sembra che ci sia così tanto tira e molla. Compresa la rivelazione che il vero manipolatore principale è, in effetti, l’uomo.

7. Dexter – Michael C. Hall

Concludiamo la rubrica di questa settimana con Michael C. Hall che tornerà prossimamente nelle vesti del protagonista Dexter; l’attore ha ammesso in questi giorni che il revival sta arrivando al momento giusto per una serie di vari fattori. Ecco le parole di Hall:

Stavolta, molto ha a che fare con il tempo che è passato. Questo accadrà in tempo reale, come se fosse passato lo stesso tempo da quando è avvenuto il finale. E sì, abbiamo appena riunito di nuovo la band creativa. Clyde Phillips è tornato, e lui è stato lo showrunner per le prime quattro stagioni, a dirigere lo show. E Marcos Siega, che è uno dei registi. Lo gireremo come un lungo film di dieci ore. È stata una combinazione delle sceneggiature e dei tempi. Ho sempre pensato che forse l’occasione si sarebbe rivelata nel momento giusto per farlo ed è successo tutto questo. E sono entusiasta. Stavo visitando i set l’altro giorno ed è reale. Sta succedendo davvero. “

Written by Silvia Nunnari

Ho deciso che fra una serie televisiva ed un'altra, sorseggiando vino con Cercei Lannister ed Olivia Pope, di riempire il web con la mia scrittura.

better call saul

Come è cambiato Jimmy McGill dalla prima all’ultima stagione di Better Call Saul

The Good Place – Il Paradiso Perduto