Vai al contenuto
Home » News » La gaffe di Netflix sul poster di Cuties: le pesanti accuse e le successive scuse

La gaffe di Netflix sul poster di Cuties: le pesanti accuse e le successive scuse

Netflix ha spesso dimostrato di essere avanguardista promuovendo serie tv e film che esaltassero la diversità e sensibilizzassero il pubblico alle politiche di inclusione, basti pensare al destino di Skam Italia 4. Purtroppo negli ultimi giorni il colosso dello streaming potrebbe aver commesso un errore, che molti si ricorderanno, azzardando una campagna pubblicitaria discutibile e che ha come protagonista il film francese Cuties, scritto e diretto da Maïmouna Doucouré.

La trama affronta le difficoltà e i sogni di Amy, ragazzina senegalese immigrata con la famiglia in Francia. Le vicende della storia mettono in luce le problematiche che qualsiasi adolescente si appresta ad affrontare nel periodo della pubertà e della scoperta di sé. In questa fase cruciale della vita di Amy, assumono un ruolo importante Angelica e il suo gruppo di amiche conosciute con il soprannome di Cuties. Sono proprio loro che invitano Amy a far parte di questo corpo di ballo che si esibisce in una danza dallo stile provocante e adulto e che ha ben poco a che fare con le tradizioni e la storia della cultura della nuova ragazzina, motivo per cui lei si troverà in difficoltà cercando di conciliare due mondi a cui appartiene ma che tra loro sono totalmente diversi.

I temi centrali dipingono dunque una storia interessante, basata sulla scoperta del proprio corpo e delle proprie passioni e che, come mostra il trailer, sembra affrontare con serietà e giudizio lo scontro tra le due realtà in cui la protagonista vive.

Purtroppo, nonostante le premesse interessanti, la promozione di Netflix ha fatto discutere.

Netflix

L’errore che il colosso dello streaming avrebbe commesso riguarda l’aver pubblicizzato la data di rilascio del film, il 9 settembre, diffondendo un poster che mette in primo piano quattro ragazzine in pose provocanti. È chiaro il riferimento al tipo di danza controversa che i personaggi esibiscono nella storia, tuttavia se i movimenti sinuosi delle ragazzine assumono un altro significato nella pellicola, il poster fuori contesto rischia di “sessualizzare i loro corpi” senza accennare al motivo delle loro pose o allo scopo collegato con la trama.

Netflix ha dunque deciso di ritirare il poster dichiarando alla stampa:

Non andava bene, né rappresentava questo film francese presentato in anteprima al Sundance. Abbiamo ora aggiornato le immagini e la descrizione. Siamo profondamente dispiaciuti per la locandina inappropriata che abbiamo utilizzato.

Con queste scuse Netflix ha cambiato sia la locandina che la descrizione del prodotto, sperando che venga apprezzato e non frainteso dopo la cattiva campagna pubblicitaria inizialmente scelta. Inoltre, per avere un ulteriore quadro d‘insieme, vi riportiamo anche il trailer:

LEGGI ANCHE: Le 5 migliori Serie Tv che inizieranno a settembre